64.758.071
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PUTIN STA METTENDO A PUNTO UN PIANO PER UNA LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA' MOSCA-ATENE (PER MERCI RUSSE E CINESI)

martedì 19 agosto 2014

LONDRA - Si era capito da tempo che Vladimir Putin non e' una mezza calzetta e che al contrario dei politici nostrani e' un eccellente stratega che azzecca sempre ogni mossa e gli permette di rimanere a galla nonostante tutti gli attacchi orchestrati dai poteri forti globalisti.

E così, mentre i ministri del governo Renzi insistono nella loro fallimentare politica antirussa il leader russo sta mettendo a punto un piano per creare una linea ferroviaria ad alta velocita' tra Atene e Mosca.

Il motivo di tale decisione sta nel fatto che dal 2014 la Cosco Cina, una delle maggiori società di containers del mondo, ha ottenuto in concessione trentennale la maggior parte dei moli commerciali del porto greco del Pireo, il primo del Mediterraneo. In questo modo le navi portacontainers cinesi non saranno più costrette a scaricare in Olanda, nel porto di Rotterdam, ma potranno fare rotta sul Pireo risparmiando una settimana di viaggio e da qui nasce l'idea di realizzare un  progetto di alta velocità Mosca-Atene anche al fine di bypassare il Bosforo.

Putin da tempo aveva in mente di realizzare un collegamento ferroviario in grande stile che da Atene salisse a nord in Macedonia a Salonicco per giungere la Russia ma l'asse che aveva saldato con l'ex premier conservatore greco Kostas Karamanlis non era stato sufficiente, anzi era stato bruscamente interrotto. Quest'ultimo infatti era stato al centro di un tentativo di omicidio si dice proprio per l'eccessiva vicinanza a Mosca e a Gazprom Poi nel 2009 fu fatto dimettere per andare a elezioni anticipate, in seguito vinte dal socialista Giorgios Papandreou, alla vigilia del quasi default ellenico.

Oggi Putin vorrebbe riprovarci e, complice la crisi greca con relativa riforma di appalti, lavori pubblici e privatizzazioni, potrebbe essere proprio la Russian Railways, la più grande azienda ferroviaria del mondo, a realizzare l'opera.

Propedeutica a tutto ciò, però, è la partecipazione delle ferrovie russe ai processi di privatizzazione dei porti greci (Salonicco) e soprattutto della Trainose, l'operatore ferroviario greco, che ha in pancia un debito da 800 milioni di euro.

La prima apertura ufficiale da sponda russa risale al settembre scorso, quando il numero uno della Russian Railways, Vladimir Yakunin, virò sul porto di Salonicco con conseguente interessamento anche della Bulgaria nel contesto del nuovo corridoio trans-eurasiatico. Più volte Yakunin non ha nascosto l'intenzione di realizzare un mega polo integrato di trasporti e logistica, per cui l'attivismo in Grecia si inserisce proprio in questa strategia, così come ha sottolineato pochi giorni fa in occasione di un meeting organizzato dall' Economist sulle prospettive dell'economia greca.

Se il progetto - come probabile - andrà in porto ecco che la società russa avrebbe accesso al trasporto combinato treno-nave nell'intera macroregione del Mediterraneo, senza dover dipendere dal passaggio attraverso il Bosforo, con una mutazione oggettiva dello status commerciale e con una serie di prospettive diverse che si aprirebbero, anche per il mercato stesso del vecchio continente che avrebbe altre frecce al proprio arco.

Yakunin tra l'altro ha preso parte lo corso 27 giugno all'Eurispes a Roma al «meeting Razvitie», un progetto integrato di sviluppo con investimenti stimati in 1,5 trilioni di dollari e la creazione di 12 milioni di nuovi posti di lavoro per un corridoio euro-asiatico e proprio il versante asiatico ha subìto un mese fa una vera rivoluzione copernicana grazie all'accordo per una fornitura trentennale di Mosca a Pechino da 38 miliardi di metri cubi di gas l'anno, un contratto che e' il piu significativo tra quelli siglati da Gazprom.

Ovviamente non e' una coincidenza che tale piano viene rivelato a pochi giorni dall'accordo tra Russia ed Egitto che prevede, tra le altre cose, il raddoppio del canale di Suez e la creazione di un'area di libero scambio tra Egitto, Russia, Bielorussia e Kazakhstan e non ci vuole molto a capire che queste decisioni cambieranno per sempre il quadro geopolitico rafforzando ancora di piu' la Russia e accellerando sempre di piu' il declino della UE con buona pace dei parassiti di Bruxelles e di coloro che sostengono che il futuro dell'Italia e' nell'Unione Europea.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.


PUTIN STA METTENDO A PUNTO UN PIANO PER UNA LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA' MOSCA-ATENE (PER MERCI RUSSE E CINESI)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
 
POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO. L'APPARTAMENTO E' DI UN CINESE

POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO.

martedì 13 novembre 2018
MILANO - Venticinque letti ammassati in un quadrilocale dalle pessime condizioni igieniche che ospitava migranti, molti clandestini in Italia. .È quanto trovato gli agenti del Nucleo reati
Continua
CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE 2018: MERITO DI SALVINI

CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE

lunedì 12 novembre 2018
"Gli sbarchi nel 2016 sono stati 181.436, nel 2017 sono stati 119.369 mentre nel 2018 sono scesi a 22.167". Sono i dati forniti da Massimo Bontempi, direttore della Direzione centrale immigrazione e
Continua
 
REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL  ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E POLONIA HANNO DETTO NO)

REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E

lunedì 12 novembre 2018
Aumenta sempre di piu' il numero di coloro che si oppongono al patto ONU sull'immigrazione che verra' adottato dai Paesi partecipanti all conferenza intergovernativa che si terra' in Marocco il 10 e
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL 75% DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA E' FORTEMENTE CONTRARIO ALL'ADOZIONE DELL'EURO (COSI' IL GOVERNO HA RINVIATO)

IL 75% DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA E' FORTEMENTE CONTRARIO ALL'ADOZIONE DELL'EURO (COSI' IL
Continua

 
KIEV (CON L'AIUTO NATO) STA METTENDO A FERRO E FUOCO L'EST PERCHE' C'E' IL PIU' GRANDE GIACIMENTO MONDIALE DI GAS SCISTO

KIEV (CON L'AIUTO NATO) STA METTENDO A FERRO E FUOCO L'EST PERCHE' C'E' IL PIU' GRANDE GIACIMENTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!