44.306.198
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA VERITA' E' CHE RENZI HA SBAGLIATO COMPLETAMENTE TUTTO, IN ECONOMIA: DAL BONUS AI TAGLI (INESISTENTI) DELLE TASSE.

giovedì 7 agosto 2014

Non finisce proprio mai. La ripresa non e' arrivata, non c'e'. C'e' - invece - il ritorno dell'Italia in recessione tecnica, con un secondo trimestre del 2014 che e' ancora negativo. Ma se tra gennaio e marzo l'economia italiana si era contratta dello 0,1 per cento, tra aprile e giugno le cose sono andato ancora peggio, con una discesa dello 0,2 per cento rispetto ai primi tre mesi dell'anno.

Su base annua, invece, il Pil scende dello 0,3 per cento. E sempre del -0,3 per cento, fino allo scorso giugno, e' la 'crescita acquisita' per il 2014, ovvero il dato che si otterrebbe a fine anno se nella seconda meta' dell'anno non ci saranno variazioni. Insomma - scrive Roberto Giovannini su LA STAMPA -, un disastro. Che l'aria fosse brutta si era capito, ma che fosse cosi' orribilmente brutta proprio no. Non ha praticamente piu' senso la previsione del governo, che si attendeva a fine anno una crescita dello 0,8 per cento che ormai e' del tutto fuori portata.

Quel che conta in questo caso e' la conseguenza per i conti pubblici: un Pil in calo significa allontanarsi ancora di piu' dal pareggio di bilancio, e complicare ulteriormente il lavoro di preparazione della Legge di Stabilita'. Cosa che viene notata immediatamente da Bruxelles: come afferma il commissario Ue all'Economia, il finlandese Jyrki Katainen, 'il Pil italiano peggiore delle attese ritarda di nuovo la ripresa e avra' un impatto negativo sulle finanze, ma e' troppo presto per fare valutazioni sul deficit'.

Entrando nel merito dei dati Istat, il calo congiunturale e' per l'istituto di statistica la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto in tutti e tre i grandi comparti di attivita' economica, agricoltura, industria e servizi, ed e' peggiore delle attese degli analisti, che indicavano per il secondo trimestre una forchetta tra il -0,1 per cento e il +0,1 per cento. La frenata dell'economia sembra dipendere dall'indebolimento della spinta della domanda estera: il contributo alla variazione del Pil della domanda interna, al lordo delle scorte, risulta nullo, mentre quello della componente estera netta e' negativo.

Non e' un caso che la stagnazione dell'economia tedesca si rifletta in una secca caduta degli ordinativi alle fabbriche in Germania: il dato di giugno, mese su mese, segna un calo del 3,2 per cento. In Italia invece la produzione industriale a giugno riprende un po' di fiato, con un rialzo dello 0,9 per cento rispetto a maggio. Si capisce, comunque, che l'impatto del bonus degli 80 euro e' stato decisamente limitato sulla domanda per consumi. Almeno per ora. Il pessimo dato si traduce in una giornata da dimenticare a Piazza Affari. A fine giornata il conto e' amaro: la recessione tecnica costa quasi 13 miliardi di euro in capitalizzazione, con una discesa dell'indice del 2,7 per cento, dopo un -3 per cento toccato subito dopo la diffusione dei dati. Il dato scuote tanto che sul listino (tornato sul livelli di febbraio) e' da subito una raffica di sospensioni, mentre lo spread si allarga fino a toccare e superare i 170 punti.

Nella giornata sono fioccate le critiche dell'opposizione al premier Matteo Renzi, accusato di aver clamorosamente fallito la strategia di politica di economica: 'un dato oltre le piu' cupe previsioni - accusa Renato Brunetta - come la mettiamo con i gufi?'. Critiche arrivano anche dai sindacati; Susanna Camusso, Cgil, dice che sono fallite le politiche di austerita' e le strategie di riforma, e che 'ora bisogna mettere al centro il lavoro'. Per Raffaele Bonanni, Cisl, bisogna spostare le tasse dal lavoro ai consumi. Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan (oggi riferira' alla Camera) cerca di rassicurare: 'Non ci sara' alcuna manovra correttiva per il 2014 - dice - il bonus da 80 euro e' permanente, usatelo. Abbiate fiducia'.

Proprio la fiducia, adesso, di fronte a questo disastro, è venuta a mancare.

Redazione Milano.


LA VERITA' E' CHE RENZI HA SBAGLIATO COMPLETAMENTE TUTTO, IN ECONOMIA: DAL BONUS AI TAGLI (INESISTENTI) DELLE TASSE.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''LA MANOVRA ECONOMICA E' CERTA, A MENO CHE RENZI NON VOGLIA SFORARE IL LIMITE DEL 3%'' (DICE LA LEGA, ED E' VERO)

''LA MANOVRA ECONOMICA E' CERTA, A MENO CHE RENZI NON VOGLIA SFORARE IL LIMITE DEL 3%'' (DICE LA
Continua

 
SALVINI: ''L'APPROCCIO DEL GOVERNO RENZI CON BRUXELLES E' SBAGLIATO: RISPETTATE VINCOLI SBAGLIATI E' UN SUICIDIO''

SALVINI: ''L'APPROCCIO DEL GOVERNO RENZI CON BRUXELLES E' SBAGLIATO: RISPETTATE VINCOLI SBAGLIATI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!