67.700.351
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA ''RICCA'' ITALIA HA REGALATO 64,7 MILIARDI DI EURO ALLA UE DAL 2000 AD OGGI! SENZA CONTARE I 50 MILIARDI DEL MES-EFSF!

lunedì 8 settembre 2014

LONDRA - In questi ultimi giorni Matteo Renzi non fa che ripetere che non intende subire ricatti dagli appartenenti delle forze dell'ordine i quali hanno dichiarato la loro intenzione a scioperare contro la decisione del governo di congelare i loro miseri stipendi.

Ma quanti soldi spreca ogni anni il governo e soprattutto quanto ci costa far parte dell'Unione Europea?A tale proposito c'e' un fatto che i giornali di regime censurano che riguarda l'ammontare dei soldi che lo stato italiano versa all'Unione Europea.

Negli ultimi anni l'ammontare dei soldi versati e' stato superiore a quello ricevuto e questo dimostra che i contribuenti italiani si stanno dissanguando per finanziare altri paesi europei e se guardiamo gli importi la situazione diventa ancora più chiara:

anno 2000: -1.098,13 MILIONI di euro;

anno 2001: -3.730,55 MILIONI di euro;

anno 2002: -3.496,92 MILIONI di euro;

anno 2003: -2.253,15 MILIONI di euro;

anno 2004: -3.370,61 MILIONI di euro;

anno 2005: -4.298,13 MILIONI di euro;

anno 2006: -3.928,88 MILIONI di euro;

anno 2007: -3.715,19 MILIONI di euro;

anno 2008: -6.020,92 MILIONI di euro;

anno 2009: -7.225,68 MILIONI di euro;

anno 2010: -6.539,26 MILIONI di euro;

anno 2011: -7.570,40 MILIONI di euro;

anno 2012: -6.204,25 MILIONI di euro;

anno 2013: -5.246,83 MILIONI di euro.

Ebbene: dal 2000 al 2013 l’Italia ha versato al bilancio Ue 64,7 MILIARDI IN PIU' rispetto alle somme accreditate all’Italia dalla stessa Ue e questo senza contare che, nella contribuzione al bilancio Ue NON è compreso il “Sostegno finanziario ai paesi dell’UEM” il cui ammontare  è stato di circa 60 MILIARDI di euro che sono serviti per “aiutare” la Grecia, l’Irlanda, il Portogallo, la Spagna e Cipro.

Ovviamente in tanti obietteranno che versare soldi all'Unione Europea e' un atto dovuto visto che l'Italia per anni ha usufruito dei fondi comunitari ma un'analisi piu' approfondita dimostra che questa e' una colossale menzogna.

Infatti se si fa un'analisi approfondita riguardo all'utilizzo di questi fondi si scopre come solo una minima parte e' servita per costruire infrastrutture utili alla crescita economica mentre il resto o e' stato rubato oppure e' stato sprecato in progetti inutili il cui unico scopo e' stato quello di favovire i vari comitati d'affari.

La realta' e' che i fondi comunitari sono solo una fonte di clientele e comunque molti dei paesi beneficiari stanno avendo una crescita economica superiore a quella italiana e quindi possono permettersi di finanziare le loro infrastrutture senza aver bisogno dei contribuenti italiani

Per tale motivo sarebbe ora che l'Italia uscisse dall'Unione Europea cosi' che tutta questa montagna di soldi versata a Bruxelles possa essere usata per tagliare le tasse o evitare il taglio di tanti servizi essenziali. Devono essere rese all'Italia. 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.


LA ''RICCA'' ITALIA HA REGALATO 64,7 MILIARDI DI EURO ALLA UE DAL 2000 AD OGGI! SENZA CONTARE I 50 MILIARDI DEL MES-EFSF!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ITALIA   UE   FONDI   RENZI   MES   EFSF   BRUXELLES   VIA DALLA UE   VIA DALL'EURO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MENTRE L'EUROZONA E' IN RECESSIONE, LA POLONIA SEGNA UNA CRESCITA DEL 3,2% E QUESTO DA' FASTIDIO AL CORRIERE.DELLA SERA.

MENTRE L'EUROZONA E' IN RECESSIONE, LA POLONIA SEGNA UNA CRESCITA DEL 3,2% E QUESTO DA' FASTIDIO AL
Continua

 
PER L'OTTUSA STAMPA TEDESCA, PRODI, LA LEGA NORD E FORZA ITALIA SONO ''ALLEATI'' (NON DITELO A SALVINI)

PER L'OTTUSA STAMPA TEDESCA, PRODI, LA LEGA NORD E FORZA ITALIA SONO ''ALLEATI'' (NON DITELO A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »