64.755.355
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LETTERA APERTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI REGIONALI MARIA CARMELA LANZETTA - DI UN LETTORE DEL NOSTRO QUOTIDIANO

domenica 17 agosto 2014

Lettera aperta

al Ministro degli Affari Regionali

Maria Carmela Lanzetta

Egregio Ministro, le scrivo in merito all'impugnazione delle Leggi Regionali Venete (15 e 16 del 2014) che si proponevano di indire un referendum consultivo per conoscere la volontà del Popolo Veneto in tema di autonomia ed eventualmente di indipendenza.

Ebbene, onestamente la loro impugnazione non mi ha stupito poi molto, in quanto le ultime “prove” di riforma costituzionale hanno reso evidente che  a questo governo la democrazia diretta non piace proprio. Ma è un'opinione del tutto personale.

Quello che invece mi ha lasciato un po' sconcertato sono alcune motivazioni apparse in quest'impugnazione di cui mi piacerebbe discutere con Lei.

Queste leggi regionali nel loro complesso non possono in nessun modo essere in contrasto con la Costituzione della Repubblica Italiana, in quanto non vanno a modificare assolutamente niente  della Carta Costituzionale; si tratta solo di referendum consultivi in cui si vuole sentire l'opinione dei Cittadini Veneti sul loro futuro. Ovvio che a seconda del risultato di questi referendum, ci debba poi essere un percorso legislativo da compiere secondo i dettami della Costituzione (che io amo), ammesso che nel frattempo la stessa non sia stata già stravolta da altri.

A tal proposito viene richiamata  la sentenza 256/89 della Corte Costituzionale, nella quale si evidenziava che “rispetto ai referendum consultivi regionali, si pongono necessariamente dei limiti, proprio per evitare il rischio di influire negativamente sull'ordine costituzionale e politico dello Stato” . 

Ricordo però a Lei e anche ai giudici della Corte Costituzionale che l'articolo 1 prevede che la nostra sia una Repubblica Democratica, cioè che il potere dovrebbe essere attribuito principalmente ai cittadini. Pertanto vietare un referendum consultivo vuol dire privare i cittadini di una parte della loro democrazia e quindi proprio andare ad influire su uno dei principi cardini della Costituzione.

Poi nell' “impugnazione”si fa riferimento ovviamente all'articolo 5 per quanto concerne l'indivisibilità della Repubblica, dimenticandosi però di citare la seconda parte di questo articolo, quello mai attuato veramente, che dovrebbe riconoscere e promuovere le autonomie locali.  

Sono poi fortemente perplesso anche sul richiamo che viene fatto citando l'articolo 3 della Costituzione, in merito a ricadute sul piano dell'uguaglianza. Cosa toglie un referendum consultivo regionale agli altri cittadini italiani in termini di uguaglianza? Allora ragionando così potremmo dire che tutti i referendum che non interessano tutta la Nazione, tolgono uguaglianza ad una parte della popolazione. Abbastanza stravagante come concetto.

A mio modesto avviso invece tutti i cittadini di tutte le Regioni Italiane devono essere uguali (non con le parole ma coi fatti) e poter prendere parte a queste tipologie di referendum. Questa è uguaglianza, che fra l'altro renderebbe ancora più forte questo articolo, visto che contribuirebbe “all'effettiva partecipazione di tutti all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

Inoltre, mi lasci dire che appellarsi alla paura di effetti emulativi (cioè che altre Regioni possano chiedere quello che chiede il Veneto), questo sì che è in netto contrasto con i principi fondamentali della nostra Carta Costituzionale. Può un Ministro della Repubblica Italiana nell'impugnazione di una legge Regionale, parlare di rischio emulazione? Questa legge non va bene perché altri possono poi imitarla? Credo che un Ministro dovrebbe ragionare solo in base alla legalità o meno delle cose e non invece in termini meramente aleatori.

Infine, un richiamo a questo benedetto principio di autodeterminazione dei popoli, che nell'articolo 1 recita:

"Tutti i popoli hanno il diritto di autodeterminazione. In virtù di questo diritto, essi decidono liberamente del loro statuto politico e perseguono liberamente il loro sviluppo economico, sociale e culturale".

Nella Sua richiesta di impugnazione si capisce che richiamarsi al principio di autodeterminazione non va bene, perché  il principio di diritto internazionale si rivolge ai popoli intesi come collettività di persone accomunate da origini, tradizioni, finalità, lingua, rapporti sociali. Praticamente l'esatta fotografia del Popolo Veneto che, al contrario dell'inesistente e fantasioso  (questo sì) popolo padano, vorrebbe solo avere la possibilità di poter decidere del proprio futuro.

Cordialmente.

P.S. per la copertura finanziaria delle leggi, non si preoccupi. Vedrà che ce la caveremo, magari autotassandoci. E lo faremo volentieri, una volta tanto.

Paolo Valdo - Verona.

 

 

 


LETTERA APERTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI REGIONALI MARIA CARMELA LANZETTA - DI UN LETTORE DEL NOSTRO QUOTIDIANO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
 
POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO. L'APPARTAMENTO E' DI UN CINESE

POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO.

martedì 13 novembre 2018
MILANO - Venticinque letti ammassati in un quadrilocale dalle pessime condizioni igieniche che ospitava migranti, molti clandestini in Italia. .È quanto trovato gli agenti del Nucleo reati
Continua
CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE 2018: MERITO DI SALVINI

CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE

lunedì 12 novembre 2018
"Gli sbarchi nel 2016 sono stati 181.436, nel 2017 sono stati 119.369 mentre nel 2018 sono scesi a 22.167". Sono i dati forniti da Massimo Bontempi, direttore della Direzione centrale immigrazione e
Continua
 
REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL  ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E POLONIA HANNO DETTO NO)

REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E

lunedì 12 novembre 2018
Aumenta sempre di piu' il numero di coloro che si oppongono al patto ONU sull'immigrazione che verra' adottato dai Paesi partecipanti all conferenza intergovernativa che si terra' in Marocco il 10 e
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
AUTUNNO ITALIANO ALLE PORTE CON DUE SOLE POSSIBILITA': VIA DALL'EURO O PRELIEVO FORZOSO (RAPINA) DAI CONTI CORRENTI

AUTUNNO ITALIANO ALLE PORTE CON DUE SOLE POSSIBILITA': VIA DALL'EURO O PRELIEVO FORZOSO (RAPINA)
Continua

 
IL MINISTRO PAODAN SOSTIENE CHE ''LA CRESCITA NON CI SARA' MA CI SIAMO TUTTI SBAGLIATI, UE, FMI'' (NOI NO BASTAVA LEGGERE)

IL MINISTRO PAODAN SOSTIENE CHE ''LA CRESCITA NON CI SARA' MA CI SIAMO TUTTI SBAGLIATI, UE, FMI''
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!