43.235.824
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA TUNISIA PRONTA A SOSTITUIRE L'ITALIA NELL'EXPORT DI OLIO D'OLIVA IN RUSSIA (ALTRA CATASTROFE PRODUTTIVA IN ARRIVO)

martedì 2 settembre 2014

LONDRA - La lista dei paesi che sta traendo vantaggio dalle politiche antirusse perseguite dal governo Renzi e dall'Unione Europea continua a crescere sempre di piu' e adesso si e' aggiunta anche la Tunisia.

Infatti, proprio in questi giorni il ministro degli esteri tunisino Mongi Hamdi ha dichiarato che il suo paese e' pronto ad aumentare l'esportazione di prodotti agroalimentari in Russia al fine sostituire quelli europei e tra questi c'e' l'olio d'oliva, uno dei prodotti piu' prestigiosi del made in Italy.

E forse per tale motivo, Hamdi ha dichiarato che l'olio d'oliva tunisino e' di gran lunga migliore di quello prodotto in Italia e negli altri paesi UE, un'affermazione che dimostra l'intenzione della Tunisia di rubare quote di mercato ai produttori italiani. Gioco facile, visto il blocco dell'export alimentare dell'Italia in Russia.

Al momento l'interscambio tra Russia e Tunisia e' basso, ma potrebbe aumentare anche perche' l'accordo che il governo russo vuole sottoscrivere con quello tunisino va al di la' di qualsiasi affare commerciale.

Questo, perchè l'ambizione della Russia e' di attirare la Tunisia sotto la sua sfera politica e estendere tale influenza a tutti i paesi che sono stati interessati dalle rivoluzioni arabe, una mossa che creerebbe non pochi grattacapi agli Stati Uniti e avviamente alla disastrata Europa chiusa nella gabbia UE e avvelenata dall'euro.

Cosi', mentre la Russia continua ad intrecciare nuove alleanze, il governo Renzi sta rottamando l'economia italiana come le sue politiche antirusse e se questo non fosse abbastanza, adesso la Mogherini nelle vesti "PESC" Insiste sul fatto che la Russia non e' piu' un partner strategico per l'Europa e quindi bisogna proseguire con le sanzioni, incurante del fatto che questa politica lungi dall'affossare Putin lo ha reso piu' potente.

Resta comunque il fatto che la Tunisia grazie alle sanzioni - idiote - della UE alla Russia sostituirà l'Italia nel lucrosissimo mercato russo dell'olio d'oliva, provocando per conseguenza un danno irreparabile al settore agroalimentare italiano, uno dei pochi che ancora reggeva.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.


LA TUNISIA PRONTA A SOSTITUIRE L'ITALIA NELL'EXPORT DI OLIO D'OLIVA IN RUSSIA (ALTRA CATASTROFE PRODUTTIVA IN ARRIVO)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
 
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua
 
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e
Continua
WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street
Continua
 
DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA BIANCA (TENETEVI FORTE)

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA

lunedì 16 gennaio 2017
La Brexit "una gran cosa" e con la Gran Bretagna Donald Trump vuole firmare un accordo commerciale vantaggioso per entrambi i Paesi, mentre l'Ue perderà altri pezzi e questo principalmente a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FONTE NATO: ''KIEV HA GIA' PERSO IL CONFLITTO PER RICONQUISTARE L'EST UCRAINA ORA DEVE PROVARE A SALVARE I SUOI SOLDATI''

FONTE NATO: ''KIEV HA GIA' PERSO IL CONFLITTO PER RICONQUISTARE L'EST UCRAINA ORA DEVE PROVARE A
Continua

 
LA GRECIA A POCHI MESI DALL'ESPLOSIONE: NEL 2015 FINITI I SOLDI PER PAGARE LE PENSIONI (STAVOLTA NON LA SALVA NESSUNO)

LA GRECIA A POCHI MESI DALL'ESPLOSIONE: NEL 2015 FINITI I SOLDI PER PAGARE LE PENSIONI (STAVOLTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!