47.447.679
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GOVERNO RENZI IMPEDISCE SIA SVOLTO IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA VENETA (MA DIPENDENZA DAGLI OLIGARCHI UE VA BENE)

venerdì 8 agosto 2014

Il governo ha deciso di impugnare le leggi regionali del Veneto che prouomuovono referendum per chiedere l'indipendenza della regione. Su proposta del Ministro per gli Affari regionali Maria Carmela Lanzetta, si legge nel comunicato, è stata deliberata l'impugnativa di due normative: della Legge Regione Veneto n. 15 del 19/06/2014 "Referendum consultivo sull'autonomia del Veneto", in quanto contiene disposizioni in contrasto con gli artt. 3, 5, 116,117 e 119 della Costituzione; della legge Regione Veneto n. 16 del 19/06/2014 "Indizione del referendum consultivo sull'indipendenza del Veneto" in quanto contiene disposizioni in contrasto con gli artt. 5, 114, 117, comma 1 e 2, lett. a) della Costituzione.

"Roma festeggia il primo 'Si'' a una riforma costituzionale contro le Regioni e le Autonomie e nel contempo celebra il ritorno al piu' bieco centralismo impugnando le leggi venete sull'autonomia e l'indipendenza. Ma noi non ci arrendiamo". Non ha dubbi il presidente Luca Zaia: resistere in causa. E' questa l'unica possibile reazione della Regione alla "bocciatura" del Consiglio dei Ministri, che ha impugnato le leggi approvate dal Consiglio regionale del Veneto lo scorso giugno, finalizzate a indire un referendum consultivo sull' autonomia e uno sull'indipendenza della Regione. "Oppormi al sopruso del Governo - sottolinea Zaia - non e' solo un compito che svolgo con convinzione e con la consapevolezza di fare la cosa giusta, ma e' anche il senso del dovere, morale e istituzionale, che mi impegna a difendere in tutte le sedi il progetto promosso dal Consiglio regionale di consultare i veneti per conoscere la loro volonta' sull'autonomia e l'indipendenza della nostra Regione".

"Io non mi aspetto da Roma, dalle stanze del potere centrale, dalle sedi di uno Stato centralista, un'accoglienza entusiastica di questa assolutamente legittima iniziativa - spiega il presidente veneto -, ma non posso accettare che sia impedito in modo arrogante di ascoltare la voce di un popolo, che 'a prescindere' si dica no a un referendum, cioe' a una delle forme piu' vere della democrazia diretta. Significa, di fatto, negare il diritto di espressione".

"L'insegnamento di Voltaire, 'Non condivido la tua idea, ma darei la vita perche' tu la possa esprimere', e' sconosciuto a questo Governo - prosegue Zaia -, un Governo che dimostra di non sapere cosa sia la liberta', la democrazia e il rispetto delle altrui opinioni. Perche', lo ricordo e lo sottolineo, la Regione non ha organizzato un'operazione separatista, ma vuole consentire ai veneti di esprimersi sull'autonomia e sull' indipendenza della terra nella quale vivono, nel rispetto delle leggi e della Costituzione. E' forse la paura della volonta' popolare a generare questo rifiuto a consultare i cittadini?"

"Vorrei rassicurare - aggiunge Zaia - quanti ingiustificatamente temono l'esito delle consultazioni indette, e' doveroso evidenziarlo, da un organismo istituzionale liberamente e democraticamente eletto come il Consiglio regionale del Veneto: se dovessero vincere i 'SI'' avvieremmo un percorso di autonomia o di indipendenza costituzionale, rispettoso delle norme, ghandiano nei metodi. Al contrario, se gli elettori negassero queste prospettive, ne prenderemmo atto e la partita si chiuderebbe nel rispetto di tale scelta".

"Ma e' proprio questo - conclude Zaia - che Roma, il Governo, lo Stato con i suoi potenti apparati, vogliano negare ai veneti e ai loro rappresentanti eletti nel Consiglio regionale: di esprimere una scelta, una volonta'"

Redazione Milano.


IL GOVERNO RENZI IMPEDISCE SIA SVOLTO IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA VENETA (MA DIPENDENZA DAGLI OLIGARCHI UE VA BENE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA VUOLE USCIRE DALLA UE (E IL 79% E' CONTRO L'EURO)

SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA VUOLE USCIRE DALLA UE (E IL 79% E'

lunedì 29 maggio 2017
Nonostante la stampa di regime controllata  dalle oligarchie Ue continui a ripetere fino alla nausea - specialmrnte in Italia - che l'euro e' stato un grande successo, la realta' e' che chi ne
Continua
 
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO DEBITO-PIL AL 2,4%)

GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO

mercoledì 24 maggio 2017
LONDRA - In diverse occasioni abbiamo parlato di miracolo economico ungherese perche', al contrario delle nazioni dell'area euro, l'Ungheria ha ridotto le tasse e le bollette di luce, acqua, gas e
Continua
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
 
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
 
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SALVINI: ''L'APPROCCIO DEL GOVERNO RENZI CON BRUXELLES E' SBAGLIATO: RISPETTATE VINCOLI SBAGLIATI E' UN SUICIDIO''

SALVINI: ''L'APPROCCIO DEL GOVERNO RENZI CON BRUXELLES E' SBAGLIATO: RISPETTATE VINCOLI SBAGLIATI
Continua

 
LA RUSSIA ABBANDONA L'OCCIDENTE (AL SUO DECLINO): PRONTO UN ACCORDO ANCHE CON L'INDIA PER IL GAS, E ADDIO EUROPA.

LA RUSSIA ABBANDONA L'OCCIDENTE (AL SUO DECLINO): PRONTO UN ACCORDO ANCHE CON L'INDIA PER IL GAS, E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!