50.766.766
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / IL PUNTO DELLA SITUAZIONE: L'ENORME DIFFERENZA TRA REALTA' ITALIANA E BALLE DI RENZI.

giovedì 28 agosto 2014

Agosto non è ancora terminato, che il premier non eletto Matteo Renzi ha ripreso con le sue quotidiane dichiarazioni roboanti sul “cambieremo il paese, faremo ripartire l’Italia, siamo con i conti in regola”.

Complice la stampa amica, sta riuscendo a vendere per la terza volta i fondi per l’edilizia scolastica: inizialmente erano 3 miliardi, che poi si erano ridotti in una successiva dichiarazione a poco più di 800 milioni e due settimane fa sono saliti ad 1. Se uno si limita a leggere i titoli, senza avere un minimo di memoria storica, rischia di scambiare il “bomba”, come lo chiamavano a Firenze, per un super  politico. Nella realtà è più simile all’imbonitore delle tre carte, proprio per la sua abilità nel “rivendere” più volte la stessa non notizia.

Sorte non diversa pare sia riservata al famoso bonus di 80 euro in busta paga. Come aveva già scritto qualche mese fa questo giornale, ora inizia a girare insistentemente la voce che a dicembre molti dei beneficiari avranno l’amara sorpresa di dover restituire tutto quanto percepito in una sola botta. Motivo? Il bonus è stato calcolato sulle dichiarazioni 2011, per cui è sufficiente uno scatto di anzianità o un aumento salariale avvenuto successivamente per far perdere il diritto.

80 euro, per la cronaca, che non hanno sortito alcuno stimolo all’economia, a differenza di quanto pronosticato e annunciato con toni trionfalistici da Renzi e Padoan.

Difatti, l’unico risultato conseguito VERAMENTE da Renzi è la DEFLAZIONE, come certificato dall’istat nelle principali città. Deflazione significa calo dei prezzi e, quindi,  del PIL, che difatti sarà negativo a differenza delle previsioni statali che parlavano di un seppur timido 0,8% di crescita.

In mezzo a questo deserto economico che l’operato di Renzi sta compiendo, arriva la notizia di ieri che il tasso di rendimento dei BTP è inferiore a quello del BOND inglese e che questo consentirà allo stato di risparmiare circa 2 miliardi di euro di interessi.

Premesso che a seguito dell’errore del calcolo del PIL abbiamo un buco di almeno 13 miliardi che dovranno essere recuperati da qualche parte, anche il risparmio sugli interessi annunciati ai quattro venti dal governo è un’emerita panzana e vediamo perché.

Ipotizziamo di prendere 100 euro a debito e di restituirli dopo 2 anni al tasso del 2% annuo semplice. Dopo due anni dovremo restituire 104 euro. Tuttavia, se l’inflazione è all’1%, noi dopo due anni avremo sì restituito 104 euro, ma è come se ne avessimo realmente consegnati 102, in quanto dal tasso dobbiamo togliere l’inflazione, che mi “mangia” potere d’acquisto (in realtà anche il capitale si svaluta, ma semplifichiamo un po’ le cose).  Se manteniamo gli stessi parametri, ma consideriamo l’inflazione negativa (deflazione) dell’1%, dopo due anni avremo restituito sempre 104 euro, ma nella realtà sarà come se ne avessimo versati 106 perché i prezzi saranno scesi e quindi a parità di moneta potrò prendere più merci. Nella realtà, quindi, non c’è alcun risparmio sulla spesa per interessi.

Non solo: il tasso d’interesse che stiamo pagando oggi, per quanto basso sia, è decisamente maggiore di quanto pagavamo quando avevamo un tasso d’inflazione positivo, e quindi siamo in presenza dell’ennesima sparata priva di senso del premier non eletto fiorentino e del suo degno compare ministro dell’economia.

Ora, i casi sono due: o questi sono realmente degli incapaci di prima categoria, che ignorano i principi base dell’economia conosciuti sicuramente dalle massaie, oppure mentono sapendo di mentire, cercando di nascondere all’opinione pubblica la realtà dei fatti, ovvero il totale fallimento della loro politica economica che, lungi dal risanare i conti, li ha drammaticamente aggravati (a riprova di quanto stiamo dicendo, il rapporto debito/PIL viaggia oltre il 130%!).

E a poco serve celebrare il calo dello spread rispetto al bund tedesco: esso non deriva dal miglioramento della situazione italiana, ma dal peggioramento di quella tedesca. Un po’ come se un malato di cancro si rallegrasse perché gli è stato diagnosticato anche al compagno di stanza.

Purtroppo, questa è la triste realtà dell’Italia a fine agosto 2014: nulla di quanto annunciato da Renzi è realmente stato fatto e quel poco ha provocato più effetti negativi che positivi, che verranno sicuramente colmati da una sventagliata di nuove tasse e tagli al già misero sistema sociale italiano.

Di quello che realmente avrebbe dovuto fare, ovvero un serio taglio degli sprechi, non si è vista traccia. Eppure sarebbe stato semplice: imporre a tutti i centri di spesa della pubblica amministrazione, l’uso del costo medio delle due regioni più “risparmiose”. Un simile atto, secondo le proiezioni dell’Istituto Bruno Leoni, avrebbe portato ad un risparmio per le casse dello stato di 40 miliardi di euro l’anno, senza dover toccare pensioni, sanità, istruzioni.

Invece di fare una sola cosa e fatta bene, il “bomba” ha preferito lanciarsi  nell’unica cosa che sa fare: annunci privi di significato. Peccato che il signor Renzi non sia il protagonista di una fiction, ma il presidente del consiglio (seppur non eletto) di una nazione che merita di essere governata da persone all’altezza e non dal “fonzie” di turno.

Luca  Campolongo


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / IL PUNTO DELLA SITUAZIONE: L'ENORME DIFFERENZA TRA REALTA' ITALIANA E BALLE DI RENZI.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RENZI   GOVERNO   BUCO NEI CONTI   DISAVANZO   80 EURO   FALLIMENTO   DISOCCUPAZIONE   DEFLAZIONE   PADOAN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA RIFORMA DELLA SCUOLA DELLA MINISTRA GIANNINI: ''ELIMINEREMO LE SUPPLENZE!'' (GENIALATA ALLA RENZI: E SE MANCA UN PROF?)

LA RIFORMA DELLA SCUOLA DELLA MINISTRA GIANNINI: ''ELIMINEREMO LE SUPPLENZE!'' (GENIALATA ALLA
Continua

 
DAVIDE CONTRO GOLIA: IL PICCOLO COMUNE DI SCORZE' MANDA AL DIAVOLO RENZI E LA SCIAGURA CHIAMATA MARE NOSTRUM! (ERA ORA!)

DAVIDE CONTRO GOLIA: IL PICCOLO COMUNE DI SCORZE' MANDA AL DIAVOLO RENZI E LA SCIAGURA CHIAMATA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!