52.898.963
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

A 48 ORE DALLO STORICO REFERENDUM SCOZZESE, ECCO COSA ACCADREBBE SE VINCESSE IL SI' (INTANTO, BOCCHE CUCITE A BRUXELLES)

martedì 16 settembre 2014

Ufficialmente, la Commissione europea è entrata in silenzio radio, e risponde con sonori "no comment" a qualunque domanda sulle conseguenze di un'eventuale vittoria del "sì" al referendum di giovedì prossima sull'indipendenza della Scozia dal Regno Unito. In realtà, a Bruxelles c'è grande preoccupazione: la vittoria degli indipendentisti scozzesi comporterebbe problemi giuridici e politici notevoli, riguardo allo status del nuovo Stato nell'Ue.

In passato, la Commissione (e in particolare il suo presidente uscente, José Manuel Barroso) ha detto chiaramente che uno Stato secessionista staccatosi da un paese membro non potrebbe continuare a far parte dell'Ue come se niente fosse, e dovrebbe richiedere l'adesione e sottoporsi ai negoziati per ottenerla, come qualunque altro candidato.

E anche se questo per la Scozia potrebbe avvenire con tempi molto più brevi e meno difficoltà, rispetto a un paese candidato "esterno", lo scoglio principale non sarebbero i negoziati d'adesione, ma la regola dell'unanimità per l'accettazione del nuovo Stato membro, che dà potere di veto a qualunque altro paese dell'Unione.

E' facile prevedere l'opposzione, se non dal Regno Unito (la separazione dalla Scozia sarebbe perfettamente legale e accettata da Londra, sebbene a malincuore), in particolare da parte della Spagna, che teme il contagio della febbre indipendentista alla Catalogna. I catalani vorrebbero seguire l'esempio scozzese, ma Madrid non prevede per loro la possibilità di secessione. E ci sono anche altri Stati membri che potrebbero opporre il loro veto, a comincare da quelli che non hanno mai riconosciuto il Kosovo indipendente dalla Serbia, proprio perché temono il contagio alle minoranze etniche residenti nel proprio territorio: la Slovacchia e la Romania, che hanno forti minoranze ungheresi, e Cipro, ancora divisa in due dall'occupazione turca, e la Grecia, oltre alla stessa Spagna.

I secessionisti scozzesi, comunque, sembrano avere le idee chiare sulla futura collocazione dell'eventuale nuovo Stato indipendente: vogliono rimanere nella Nato (ma senza armi nucelari sul loro territorio), nel Commonwealth e nell'Ue, ma non vogliono entrare nell'Eurozona (vogliono restare nell'area della sterlina), né nello spazio di Schengen (ma resteranno nell'area di libera circolazione della Gran Bretagna, Irlanda e Isole della Manica).

La strategia degli indipendentisi, dettagliata in un voluminoso documento del governo scozzese ("Scotland's Future"), prevede che non ci sia soluzione di continuità nella "membership" dell'Ue e della Nato, ma che tutto sia regolato durante un breve periodo di transizione, fra l'eventuale vittoria al referendum di giovedì prossimo e la data dell'entrata in vigore dell'indipendenza, fissata al 24 marzo 2016.

"Far parte dell'Ue è nell'interesse della Scozia. La nostra politica è che la Scozia indipendente continuerà a essere membro dell'Ue. Negozierà con il Regno Unito e con gli altri Stati membri una transizione dolce ('smooth', ndr) alla piena adesione", si legge nel documento.

Secondo questa strategia, in accordo con il principio della "continuità degli effetti", gli obblighi e le disposizioni dei Trattati Ue sarebbero considerati rispettati in considerazione del fatto che già si applicano da tempo in Scozia in quanto attualmente parte di uno Stato membro, il Regno Unito. In questo modo, "si eviterà un'interruzione ('disruption', ndr) dell'attuale piena integrazione della Scozia entro il quadro giuridico, economico, istituzionale, politico e sociale dell'Ue".

Potrebbe funzionare questa soluzione? Potrebbe essere accettata dalla Commissione europea, che è guardiana dei Trattati Ue? Difficile dirlo prima che si sappia il responso delle urne, qualunque risposta oggi sarebbe un'interferenza con l'esercizio democratico del voto degli scozzesi. Ma è molto dubbio che possa valere un'interpretazione di questo genere, prevalentemente giuridica, e soprattutto che l'accettino sul piano politico i paesi timorosi del contagio secessionista, pronti a brandire il loro diritto di veto.

Per quanto riguarda la Nato, come per l'Ue, nel caso in cui vincesse il "sì", la Scozia "dovrebbe chiedere l'adesione come nuovo Stato indipendente", ha chiarito in diverse occasioni il Segretario generale dell'Alleanza, Anders Fogh Rasmussen, ricordando che, anche qui, la decisione dovrebbe essere presa all'unanimità degli Stati membri. La durata dei negoziati, ha precisato Rasmussen, dipende da quanto il nuovo Stato soddisfa già i criteri necessari. Il problema principale, comunque, resta l'Ue. E non solo sul piano politico.

Dal punto di vista giuridico, la prospettiva di risolvere rapidamente la questione della ri-adesione è complicata dalle richieste di "opt-out" della Scozia. Forse potrebbe passare sulle norme Schengen (libera circolazione delle persone) - che dall'inizio l'Ue ha applicato con molta gradualità ed eccezioni -, ma sull'euro è tutto un'altro discorso. Il trattato di Maastricht prevede due soli "opt-out" permanenti dalla moneta unica, per il Regno Unito e per la Danimarca. Tutti gli altri paesi membri dell'Ue hanno l'obbligo di entrare nell'euro quando siano soddisfatte le condizioni richieste (su deficit, debito, inflazione, tassi d'interesse, indipendenza della banca centrale nazionale etc.).

La nuova Scozia comincerebbe i negoziati di ri-adesione in salita, se chiedesse di ereditare l'opt-out britannico in questo campo, e troverebbe la Commissione europea fortemente contraria. Il nuovo Stato indipendente potrebbe trovare sulla sua strada un nuovo ostacolo in più, finora neanche considerato: il Parlamento europeo, che deve dare il suo parere conforme a tutti i trattati di adesione.

Sul piano politico, tuttavia, un altro referendum potrebbe venire in soccorso alle ambizioni europee della Scozia: quello sulla permanenza della Gran Bretagna nell'Ue, che il premier David Cameron ha promesso di tenere nel 2017 (se vincerà le elezioni nel 2015).

Gli scozzesi, va ricordato, sono molto più favorevoli dei britannici all'integrazione europea, anche per via dei finanziamenti ricevuti dai fondi comunitari per lo svilppo regionale e da quelli della Pac (Politica agricola comune).

Un'eventuale uscita di Londra - abbastanza probabile se l'opinione publica britannica resta fortemente antieuropea, come hanno dimostrato le elezioni dell'Eurparlamento del maggio scorso - rafforzerebbe certamente la prospettiva della Scozia indipendente di restare nell'Ue, o di rientrarvi molto rapidamente, sostituendosi in qualche modo al Regno Unito.

Nonostante l'indipendenza, insomma, se vincesse il "sì" alla fine il destino europeo della Scozia potrebbe essere deciso a Londra e a Madrid, a Strasburgo e ad Atene, più che a Edimburgo. Ed è esattamente quello che ha detto Nigel Farage, leader dell'UKIP: la Scozia non diventerà indipendente, se vinc eil sì. Diventerà un dominio dell'unione Europea. 

Redazione Milano.


A 48 ORE DALLO STORICO REFERENDUM SCOZZESE, ECCO COSA ACCADREBBE SE VINCESSE IL SI' (INTANTO, BOCCHE CUCITE A BRUXELLES)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua
''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER, INVENTORE DELLA FLAT TAX

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER,

mercoledì 11 ottobre 2017
“Sono molto preoccupato per l’unione europea. Francamente quando hai tutti quei paesi gestiti da un governo non eletto, finisci col rimetterci in termini di competizione, oltre che a
Continua
 
IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO DELL'AUSTRIA!'' MA E' UNA CALUNNIA

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO

mercoledì 11 ottobre 2017
LONDRA - Il prossimo governo austriaco potrebbe avere al suo interno una componente di "estrema destra", quella che il quotidiano laburista britannico The Guardian oggi, in un articolo in prima
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CREPE NEL PARTITO DI ANGELA MERKEL: UNA PARTE CONSISTENTE VUOLE L'ALLEANZA CON ALTERNATIVA PER LA GERMANIA (ADDIO, SPD)

CREPE NEL PARTITO DI ANGELA MERKEL: UNA PARTE CONSISTENTE VUOLE L'ALLEANZA CON ALTERNATIVA PER LA
Continua

 
LA RUSSIA TAGLIA IL GAS ALL'AUSTRIA! LA SITUAZIONE ENERGETICA DELLA UE SI FA SEMPRE PIU' PRECARIA (E L'INVERNO ARRIVA)

LA RUSSIA TAGLIA IL GAS ALL'AUSTRIA! LA SITUAZIONE ENERGETICA DELLA UE SI FA SEMPRE PIU' PRECARIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: KURZ HA VINTO GRAZIE ALLA POLITICA SUI MIGRANTI DEL GOVERNO

17 ottobre - Il voto austriaco, con la vittoria del centrodestra guidato da Sebastian
Continua

GIOVANE TURISTA AMERICANA VIOLENTATA IN PIENO CENTRO A FIRENZE DA

17 ottobre - FIRENZE - Ennesimo episodio di violenza sessuale a Firenze. Una turista
Continua

SALVINI: NIENTE CLANDESTINI AFRICANI NEGLI ALBERGHI DELLA SICILIA!

17 ottobre - CATANIA - ''Bloccare l'immigrazione e fare politiche serie per il
Continua

RAQQA LIBERATA DALL'ISIS QUESTA MATTINA, MA CONTINUANO I

17 ottobre - RAQQA - SIRIA - Le Forze democratiche siriane (Fsd), alleanza di milizie
Continua

AVVISO DI GARANZIA ALLA SINDACA DI TORINO (PER UNA VICENDA SURREALE)

17 ottobre - TORINO - ''Vi comunico che mi e' appena stato notificato un avviso di
Continua

DUE AFRICANI TENTANO DI RAPIRE TRE BAMBINI DENTRO UN ORATORIO A

16 ottobre - MONZA - Un episodio gravissimo accaduto a Carugate è stato reso noto
Continua

IL RISCHIO POVERTA' NELLA UE COLPISCE QUASI IL 24% DEI CITTADINI

16 ottobre - Nel 2016 nella Ue - che a questo punto si può ben dire sia una fabbrica
Continua

LA MERKEL IN DIFFICOLTA' TEME LA DESTRA: ''LA VITTORIA DI KURZ NON

16 ottobre - BERLINO - ''La vittoria di Sebastian Kurz non va imitata''. Lo ha detto
Continua

GOVERNO UNGHERESE SI CONGRATULA CON KURZ PER LA VITTORIA

16 ottobre - ''Siamo felici che un partito fratello del nostro abbia vinto le
Continua

GIORGIA MELONI: NON CREDO CHE IL 26% DEGLI AUSTRIACI SIANO NAZISTI

16 ottobre - ''Non credo si possa dire che il 26% degli austriaci siano nazisti, non
Continua
Precedenti »