70.588.286
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA UE HA CALCOLATO I DANNI PER EMBARGO RUSSO: 12 MILIARDI DI USD MENTRE I FONDI UE PER RISARCIMENTI SONO SOLO 400 MLN!

giovedì 14 agosto 2014

La Commissione europea ha creato una speciale autorità incaricata di valutare le conseguenze dell’embargo russo sui prodotti agroalimentari provenienti dall’UE. Il pregiudizio globale annuo potrebbe essere di 12 miliardi di dollari, mentre i fondi europei a disposizione per risarcire gli agricoltori ammontano a 400 milioni.

I giochi di potere attorno alla crisi ucraina si stanno trasformando per l’UE in una guerra alimentare su vasta scala e con guadagno zero. Dopo il divieto di esportazione in Russia, i paesi dell’UE, gli Stati Uniti e il Canada devono obbligatoriamente riorientare con urgenza la loro produzione agroalimentare verso i paesi dell’Asia, dell’America latina e i Caraibi.

Da subito è apparso evidente che i paesi maggiormente penalizzati dall’embargo sono la Polonia e i paesi del Baltico.

La Polonia perde un mercato che annualmente rappresenta 800 milioni di euro, pari allo 0.5% del suo Pil. Per le mancate esportazioni, l’Estonia perderà in un anno lo 0.3% del Pil. Anche la Finlandia si trova in una situazione critica (vedi correlati).

Il primo ministro finlandese, Alexander Stubb, ritiene che la guerra delle sanzioni fra Russia e Occidente può causare una guerra economica.

L’agenzia europea di analisi Euromonitora ha calcolato che la Russia importava la maggior parte dei suoi prodotti dalla Germania e che solo la solidità dell’economia tedesca permette al paese di assorbire il colpo dell’embargo sull’export. Le perdite annue per la Germania sono comunque notevoli, nell’ordine di 600 milioni di euro.

Non va poi dimenticata la conseguente perdita di posti di lavoro, potenzialmente pericolosa nel contesto dell’attuale crisi in Europa. Oltre a silurare deliberatamente i propri interessi, l’Europa si allinea ciecamente alla politica americana.

L’embargo russo sui prodotti agroalimentari in provenienza dall’UE, dalla Norvegia, dagli Stati Uniti, dal Canada e dall’Australia porta un carattere negativo per i mercati mondiali – scrive l’agenzia Bloomberg citando Ric Spooner, analista presso la società australiana CMC Markets.

A suo dire l’embargo russo farà drammaticamente salire i prezzi sugli altri mercati, mentre gli esportatori saranno obbligati a cercare nuove vie commerciali.

L’Europa deve far fronte alle ricadute delle sanzioni commerciali che la Russia ha decretato nei suoi confronti: si allunga la lista dei paesi che chiedono all’Unione europea di essere indennizzati per le perdite che subiscono a causa delle sanzioni emesse da Mosca in risposta alle sanzioni dell’UE contro il governo russo.

La Finlandia, il paese che ha la più lunga frontiera comune con la Russia in seno all’UE, aveva sostenuto le sanzioni di Bruxelles contro Mosca. Ma il governo finlandese osserva che le conseguenze sono sproporzionate. L’anno scorso la Finlandia ha realizzato il 10% delle sue esportazioni con la Russia e il 18% delle importazioni. Secondo la Banca centrale finlandese, la proporzione delle esportazioni finlandesi colpite dall’embargo russo toccherà il 5%.

Il primo ministro finlandese, Alexander Stubb, ha indicato che si aspetta la solidarietà dell’Europa e che misure vengano attuate per suddividere il fardello delle sanzioni in maniera proporzionata fra i diversi paesi europei. Se l’impatto non sarà uguale “prenderemo provvedimenti – ha detto.

La Finlandia non è l’unica a lamentarsi. Polonia, Grecia e Spagna si sono già manifestate presso l’Unione europea per ottenere eventuali compensazioni per le perdite che dovranno subire a causa del divieto di esportare i loro prodotti in Russia.

“La prospettiva di litigi interni per sapere quali sono i paesi che devono ricevere un indennizzo potrebbe indebolire la capacità dell’UE di firmare degli accordi – fa notare l’agenzia Bloomberg. Inoltre in numerosi paesi dell’UE l’embargo russo sulle esportazioni UE rischia di indebolire ulteriormente una ripresa che fatica a manifestarsi.

Ma il dato principale è il seguente: a fronte di 12 miliardi di dollari di danni per mancate esportazioni, la UE ha accantonato fondi per rimborso dei danni per soli 400 milioni di euro! L'Italietta renziana faccia i suoi conti.

max parisi

 


LA UE HA CALCOLATO I DANNI PER EMBARGO RUSSO: 12 MILIARDI DI USD MENTRE I FONDI UE PER RISARCIMENTI SONO SOLO 400 MLN!




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI ITALIANI NON NE PUO' PIU'.

SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI

martedì 13 agosto 2019
LONDRA - Come ogni anno la commissione europea pubblica i risultati del cosiddetto Eurobarometro, un sondaggio fatto a livello europeo per conoscere il livello di popolarita' dell'Unione
Continua
 
SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA E SALVINI PREMIER!

SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA

venerdì 9 agosto 2019
Governo al capolinea, si va verso la parlamentarizzazione della crisi, con il premier Giuseppe Conte che potrebbe andare in Senato, per la fiducia, con un calendario ancora da decidere. Intanto ieri
Continua
CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA BASTIGLIA S'AVVICINA

CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA

lunedì 5 agosto 2019
LONDRA - I guai sembrano non finire mai per il presidente francese Emmanuel Macron. Non bastassero i gilet gialli adesso ci sono anche i contadini che protestano vivamente contro l'inquilino
Continua
 
ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA L'ITALIA, SEMPRE!

ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA

lunedì 5 agosto 2019
La politica è entrata ufficialmente in vacanza e l’augurio è che sia estremamente vantaggiosa ai 5S per raccogliere le idee ed uscire dal tunnel dell’opposizione interna
Continua
FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE LA BREXIT NEL MONDO

FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE

lunedì 29 luglio 2019
LONDRA - Nigel Farage e' veramente determinato a far uscire la Gran Bretagna dalla UE e lo dimostra il fatto che da molti anni sia in politica con questo scopo prima tramile lo UKIP e adesso col
Continua
 
LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO +13% CREMONA +13,2%

LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO

giovedì 25 luglio 2019
MILANO - Dal cioccolato ai formaggi, dal buon cibo al latte sino alle biciclette, alle barche e agli articoli sportivi. Cresce in maniera esponenziale l'export di prodotti legati al turismo dalla
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA: DIETRO L'IMMAGINE DELL'ECONOMIA FORTE, IL SISTEMA BANCARIO E FINANZIARIO TEDESCO E' LETTERALMENTE MARCIO.

LA GERMANIA: DIETRO L'IMMAGINE DELL'ECONOMIA FORTE, IL SISTEMA BANCARIO E FINANZIARIO TEDESCO E'
Continua

 
PUTIN SALDA L'ASSE COMMERCIALE CON L'EGITTO (IMPORT-EXPORT ALIMENTARI) E ORA HA UN POTENTE ALLEATO IN MEDIO ORIENTE.

PUTIN SALDA L'ASSE COMMERCIALE CON L'EGITTO (IMPORT-EXPORT ALIMENTARI) E ORA HA UN POTENTE ALLEATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!