46.410.882
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA TUNISIA PRONTA A SOSTITUIRE L'ITALIA NELL'EXPORT DI OLIO D'OLIVA IN RUSSIA (ALTRA CATASTROFE PRODUTTIVA IN ARRIVO)

martedì 2 settembre 2014

LONDRA - La lista dei paesi che sta traendo vantaggio dalle politiche antirusse perseguite dal governo Renzi e dall'Unione Europea continua a crescere sempre di piu' e adesso si e' aggiunta anche la Tunisia.

Infatti, proprio in questi giorni il ministro degli esteri tunisino Mongi Hamdi ha dichiarato che il suo paese e' pronto ad aumentare l'esportazione di prodotti agroalimentari in Russia al fine sostituire quelli europei e tra questi c'e' l'olio d'oliva, uno dei prodotti piu' prestigiosi del made in Italy.

E forse per tale motivo, Hamdi ha dichiarato che l'olio d'oliva tunisino e' di gran lunga migliore di quello prodotto in Italia e negli altri paesi UE, un'affermazione che dimostra l'intenzione della Tunisia di rubare quote di mercato ai produttori italiani. Gioco facile, visto il blocco dell'export alimentare dell'Italia in Russia.

Al momento l'interscambio tra Russia e Tunisia e' basso, ma potrebbe aumentare anche perche' l'accordo che il governo russo vuole sottoscrivere con quello tunisino va al di la' di qualsiasi affare commerciale.

Questo, perchè l'ambizione della Russia e' di attirare la Tunisia sotto la sua sfera politica e estendere tale influenza a tutti i paesi che sono stati interessati dalle rivoluzioni arabe, una mossa che creerebbe non pochi grattacapi agli Stati Uniti e avviamente alla disastrata Europa chiusa nella gabbia UE e avvelenata dall'euro.

Cosi', mentre la Russia continua ad intrecciare nuove alleanze, il governo Renzi sta rottamando l'economia italiana come le sue politiche antirusse e se questo non fosse abbastanza, adesso la Mogherini nelle vesti "PESC" Insiste sul fatto che la Russia non e' piu' un partner strategico per l'Europa e quindi bisogna proseguire con le sanzioni, incurante del fatto che questa politica lungi dall'affossare Putin lo ha reso piu' potente.

Resta comunque il fatto che la Tunisia grazie alle sanzioni - idiote - della UE alla Russia sostituirà l'Italia nel lucrosissimo mercato russo dell'olio d'oliva, provocando per conseguenza un danno irreparabile al settore agroalimentare italiano, uno dei pochi che ancora reggeva.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.


LA TUNISIA PRONTA A SOSTITUIRE L'ITALIA NELL'EXPORT DI OLIO D'OLIVA IN RUSSIA (ALTRA CATASTROFE PRODUTTIVA IN ARRIVO)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI OGNI ORA, +36% DAL 2009

DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI

mercoledì 26 aprile 2017
Fallimenti delle imprese italiane, numeri da spavento. Nei primi tre mesi del 2017 sono state infatti 2.998 le aziende italiane che hanno portato i libri in tribunale, il 16,8% in meno rispetto ad un
Continua
 
IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN COMBUTTA CON LE ONG

IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN

mercoledì 26 aprile 2017
I giornali e l'informazione in Italia ignorano la notizia, ma è di una estrema gravità. Così, ecco che per apprenderla bisogna leggere i quotidiani tedeschi, benchè
Continua
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FONTE NATO: ''KIEV HA GIA' PERSO IL CONFLITTO PER RICONQUISTARE L'EST UCRAINA ORA DEVE PROVARE A SALVARE I SUOI SOLDATI''

FONTE NATO: ''KIEV HA GIA' PERSO IL CONFLITTO PER RICONQUISTARE L'EST UCRAINA ORA DEVE PROVARE A
Continua

 
LA GRECIA A POCHI MESI DALL'ESPLOSIONE: NEL 2015 FINITI I SOLDI PER PAGARE LE PENSIONI (STAVOLTA NON LA SALVA NESSUNO)

LA GRECIA A POCHI MESI DALL'ESPLOSIONE: NEL 2015 FINITI I SOLDI PER PAGARE LE PENSIONI (STAVOLTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!