69.282.815
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RETATA DI TERRORISTI ISLAMICI IN BOSNIA, TRA LORO ANCHE UN ''ITALIANO'' INTERVISTATO GIORNI FA DALL'ECO DI BERGAMO.

giovedì 4 settembre 2014

SARAJEVO - BOSNIA - La bufera seguita all'arresto di 16 esponenti del movimento fondamentalista islamico dei wahabiti in Bosnia non si placa nemmeno oggi. L'Agenzia statale per le investigazioni e la sicurezza (Sipa) di Sarajevo ha eseguito ieri una maxi operazione denominata "Damask", con l'obiettivo di smantellare un'importante rete di fondamentalisti islamici specializzata nel reclutamento di combattenti da mandare in Medio Oriente, soprattutto in Siria e in Iraq. La questione dei wahabiti in Bosnia rappresenta da diversi mesi un tema caldo per i media locali e una continua fonte di polemiche tra Sarajevo e Banja Luka, capitale della Repubblica Srpska, l'entita' serba della Bosnia. 

Il parlamento della Federazione di Bosnia ed Erzegovina, l'altra entita' del paese, ha recentemente approvato delle modifiche al codice penale e un pacchetto di nuove leggi, proprio con l'obiettivo di creare un quadro legale idoneo alla lotta al terrorismo, soprattutto quello islamico. Gli arresti di ieri, tuttavia, sono scattati dopo un'operazione di Sipa, agenzia statale, in base a disposizioni della procura centrale del paese. Oggi sono stati diffusi anche i nomi degli arrestati tra cui figura anche Bilal Bosnic, considerato da molti come il vero capo del movimento dei wahabiti bosniaci. Bosnic e' noto anche in Italia per un'intervista rilasciata pochi giorni fa a un noto quotidiano locale, in cui ha affermato che ci sarebbero anche 50 italiani tra i combattenti dello Stato islamico (Is), e che egli stesso avrebbe partecipato al loro reclutamento.

L'obiettivo dei combattenti, a detta di Bosnic, e' quello di creare uno califfato islamico anche in Europa e di conquistare il Vaticano. Bosnic ha svolto le sue attivita' di reclutamento soprattutto nell'Italia settentrionale, da dove sono partiti in passato diversi combattenti, anche di origine bosniaca, per la Siria. In particolare, la stampa italiana si e' occupata nei giorni scorsi dei casi di Munifer Karamelasky e Ismar Mesinovic, residenti a Ponte delle Alpi, in provincia di Belluno: entrambi sarebbero morti combattendo. La procura bosniaca ha comunicato oggi che l'operazione "Damask" ha visto "una significativa cooperazione internazionale", mentre le forze dell'ordine e dell'intelligence "continueranno a seguire i movimenti e i comportamenti dei singoli che possono essere messi in relazione con attivita' terroristiche".

Il ministro dell'Interno della Repubblica Srpska, Radislav Jovicic, ha comunicato che la polizia di Banja Luka "segue tutte le persone sospettate di sostenere attivita' terroristiche o di reclutamento". I 16 wahabiti arrestati ieri, cosi' come altre 15 persone indagate ma ancora a piede libero, sono accusati di aver finanziato attivita' terroristiche, incitato al terrorismo, reclutato persone per svolgere attivita' terroristiche e organizzato gruppi terroristici. Bosnic e' inoltre accusato di avere violato, in numerose occasioni, l'ordinamento legale e costituzionale della Bosnia-Erzegovina.

Sipa ha comunicato che molte delle persone arrestate "hanno gia' combattuto in Siria e in Iraq per le formazioni militari radicali islamiche". Nell'operazione sono state perquisite 17 abitazioni a Sarajevo, Kiseljak, Zenica, Maglaj, Srebreik, Zvornik, Buzim e Teslic, mentre sono stati sequestrati materiali di propaganda e grandi quantita' di armi, munizioni, equipaggiamento militare e attrezzatura informatica. L'operazione "e' il frutto di due anni di indagini, che si sono intensificate in tempi recenti". Oltre a Bosnic, e' stato arrestato anche Hamdo Fojnica, padre di Emrah Fojnica, responsabile di un recente attacco suicida in Iraq.

Secondo informazioni non ufficiali raccolte dai media di Banja Luka, sono in tutto 150 i cittadini bosniaci che combattono in Siria e in Iraq. Resta per ora sconosciuto il numero dei combattenti bosniaci che hanno perso la vita combattendo per gli islamisti radicali. 

Sui portali internet gestiti da fondamentalisti wahabiti bosniaci, tra cui "Esune" e "Put vjernika", sono apparse oggi minacce contro le istituzioni che hanno eseguito gli arresti. L'esperto locale per la lotta al terrorismo Dzevad Galijasevic ha affermato oggi al portale internet "Klix" che tali siti sono "controllati da wahabiti che simpatizzano con lo Stato islamico". Galijasevic ha detto che "le minacce apparse oggi hanno l'obiettivo di impedire ulteriori arresti e di tutelare personaggi importanti all'interno di al Qaeda e dello Stato islamico". Proprio per questo motivo, ha concluso, "le agenzie di sicurezza bosniache devono occuparsi in modo piu' serio di questi portali web", dato che "aizzano i fanatici pronti a uccidere o perpetrare atti di terrorismo".

Redazione Milano


RETATA DI TERRORISTI ISLAMICI IN BOSNIA, TRA LORO ANCHE UN ''ITALIANO'' INTERVISTATO GIORNI FA DALL'ECO DI BERGAMO.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI PANORAMA)

CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI

mercoledì 19 giugno 2019
L'onorevole leghista e presidente della commissione Bilancio della Camera, Claudio Borghi, spiega in una intervista a "Panorama" la 'guerra dei Minibot'. "Il mio primo video sui Minibot e' del 2012.
Continua
 
LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

martedì 18 giugno 2019
Il ministro del Lavoro, nonche' vicepremier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, in una intervista a "La Verita'" parla di 'toghe sporche'. "Sconcertante. Sto leggendo come tutti le
Continua
ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI CREARE UNA BAD BANK

ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI

lunedì 17 giugno 2019
Se una notizia del genere avesse riguardato una banca italiana, dalla Bce sarebbe arrivato un allarme rosso con commissariamento dell'istituto di credito, ma trattandosi di una banca tedesca, la Bce
Continua
 
INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA  PORTOGALLO (ECCO I DATI)

INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA

lunedì 17 giugno 2019
L’ormai rantolante commissione ue capitanata da mister “gin” Claude Junker (a proposito, c’è ancora qualche sinistrino che crede davvero che il lussemburghese non abbia
Continua
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GRECIA A POCHI MESI DALL'ESPLOSIONE: NEL 2015 FINITI I SOLDI PER PAGARE LE PENSIONI (STAVOLTA NON LA SALVA NESSUNO)

LA GRECIA A POCHI MESI DALL'ESPLOSIONE: NEL 2015 FINITI I SOLDI PER PAGARE LE PENSIONI (STAVOLTA
Continua

 
MARINE LE PEN: ''LA FRANCIA E' IN UNA GRAVE CRISI. HOLLANDE FA RIMPASTI MA L'UNICA SOLUZIONE DEMOCRATICA E' IL VOTO''

MARINE LE PEN: ''LA FRANCIA E' IN UNA GRAVE CRISI. HOLLANDE FA RIMPASTI MA L'UNICA SOLUZIONE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!