69.242.705
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI HA RIDOTTO LE TASSE? NO, LE HA AUMENTATE (+0,2% DAL 2013) ORA SONO AL 44% PARI A 15.330 EURO DI MEDIA A FAMIGLIA

sabato 13 settembre 2014

Famiglie italiane tartassate dal fisco. Su ognuna grava un carico medio annuo di quasi 15.330 euro. Tra l'Irpef e le relative addizionali locali, le ritenute, le accise, il bollo auto, il canone Rai, la tassa sui rifiuti, i contributi a carico del lavoratore, ogni nucleo famigliare versa all'Erario, alle Regioni e agli Enti locali mediamente 1.277 euro al mese: un importo che, praticamente, corrisponde allo stipendio medio percepito mensilmente da un impiegato.

I conti li ha fatti l'Ufficio studi della Cgia che ha stimato il gettito di imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali che le famiglie versano ogni anno allo Stato italiano. Nel 2013, grazie all'abolizione dell'Imu sulla prima casa, il prelievo medio annuo era sceso a 15.329 euro: ben 325 euro in meno rispetto a quanto versato nel 2012. Per l'anno in corso, purtroppo, il gettito invece è destinato ad aumentare ancora a causa dell'introduzione da parte del governo Renzi della Tasi e degli effetti legati all'aumento dell'aliquota Iva avvenuto nell'ottobre scorso.

''Pur essendo un Paese di tartassati - dichiara il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi - i servizi che riceviamo dallo Stato quasi sempre non sono all'altezza delle aspettative, data la mole esorbitante della tassazione. Dalle infrastrutture alla sanità, dai trasporti all'istruzione, in molte regioni la qualità e la quantità di questi servizi è inaccettabile".

Nonostante la restituzione degli 80 euro ai redditi più bassi, prosegue Bortolussi , "con un carico fiscale di questa portata sarà difficile rilanciare i consumi delle famiglie. Il livello di arrabbiatura raggiunto nei confronti di un fisco sempre più aggressivo e pretenzioso, ha fatto scendere ai minimi storici la fiducia dei consumatori italiani. Con gli effetti della crisi che non accennano a diminuire e un fisco sempre più esoso, i bilanci familiari rimangono in rosso, penalizzando anche quelli degli artigiani e dei piccoli commercianti che vivono quasi esclusivamente dei consumi del territorio in cui operano''.

La montagna di tasse e contributi che grava sulle spalle degli italiani emerge in maniera altrettanto evidente quando si analizza la serie storica del cosiddetto ''Tax freeedom day''. Sempre secondo i calcoli effettuati dall'Ufficio studi della CGIA, con una pressione fiscale che per il 2014 è destinata a toccare il record storico del 44 per cento, quest'anno i contribuenti italiani hanno lavorato per il fisco fino alla prima decade di giugno: precisamente l'11 giugno.

Gli effetti legati alla rivalutazione delle rendite finanziarie, all'aumento dell'Iva, che nel 2014 si distribuisce su tutto l'arco dell'anno, all'introduzione della Tasi  cancellano i benefici del taglio dell'Irap e gli 80 euro lasciati in busta paga ai lavoratori dipendenti con redditi medio bassi: la pressione fiscale di quest'anno è destinata a salire di 0,2 punti percentuali rispetto al livello raggiunto nel 2013, conclude la CGIA. 

Redazione Milano.


RENZI HA RIDOTTO LE TASSE? NO, LE HA AUMENTATE (+0,2% DAL 2013) ORA SONO AL 44% PARI A 15.330 EURO DI MEDIA A FAMIGLIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TASSE   AUMENTATE   GOVERNO RENZI   CGIA   CONTI PUBBLICI   SERVIZI PUBBLICI   SCADENTI   PESSIMI   CARI   STATO ITALIANO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI CREARE UNA BAD BANK

ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI

lunedì 17 giugno 2019
Se una notizia del genere avesse riguardato una banca italiana, dalla Bce sarebbe arrivato un allarme rosso con commissariamento dell'istituto di credito, ma trattandosi di una banca tedesca, la Bce
Continua
 
INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA  PORTOGALLO (ECCO I DATI)

INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA

lunedì 17 giugno 2019
L’ormai rantolante commissione ue capitanata da mister “gin” Claude Junker (a proposito, c’è ancora qualche sinistrino che crede davvero che il lussemburghese non abbia
Continua
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua
INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO

INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO

lunedì 10 giugno 2019
Negli scorsi giorni, la Camera dei deputati all’unanimità ha approvato i cosiddetti minibot. Una volta tanto i sinistrati del piddì ne hanno fatto una giusta, salvo poi rendersi
Continua
 
FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE ''LIBERALIZZATO'' I SERVIZI

FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE

lunedì 10 giugno 2019
LONDRA - I burocrati della commissione europea che nessuno ha eletto amano spesso intraprendere azioni legali contro governi democraticamente eletti e questo spiega il crescente euroscetticismo da
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTRO CHE ''RIPRESA'', SPAGNA NEL BARATRO E SOLO INGHILTERRA E GERMANIA HANNO AUMENTATO I POSTI DI LAVORO DAL 2007 A OGGI.

ALTRO CHE ''RIPRESA'', SPAGNA NEL BARATRO E SOLO INGHILTERRA E GERMANIA HANNO AUMENTATO I POSTI DI
Continua

 
LE PREVISIONI DELL'OCSE PER IL 2014 DAVANO IL PIL ITALIANO A +0,5%. ORA L'OCSE AMMETTE: SARA' A -0,4% (ITALIA FALLITA)

LE PREVISIONI DELL'OCSE PER IL 2014 DAVANO IL PIL ITALIANO A +0,5%. ORA L'OCSE AMMETTE: SARA' A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!