64.727.937
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GRECIA A POCHI MESI DALL'ESPLOSIONE: NEL 2015 FINITI I SOLDI PER PAGARE LE PENSIONI (STAVOLTA NON LA SALVA NESSUNO)

mercoledì 3 settembre 2014

ATENE - Il sistema pensionistico ellenico è una bomba ad orologeria che non esploderà nel 2025, ma 10 anni prima, o addirittura l'anno prossimo: a lanciare l'allarme, come riferisce oggi il quotidiano Kathimerini, è uno studio condotto dall'Istituto del Lavoro della Confederazione Generale del Lavoro greco (Ine/Gsee). Il rapporto sarà presentato domani all'apertura della Fiera Internazionale di Salonicco (Tif), tradizionale tribuna da cui il governo greco presenta la propria politica economica per l'anno successivo.

La relazione annuale della Gsee (uno dei due maggiori sindacati ellenici) sull'economia greca comprende un capitolo sull'invecchiamento della popolazione e la sostenibilità del sistema di sicurezza sociale dal 2013 al 2050. Nel rapporto si sostiene che la recessione prolungata e l'alto tasso di disoccupazione hanno dato slancio allo sgretolamento del sistema pensionistico da un decennio a questa parte e che, per diventare di nuovo redditizio, il sistema avrebbe bisogno di risorse aggiuntive di 950 milioni di euro solo per il 2016.

Ma i requisiti del sistema, secondo lo studio, sono destinati a crescere rapidamente negli anni successivi sino ad un'impennata pari a 2,67 miliardi di euro prevista per il 2020. Gli autori del rapporto sottolineano che i tagli fatti alle pensioni e l'aumento dell'età pensionabile avrebbero permesso la sostenibilità del sistema fino al 2025 se non fosse stato per la grave e prolungata recessione e l'alto tasso di disoccupazione che ha raggiunto il 27%. Come risultato di ciò, sostengono gli esperti, il 2015 è con tutta probabilità l'anno in cui il sistema di sicurezza sociale greco finirà in pezzi.

Lo studio aggiunge che nuove misure saranno necessarie a causa dei ridotti finanziamenti statali (passati da 16,4 miliardi di euro nel 2012 a solo 8,6 miliardi per il periodo 2015-2018), del dirompente aumento della disoccupazione, dell'incremento del numero di nuovi pensionati (da 40.000 nel 2009 a 100.000 all'anno dopo il 2010), delle riduzioni dei salari e della crescita del lavoro sommerso e flessibile.

Il rapporto rileva inoltre che le riserve di liquidità dei fondi di sicurezza sociale si sono già ridotte da 26 miliardi di euro nel 2009 a 4,5 miliardi l'anno scorso, mentre il cambiamento demografico avvenuto in Grecia a causa delle aumentate aspettative di vita e della riduzione del tasso di natalità ha contribuito ad un aumento del 15% sugli oneri dei fondi pensione.

Dopo i recenti interventi del governo sul sistema pensionistico, evidenzia in conclusione lo studio, l'età media del pensionamento è salita sino a 63 anni mentre le pensioni sono state tagliate di circa il 32,5%. 

Fonte notizia: Ansa. 


LA GRECIA A POCHI MESI DALL'ESPLOSIONE: NEL 2015 FINITI I SOLDI PER PAGARE LE PENSIONI (STAVOLTA NON LA SALVA NESSUNO)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CONFINDUSTRIA ATTACCA LE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: 4 MILIARDI DI EURO DI MANCATO EXPORT DANNI GRAVISSIMI ALLE PMI. BASTA!

CONFINDUSTRIA ATTACCA LE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: 4 MILIARDI DI EURO DI MANCATO EXPORT DANNI

martedì 6 novembre 2018
La Confindustria scende in campo contro le sanzioni alla Russia: penalizzano le imprese e l'export italiano. Eppure, nonostante le sanzioni il mercato russo "continua a essere strategico" per le
Continua
 
IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E FERMA L'IMMIGRAZIONE

IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E

lunedì 5 novembre 2018
LONDRA - In Italia non passa giorno che i giornali di regime ripetano fino alla nausea che la popolazione invecchia e quindi c'e' bisogno di far arrivare piu' immigrati per coprire i posti lasciati
Continua
INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA 291% MEDIA EUROZONA 266%

INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA

lunedì 5 novembre 2018
Ai lacchè nostrani degli oligarchi ue, il periodo dice decisamente male: lo spread rimane stabilmente entro limiti accettabili; la borsa cresce; le banche italiane superano brillantemente gli
Continua
 
ARRIVANO I BENEFICI CONCRETI DELLA BREXIT: FORTE TAGLIO  DELLE TASSE, AUMENTO SPESA SANITARIA, DIFESA, AIUTO AI POVERI

ARRIVANO I BENEFICI CONCRETI DELLA BREXIT: FORTE TAGLIO DELLE TASSE, AUMENTO SPESA SANITARIA,

martedì 30 ottobre 2018
LONDRA - Finalmente ai contribuenti britannici arriva il bonus della Brexit: cosi' il quotidiano conservatore "The Telegraph" titola oggi martedi' 30 ottobre la sua prima pagina quasi interamente
Continua
TRUFFA SPREAD: LE BANCHE TEDESCHE (50%) PUBBLICHE COMPRANO BUND COSI' TENGONO BASSI I TASSI (LA BCE LO VIETA ALL'ITALIA)

TRUFFA SPREAD: LE BANCHE TEDESCHE (50%) PUBBLICHE COMPRANO BUND COSI' TENGONO BASSI I TASSI (LA BCE

lunedì 29 ottobre 2018
-”Guarda che se non fai i compiti dico allo spread di punirti” -”Guarda che se ti comporti male, lo spread arriva di notte e ti porta via” -”Non aprire quella porta
Continua
 
OGGI L'ASSIA AL VOTO: SE STASERA CDU E SPD SCONFITTI DALLA DESTRA, IL GOVERNO MERKEL CADE E NUOVE ELEZIONI IN GERMANIA

OGGI L'ASSIA AL VOTO: SE STASERA CDU E SPD SCONFITTI DALLA DESTRA, IL GOVERNO MERKEL CADE E NUOVE

domenica 28 ottobre 2018
Si tengono oggi in Assia le elezioni per il rinnovo del parlamento del Land, che la stampa tedesca definisce "decisive" per la tenuta dalla Grande coalizione al governo della Germania dal marzo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA TUNISIA PRONTA A SOSTITUIRE L'ITALIA NELL'EXPORT DI OLIO D'OLIVA IN RUSSIA (ALTRA CATASTROFE PRODUTTIVA IN ARRIVO)

LA TUNISIA PRONTA A SOSTITUIRE L'ITALIA NELL'EXPORT DI OLIO D'OLIVA IN RUSSIA (ALTRA CATASTROFE
Continua

 
RETATA DI TERRORISTI ISLAMICI IN BOSNIA, TRA LORO ANCHE UN ''ITALIANO'' INTERVISTATO GIORNI FA DALL'ECO DI BERGAMO.

RETATA DI TERRORISTI ISLAMICI IN BOSNIA, TRA LORO ANCHE UN ''ITALIANO'' INTERVISTATO GIORNI FA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!