54.124.808
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA VERA STORIA DELL'ABBANDONO DEL SIGNOR COTTARELLI (E PROBABILE ARRIVO DELL'AMICO DI RENZI, GUTGELD, DETTO ''IL PAZZO'')

giovedì 31 luglio 2014

Che Carlo Cottarelli volesse da tempo andarsene via non era un mistero. Nominato nel novembre 2013 da Enrico Letta commissario alla spending review, con un curriculum che spazia dall'Ufficio studi della Banca d'Italia ai cinque anni da direttore del dipartimento per gli Affari fiscali, cioe' delle politiche di bilancio pubblico, del Fondo monetario internazionale, con Matteo Renzi non aveva mai legato. Un po' meglio con Pier Carlo Padoan, rimasto nella sostanza il suo ministro di riferimento anche se Renzi lo aveva posto sotto il controllo di palazzo Chigi. E in uno dei primi cronoprogrammi a base di slides, il presidente del Consiglio aveva notato che i tagli di spesa proposti da Cottarelli erano troppo timidi, che si poteva fare di piu'. Cosi' lo "zar dei risparmi" aveva prodotto una nuova tabella da 7 miliardi per il 2014, 18 per il 2015 fino a 33,9 nel 2016. Cifre che non vanno cumulate, ma intese come risparmi strutturali a regime. Poi pero' il premier si era lamentato che i tagli di Cottarelli fossero piu' teorici che reali, non tenendo conto di leggi, regolamenti, regimi autonomi e possibili ricorsi. Gli aveva insomma rinfacciato, sempre ufficiosamente e mai in pubblico, una mancanza di pragmatismo; forse quella che ora chiedera' a Yoram Gutgeld, da lunga data tra i suoi consigliere economico di fiducia.

Il vero Bersaglio dello "zar dei risparmi" e' Renzi e i ministri a lui piu' vicini. A sua volta Cottarelli si era lamentato, sempre con il suo staff e con amici e conoscenti del mondo accademico e giornalistico, che il governo non fosse intervenuto a sufficienza sulla spesa sanitaria, su quella previdenziale, sull'accorpamento delle forze dell'ordine a cominciare da Polizia e Carabinieri. E proprio una misura annunciata dal governo sulle pensioni ha fatto deflagrare il conflitto: la decisione di Marianna Madia, ministro della Pubblica amministrazione, di consentire a 4 mila docenti di andare a riposo con la quota 96, cioe' la somma tra contributi ed eta' anagrafica, in deroga alla riforma Fornero. Questo per assumere altri 4 mila insegnanti giovani, in nome della staffetta generazionale. Cottarelli e' insorto accusando di utilizzare i risparmi per coprire spese correnti; se l'e' presa con il Parlamento, ma il vero Bersaglio e' Renzi ed i ministri a lui piu' vicini. In realta' se si fa l'elenco dei tagli che dovevano essere fatti e sono ancora in stand by, l'elenco e' molto piu' lungo. A cominciare dalle privatizzazioni che gia' quest'anno dovrebbero rendere 12 miliardi, cominciando da Poste e Enav.

La realta' e' semplicemente un'altra. 

Cottarelli, e come gia' prima di lui una sfilza di predecessori, ultimi tra i quali Piero Giarda, Enrico Bondi e Francesco Giavazzi, avrebbero dovuto proporre ai governi quelle misure dei quali i governi stessi, e quindi la politica, non vuole assumersi la responsabilita', in quanto impopolari. E', da parte della politica italiana, un'ammissione congenita di incapacita' visto che nulla di simile accade in altri paesi. Al tempo stesso e' anche un tentativo di rinviare le scelte piu' impopolari, perche' i vari commissari antispesa devono poi vedersela con governi e parlamenti. Il probabile addio di Cottarelli avra' fatto chiarezza su questa ambiguita', se Renzi avra' il coraggio di assumersi lui la responsabilita' di tagli impopolari.

Gutgeld, se davvero tocchera' a lui (ci sono dubbi in proposito), gia' senior partner della McKinsey, vicino a Renzi dai tempi delle varie Leopolde e ora deputato del Pd, e' ormai piu' un politico che un tecnico, in quanto siede a Montecitorio.

E sara' interessante vedere se intendera' riproporre la terapia d'urto che propugnava un anno fa: "Tagli alle pensioni ottenute con il metodo retributivo, privatizzazione immediata di Poste, Ferrovie, Rai, municipalizzate e campioni nazionali (cioe' Eni, Enel e Finmeccanica), contratto unico per dipendenti pubblici e privati senza articolo 18".

Con il ricavato, stimato in 20 miliardi l'anno, "abbattimento shock delle tasse". Nel frattempo entro settembre Renzi e Padoan dovranno mettere nero su bianco il nuovo Documento di economia e finanza, la ex Finanziaria. E, visto il Pil che non cresce e alcuni mancati introiti (come le privatizzazioni), c'e' chi stima una manovra da 16 miliardi. Che pero' non potra' piu' spremere un paese che rischia seriamente l'avvitamento. 

 

Nota: chi è Yoram Gutgeld, così descritto dal blog: "signoraggio".

Pochi sanno che Matteo Renzi, oltre a godere dell’appoggio incondizionato di Carlo De Benedetti, ha da alcuni mesi un personale consigliere economico, e non si tratta di una persona qualsiasi. Stiamo parlando di Itzhak Yoram Gutgeld, economista israeliano naturalizzato italiano e, da questa legislatura, anche membro del Parlamento, essendo stato eletto alla Camera dei Deputati nelle liste del PD.

Nato a Tel Aviv nel 1959, Gutgeld si è laureato all’Università Ebraica di Gerusalemme nel 1984, specializzandosi nel 1989 a Los Angeles, presso l’Università della California. È stato fino al Marzo di quest’anno Senior Partner e Direttore della McKinsey & Company, una delle principali multinazionali nel settore delle consulenze, ma non è nuovo al mondo della politica italiana, avendo partecipato nel 2006 alla stesura del programma di Romano Prodi (e questo la dice lunga!).

Come emerso oggi dai principali quotidiani, Gutgeld avrebbe confezionato per Renzi un vero e proprio programma di governo tendenzialmente liberista, con tutta una serie di proposte e provvedimenti per “risanare e riqualificare la situazione economica e il mondo della politica”. In questo programma, presto disponibile nelle librerie, Gutgeld ringrazia per i consigli raccolti molti personaggi della finanza, fra cui, in qualità di “ex colleghi”, i banchieri Roberto Nicastro e Alessandro Profumo.

Come se la nomina del Sindaco di Firenze a Presidente del Consiglio fosse ormai cosa certa (evidentemente è già da tempo nell’agenda dei burattinai del Nuovo Ordine Mondiale), vi riassumo sinteticamente ciò che questo “Casaleggio in salsa renziana”, come lo ha definito Dagospia, prevede di far attuare, anno dopo anno, allo showman di Rignano sull’Arno.

Non si tratta solo di misure in bilico fra la demagogia “democratica” e il liberalismo più sfrenato, come vuole la tradizione dei programmi del PD, ma di qualcosa che va molto oltre, di una serie di ricette per cucinare e servire su un vassoio d’argento quel che resta del patrimonio industriale dello Stato. Misure in regime straordinario per il primo anno, vendendo le aziende di Stato “in parte o totalmente, a seconda di ciò che serve”. Dal secondo anno, invece, “con i proventi della lotta all’evasione fiscale” Gutgeld prevede di far realizzare a Matteino demagogica e generica “una riduzione dei costi dello Stato”, da attuarsi con un ulteriore giro di vite sull’uso del contante, che il guru renziano ipotizza di limitare a 300 Euro! Per non parlare dell’introduzione dell’obbligatorietà dei pagamenti elettronici in tutti i settori. E così, via, fra ripetute lodi all’Euro e inviti ad una rapida e auspicabile (per lui) unione bancaria europea.

Si tratta di un programma criticato persino dall’Internation Business Times, che giudica le proposte di Gutgeld “concetti già ascoltati negli ultimi anni, senza che nessuno abbia potuto (o voluto) metterli in pratica”.

Prevedo l’arrivo all’orizzonte di foschi e pesanti nuvoloni neri, se il Popolo Italiano non aprirà gli occhi in tempo.

Redazione Milano. 

 

 


LA VERA STORIA DELL'ABBANDONO DEL SIGNOR COTTARELLI (E PROBABILE ARRIVO DELL'AMICO DI RENZI, GUTGELD, DETTO ''IL PAZZO'')


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RENZI   COTTARELLI   SIGNORAGGIO   BERSAGLIO   MINISTRI   POLIZIA   CARABINIERI   FORNERO   FMI   YORAM GUTGELD   ISRAELIANO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
 
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA COMMISSIONE EUROPEA ORDINA CHE SIANO ABBATTUTI MIGLIAIA DI PIANTE L'ULIVO (IN PUGLIA) COSI' DA FAVORIRE LA TURCHIA.

LA COMMISSIONE EUROPEA ORDINA CHE SIANO ABBATTUTI MIGLIAIA DI PIANTE L'ULIVO (IN PUGLIA) COSI' DA
Continua

 
ISTAT: IL TERZO TRIMESTRE VA MALE COME I PRECEDENTI: L'ITALIA E' IN STAGNAZIONE (COME FRANCIA PORTOGALLO BELGIO OLANDA)

ISTAT: IL TERZO TRIMESTRE VA MALE COME I PRECEDENTI: L'ITALIA E' IN STAGNAZIONE (COME FRANCIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!