43.347.754
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FRANCIA / MINISTRO DELL'ECONOMIA LO AMMETTE, IL DEFICIT SALE. I GIORNALI SCRIVONO: NAZIONE ''SOTTO TUTELA'' (DELLA TROIKA)

giovedì 11 settembre 2014

PARIGI - Il ministero francese dell'Economia ha ammesso ieri ufficialmente che il deficit pubblico, che era sceso dopo il 2011, quest'anno crescera' fino a raggiungere il 4,4 per cento del Pil: l'obbiettivo di farlo calare al 3 per cento e' rinviato al 2017, del pareggio di bilancio non si parla piu'.

E' un brusco risveglio per il presidente Francois Hollande, che vede sfumare una delle promesse fatte in campagna elettorale.

Il governo tedesco, da parte sua, ha evitato di commentare negativamente le cifre fornite dalla Francia, ma ha ricordato la necessita' di rispettare le regole europee ed esortato i vicini a realizzare le riforme.

Ma la Commissione europea ha chiesto seccamente alla Francia "misure credibili" per ridurre la spesa pubblica; mentre il futuro (dal 1° ottobre) commissario agli Affari economici e finanziari, il francese Pierre Moscovici, fa mostra di rigore: "Giudicheremo la Francia solo sulla base delle riforme messe in campo", ha detto.

"La Francia e' sotto tutela", titola senza mezzi termini l'editoriale pubblicato in prima pagina dal quotidiano economico francese "Les Echos", il più importante del Paese. Non ci sono piu' scappatoie, scrive Fabien Clairefond, dovranno essere fatte vere scelte in materia di spesa pubblica, accompagnate da ampie riforme dell'amministrazione come quelle fatte da tempo da altri paesi europei.

E se anche la maggioranza al governo non ne volesse sentir parlare, la questione ormai non riguarda piu' i politici nazionali: certo l'Ue accordera' un rinvio degli obbiettivi di bilancio; ma la Francia e' ormai sotto tutela, almeno in parte.

La nuova Commissione europea di Jean-Claude Juncker ed i partner europei fisseranno le condizioni di questo rinvio, sia in termini di interventi economici che di riforme per aumentare la competitivita' del paese: indubbiamente una perdita di sovranita'; speriamo che sia anche l'occasione per smuovere le acque della politica francese, che blocca da troppo tempo i progetti di riforme ambiziose. 

E se queste sono le notizie riferite a Bruxelles, ben altre arrivano da Parigi: il partito socialista francese è spaccato, il governo Valls potrebbe non ottenere la fiducia, e in ogni caso anche ci riuscisse, non sarebbe in grado di varare leggi che taglino la spesa per l'assistenza sanitaria, o le pensioni. i due principali capitoli di spesa pubblica in Francia, perchè avrebbe contro oltre la metà dei parlamentari del suo stesso partito. 

L'unica via d'uscita sarebbero le elezioni politiche anticipate, ma in questo caso si profilerebbe al vittoria schiacciante della destra di Marine Le Pen e per Bruxelles sarebbe finita.

Quindi, la situazione della Francia è fragilissima sul piano economico, esplosiva su quello politico, e Bruxelles ha ben poco da fare. Qualsiasi mossa tenti, perde.

Redazione Milano.


FRANCIA / MINISTRO DELL'ECONOMIA LO AMMETTE, IL DEFICIT SALE. I GIORNALI SCRIVONO: NAZIONE ''SOTTO TUTELA'' (DELLA TROIKA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   TROIKA   GOVERNO   VALLS   ECONOMIA   DISASTRO   DEFICIT ALLE STELLE   HOLLANDE   MARINE LE PEN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA ''KOMMISSION'' EUROPEA HA DECISO LO STOP AGLI AIUTI PER I DANNI ALL'EXPORT DI ORTOFRUTTA IN RUSSIA (ITALIA AMMAZZATA)

LA ''KOMMISSION'' EUROPEA HA DECISO LO STOP AGLI AIUTI PER I DANNI ALL'EXPORT DI ORTOFRUTTA IN
Continua

 
SONDAGGI PER L'UNIONE, MA IL PREMIER SALMOND: ''LA SCOZIA VOTERA' SI''' FARAGE: ''INDIPENDENZA? GOVERNERA' BRUXELLES!''

SONDAGGI PER L'UNIONE, MA IL PREMIER SALMOND: ''LA SCOZIA VOTERA' SI''' FARAGE: ''INDIPENDENZA?
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »