42.255.951
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ISTAT: LE FAMIGLIE NON RIESCONO PIU' A RISPARMIARE, IL LAVORO CALA E CALERA', GLI INVESTIMENTI ANCHE PEGGIO. DISASTRO.

lunedì 6 maggio 2013

L'Istat continua a vedere per il 2013 segnali di debolezza sul mercato del lavoro con una disoccupazione all'11,9% (+1,2 punti percentuali rispetto al 2012) mentre nel 2014 il tasso di disoccupazione potrebbe crescere fino al 12,3% per via della lenta ripresa dell'economia.

 ''La caduta del reddito disponibile, l'elevato clima di incertezza percepito dai consumatori e il tentativo di ricostituire livelli di risparmio precedentemente erosi continuerebbero a penalizzare i consumi privati'', spiega l'Istituto nazionale di statistica. E, aggiunge, ''le persistenti difficolta' nel mercato del lavoro e l'orientamento restrittivo delle politiche di bilancio, limiterebbero la possibilita' di un aumento significativo dei consumi nel 2014''.

Il prossimo anno, infatti, evidenzia l'Istat, si registrerebbe solo ''una lieve ripresa'' della spesa privata per consumi (+0,4%), ''inferiore alla crescita del Pil''. Insomma nel 2013 le famiglie continuerebbero a sperimentare un'ulteriore riduzione del reddito disponibile, con inevitabili conseguenze negative sulla spesa. La fase di deterioramento del potere d'acquisto dovrebbe arrestarsi solo nel 2014.

Inoltre, sottolinea l'Istituto, ''il miglioramento delle condizioni di liquidita' derivante dalle misure recentemente adottate per favorire il pagamento dei debiti delle amministrazioni pubbliche nei confronti dei creditori privati, sarebbe destinato prevalentemente a ricostituire i livelli di risparmio''. Tanto che ormai l'incidenza delle famiglie in grado di effettuare risparmi e' ai livelli della crisi del 2009.

Guardando alla dinamica dei prezzi, l'Istat ricorda come nei primi mesi del 2013 il processo di rientro dell'inflazione ha subito un'accelerazione. ''Nei prossimi mesi, in presenza di andamenti moderati delle componenti interne dei costi, la riduzione del tasso di inflazione potrebbe essere frenata dall'aumento - avverte - di un punto (dal 21 al 22%) dell'aliquota ordinaria dell'Iva previsto, a normativa invariata, per luglio 2013''. Tuttavia, fa presente l'Istituto, ''la mancanza di segnali di recupero per la domanda di consumo potrebbe rappresentare un ostacolo alla immediata e completa traslazione dell'incremento dell'aliquota sui prezzi finali''.

Quanto agli investimenti, secondo l'Istat nel 2013 quelli ''fissi lordi risulterebbero ancora in contrazione (-3,5%), per effetto di una riduzione della spesa delle imprese in macchine e attrezzature, mezzi di trasporto e costruzioni. Nel 2014, il miglioramento delle prospettive di crescita determinerebbe il ritorno a tassi di accumulazione positivi (+2,9%)''. Una nota positiva riguarda le esportazioni, previste in moderata espansione nel 2013, con tassi di crescita vicini a quelli osservati nella media dello scorso anno (+2,3% l'aumento in volume). E una piu' significativa accelerazione dovrebbe registrarsi nel 2014 (+3,9%). Anche se, fa notare l'Istat, ''i principali mercati di destinazione delle produzioni italiane continuerebbero a crescere a un ritmo inferiore a quello del commercio mondiale, in particolare nel 2014''. Ecco che ne seguirebbe un'ulteriore flessione della quota di mercato in volume delle esportazioni dell'Italia. (ANSA).


ISTAT: LE FAMIGLIE NON RIESCONO PIU' A RISPARMIARE, IL LAVORO CALA E CALERA', GLI INVESTIMENTI ANCHE PEGGIO. DISASTRO.




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DELL'ARINGA FA IL PESCE IN BARILE: LA RIFORMA FORNERO? ORRENDA! (MA L'HA VOTATA IL SUO PARTITO E LUI NON LO DICE)

DELL'ARINGA FA IL PESCE IN BARILE: LA RIFORMA FORNERO? ORRENDA! (MA L'HA VOTATA IL SUO PARTITO E
Continua

 
LA MINISTRA DELL'ISTRUZIONE PARLA COME SE LA SCUOLA ITALIANA NON FOSSE DA TERZO MONDO. MA DOVE VIVE?

LA MINISTRA DELL'ISTRUZIONE PARLA COME SE LA SCUOLA ITALIANA NON FOSSE DA TERZO MONDO. MA DOVE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua

PROPOSTA M5S: APPLICHIAMO L'ITALICUM ANCHE AL SENATO E POI SUBITO

5 dicembre - ''Ora ci troviamo con due leggi elettorali tra Camera e Senato molto
Continua
Precedenti »