56.342.260
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RENZI INNEGGIA ALLA RIFORMA DEL LAVORO TEDESCA HARTZ CON LA QUALE LA GERMANIA HA AMMAZZATO L'EUROPA E ORA SE' STESSA

mercoledì 3 settembre 2014

Con tempismo degno del miglior Galeazzo Ciano, il premier non eletto Renzi, incassata la vittoria di pirro con la nomina della Mogherini alla simbolica carica di ministro degli esteri della Ue, si è subito lanciato in lodi sperticate a favore della Germania ed in particolare del suo mercato del lavoro, definendolo come "un modello da seguire".

Frasi giunte proprio nel momento in cui, nelle elezioni della Bassa Sassonia, Alternativa per la Germania, il partito contrario all’euro, raddoppiava i voti rispetto alle politiche dello scorso anno, sfiorando il 10%, sintomo che anche gli stessi tedeschi non ne possono più della “cura” Merkel.

Gli ultimi dati economici, difatti, mostrano una Germania in stagnazione, con prospettive di PIL in calo ed una crisi economica che si prospetta decisamente dura anche per quella che era considerata, a torto, la locomotiva d’europa.

Diciamo a torto, perché è proprio a causa della Germania se la zona euro è devastata dalla più grave crisi economica che la storia contemporanea conosca. Non stiamo qui parlando delle grandi malate sistemiche, le banche tedesche per salvare le quali la cancelliera Merkel non ha esitato a far sbranare la Grecia e successivamente Portogallo, Spagna, Italia,  ma dell’intero sistema paese tedesco.

La crisi, arrivata per ultima a colpire chi l’ha creata, ha origine in Germania proprio nelle riforme del lavoro Hartz, che con i fortissimi tagli salariali imposti ai lavoratori tedeschi, ha di fatto compiuto una “svalutazione interna” della moneta. In altre parole, la Germania ha puntato tutto sulle esportazioni, “uccidendo” in modo volontario i consumi interni. Non è un mistero per nessuno che non si fermi alle notizie di “regime” propolate da Renzi e compagnia al seguito, che in Germania, milioni di persone siano sotto la soglia di povertà e dipendano dagli aiuti delle associazioni caritatevoli. Non stiamo parlando qui di disoccupati, ma di lavoratori in attività che con i propri salari non arrivano a fine mese.

Il boom economico tedesco è stato fatto sulla pelle dei tedeschi, a favore delle poche multinazionali e puntando a vendere la merce all’estero. Come ben evidenziato in uno studio visibile sul blog Keynes, la domanda interna tedesca è ferma da quasi un decennio.

Com’era prevedibile per ogni persona di buon senso, quando a poco a poco decidi di uccidere le nazioni circostanti imponendo tagli e tasse, come fatto da Merkel e Schauble a tutte le altre nazioni europee, portandole in deflazione, prima o poi non troverai nessuno che potrà permettersi di acquistare i tuoi prodotti e quindi entrerai a tua volta in crisi.

Questo è quanto accaduto alla Germania.  E se fino a poco tempo fa, per tenere buona l’opinione pubblica locale, era sufficiente ai media aizzare l’atavico razzismo teutonico verso le popolazioni mediterranee della Ue ree di voler campare sulle spalle del “nobile popolo tedesco”, ora che proprio la Germania è finita col cappello d’asino in testa (e con le orecchie belle lunghe), risulta difficile far digerire ulteriori sacrifici ai lavoratori.

Per questo motivo Alternativa per la Germania sta conquistando sempre più consensi, perché ha iniziato a spiegare ai lavoratori tedeschi quanto le politiche portate avanti dai loro governanti dalle riforme Hartz in poi, siano completamente sbagliate e pericolose.

Solo degli incompetenti totali in economia, difatti, possono pensare di creare sviluppo tagliando i consumi interni e puntando solo sulle esportazioni (per la cronaca era la stessa visione di un certo Mario Monti, sicuramente più modesto e simpatico che esperto di economia).

Ed è alquanto preoccupante che, proprio mentre le contraddizioni delle riforme del lavoro tedesche stanno emergendo in modo quanto mai evidente, il premier non eletto italiano Renzi le lodi e dichiari apertamente di volerle prendere a modello.

L’ennesima riprova della totale inconsistenza politica ed economica del signor Renzi. D’altra parte da un personaggio che per rispondere alle più che fondate critiche dell’Economist, non ha trovato nulla di meglio che farsi ritrarre mentre mangia un cono gelato, non possiamo certo pretendere che abbia la lungimiranza e la capacità per risollevare le sorti di un paese, l’Italia, che se adotterà le riforme tedesche non potrà che precipitare verso il baratro, proprio come la cattiva maestra che ha distrutto per la terza volta in un secolo l’intera europa. E Renzi non potrà che essere ricordato nei libri di storia esclusivamente come il tardivo interessato servo di un’imperatrice ormai sul viale del tramonto.

 

Luca Campolongo

www.sosimprese.info

consulenza@sosimprese.info


RENZI INNEGGIA ALLA RIFORMA DEL LAVORO TEDESCA HARTZ CON LA QUALE LA GERMANIA HA AMMAZZATO L'EUROPA E ORA SE' STESSA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RENZI   RIFORMA HARTZ   MERKEL   CRISI   STAGNAZIONE   POVERTA'   MILIONI DI POVERI   IN GERMANIA   ITALIA   FAME   MISERIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SCATTATO OGGI IL BLOCCO DELLE IMPORTAZIONI IN RUSSIA DI CALZATURE, ABBIGLIAMENTO, PELLETTERIA MADE IN ITALY (DISASTRO!)

SCATTATO OGGI IL BLOCCO DELLE IMPORTAZIONI IN RUSSIA DI CALZATURE, ABBIGLIAMENTO, PELLETTERIA MADE
Continua

 
L'ITALIA HA DATO 50 MILIARDI CASH AGLI INUTILI FONDI EFSF-MES DELLA UE: SE LI FACCIA RENDERE E IL GOVERNO TAGLI LE TASSE

L'ITALIA HA DATO 50 MILIARDI CASH AGLI INUTILI FONDI EFSF-MES DELLA UE: SE LI FACCIA RENDERE E IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »