71.142.343
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CORSA AL DEFAULT / GLI INTERESSI CHE PAGA L'ITALIA SUL DEBITO PUBBLICO SONO IN CALO? NO: AUMENTATI DEL QUADRUPLO!

domenica 17 agosto 2014

Secondo i mezzi di informazione italiani e le roboanti dichiarazioni del primo ministro non eletto, nonché della degna spalla onorevole ministro Padoan, gli interessi sul debito pubblico sono ai minimi, segno che l’operato del governo sta andando nella giusta direzione e che l’ex sindaco di Firenze gode di ottima e solida credibilità internazionale, tanto da potersi atteggiare a novello Churchill o De Gaulle.

Le cose stanno veramente così? Stiamo veramente viaggiando sul binario giusto?

Prendiamo qualche numero ed analizziamolo. Confrontiamo il 2011, ultimo anno di un governo democraticamente eletto in Italia (ricordiamoci che né Monti, né Letta, né tantomeno Renzi sono nomi usciti dalle urne elettorali, nonostante di mezzo ci siano state le elezioni) prima dell’avvento del presidenzialismo in salsa napoletana.

Dunque, secondo i dati del ministero del tesoro, nel 2011 lo stato ha pagato interessi pari al 4,14% del debito, mentre per il 2014 stima di attestarsi al 3,83% (sempre stime del dicastero retto da Padoan). Se ci limitiamo a vedere questi dati, è vero, gli interessi sono in netto calo.

Peccato che, come qualsiasi investitore sa, non si debba tener conto del tasso di interesse nominale, ma di quello reale, che si calcola con una semplice operazione aritmetica: tasso di interesse nominale – tasso di inflazione.

Perché si deve togliere il tasso di inflazione dal tasso di interesse? Perché il tasso di inflazione mi misura di quanto aumentano i prezzi, ovvero di quanto deve crescere NECESSARIAMENTE il mio reddito per non perdere potere d’acquisto (se oggi un chilo di pane costa un 1 euro e domani 1,10, il mio reddito dovrà essere in grado di coprire quel 0,10 in più, altrimenti comprerò meno pane). Quindi il vero guadagno è quello al netto dell’inflazione(in questo caso io avrò effettivamente più potere d’acquisto di prima).

Fatto questo chiarimento, vediamo ora di calcolare il tasso d’interesse REALE sul debito pubblico italiano nel 2011 e nel 2014

- Anno 2011: interessi  4,14%, inflazione media 3,30%: 4,14-3,30= 0,84%

- Anno 2014: interessi 3,83%, inflazione media 0,3%: 3,83-0,30= 3,53%

Se la matematica non è un’opinione,  nel 2014 pagheremo interessi reali 4,2 volte più alti rispetto al 2011 ed al tanto bistrattato governo Berlusconi: 3,53/0,84= 4,2023.

Faccio notare che ho utilizzato l’inflazione prevista dello 0,3, anche se secondo le ultime stime siamo in deflazione, ovvero ad inflazione negativa, ragion per cui il differenziale risulterebbe ancora maggiore.

Questo, cari lettori, è il prodigioso risultato dei tre governi di “nonno Giorgio”: a fronte di sacrifici enormi chiesti alla popolazione, non solo non sono riusciti a risanare alcunché, ma hanno drammaticamente peggiorato la situazione rispetto a prima.

Si tratta di cifre che dicono chiaramente come il “premio al rischio”, ovvero l’interesse che un investitore chiede per compensare il rischio di perdere i propri soldi sia decisamente aumentato, sintomo che nessuno crede alla favoletta propagandata dal primo ministro e dal presidente della repubblica sull’opera di risanamento e che, al contrario, si scommette su un pesante intervento della troika BCE-FMI-UE nella vita sociale del paese. Poco conta che a farlo sia il premier non eletto svolgendo il compitino mandatogli dagli oligarchi di Bruxelles o che arrivino direttamente gli “esperti” come accaduto in Grecia accompagnati dalla loro macabra scia di macelleria sociale.

Che dire? Di fronte a numeri così impietosi, qualsiasi persona dotata di un minimo di dignità, prenderebbe atto di essere inidoneo a ricoprire l’incarico affidatogli e rassegnerebbe immediatamente le dimissioni chiedendo scusa agli italiani per gli errori (ammesso che siano stati fatti in buona fede) commessi.

Ma, si sa, chi è abituato a dire una cosa ed a fare il suo esatto contrario (ricordiamo che un certo signor Renzi disse che non sarebbe mai andato a Palazzo Chigi senza passare prima dalle elezioni politiche…) difficilmente può avere simili scatti di nobiltà.

Luca Campolongo


CORSA AL DEFAULT / GLI INTERESSI CHE PAGA L'ITALIA SUL DEBITO PUBBLICO SONO IN CALO? NO: AUMENTATI DEL QUADRUPLO!




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235 (PER LE OPPOSIZIONI)

AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235

mercoledì 18 settembre 2019
Al primo voto segreto in Aula, la maggioranza non c'è più. E non si è trattato di una cossetta da nulla, ma di una autorizzazione a procedere all'arresto di un deputato di Forza
Continua
 
CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA PIU' LA MAGGIORANZA

CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA

martedì 17 settembre 2019
Nella narrazione della stampa, in testa il Corriere della Sera ormai pari all'Unità dei "bei tempi andati", dovevano essere solo un manipolo di senatori, in uscita dal Pd verso il gruppo
Continua
RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD FINISCONO NEL TRITACARNE

RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD

lunedì 16 settembre 2019
Oggi hanno "giurato" i sottosegretari del governo Conte, domani Renzi annuncerà la scissione del Pd. Cornuto e mazziato. Sembra la trama di un filmetto anni Settanta con la Fenech e Pozzetto,
Continua
 
NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO

NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E

lunedì 16 settembre 2019
LONDRA - Se il buongiorno si vede dal mattino allora per il presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen i prossimi mesi saranno pieni di guai. Infatti pochi giorni fa e' emerso che il
Continua
BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E CONTE? VEDE DI MAIO

BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E

giovedì 12 settembre 2019
La BCE ha deciso di far ripartire gli acquisti del suo Quantitative Easing: infatti nella riunione del Consiglio Direttivo della Banca centrale europea che si è appena conclusa è stato
Continua
 
E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA (QUINDI TAGLI E TASSE)

E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA

mercoledì 11 settembre 2019
 "La Germania e' sull'orlo della recessione". L'allarme e' dell'Ifw che ha tagliato dallo 0,4% allo 0,2% le stime di crescita per quest'anno e dall'1,6 all'1% quelle per il prossimo. Molto
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL CALO DELLO SPREAD? TRUCCHI CONTABILI DELLA BCE E IL FINANCIAL TIMES: ''LE BANCHE PEGGIORI D'EUROPA SONO TEDESCHE''

IL CALO DELLO SPREAD? TRUCCHI CONTABILI DELLA BCE E IL FINANCIAL TIMES: ''LE BANCHE PEGGIORI
Continua

 
L'ECONOMISTA AMERICANO GRANT WILLIAMS SEGNALA CHE L'ORO TEDESCO DEPOSITATO ALLA FED... SEMPLICEMENTE NON C'E' PIU'.

L'ECONOMISTA AMERICANO GRANT WILLIAMS SEGNALA CHE L'ORO TEDESCO DEPOSITATO ALLA FED...
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!