55.078.875
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA BCE AVREBBE POTUTO SVALUTARE L'EURO QUANDO ERA IL MOMENTO GIUSTO ORA LO SUBIRA' COME CONSEGUENZA DEL DECLINO DELLA UE

mercoledì 30 luglio 2014

PARIGI - Secondo diversi analisti finanziari consultati dal quotidiano francese "Le Monde", diversi indizi indicano una tendenza dell'euro al ribasso, c'è chi si spienge a parlare di "declino", provocata soprattutto dalla diversa velocita' con cui viaggiano l'economia dell'Europa e degli Stati Uniti: la prima è in stagnazione, la seconda in forte crescita, dopo i dati del Pil USA del secondo trimestre 2014 che segnano un clamoroso +4%.

Se infatti il primo calo dell'euro registrato sui mercati monetari poteva sembrare legato al contingente inasprimento della crisi in Ucraina, le ultime giornate di scambi sono state poi influenzate da una serie di indicatori negativi per l'economia del Vecchio Continente. Il 22 luglio Eurostat ha confermato che, dopo un leggero miglioramento nel primo trimestre, il debito pubblico dei paesi dell'eurozona e' tornato a crescerei dal 92,7 al 93,9 per cento del Pil europeo.

A cio' si e' aggiunta la sorpresa rilevata dall'indice Ifo sul clima degli affari in Germania, che a luglio e' caduto a 108 da 109,7 i giugno, facendo credere che l'attivita' economica rischia di indebolirsi anche Oltre-Reno. Al contrario i dati incoraggianti si moltiplicano negli Stati Uniti, dove gli ordini di beni durevoli sono saliti piu' del previsto a luglio, mentre l'inflazione al 2,1 per cento su base annua e' al livello piu' alto dal 2012.

"L'accelerazione della ripresa Usa e soprattutto le opposte politiche monetarie adottate dalle Banche centrali sui due lati dell'Atlantico," spiega Jean-Fran§ois Robin di Natixis, "stanno spingendo il dollaro in alto rispetto a tutte le altre valute e soprattutto all'euro".

La Federal Reserve (Fed) Usa, nella riunione dei direttori iniziata ieri e che proseguira' oggi, sta continuando a ridurre gli interventi di "quantitative easing" sui mercati, che attualmente ammontano a 35 miliardi di dollari al mese (26 miliardi di euro), contro gli 85 miliardi di un anno fa; soprattutto, se la ripresa riuscira' ad accelerare, alla meta' del 2015 pensa di aumentare il proprio tasso di riferimento.

Al contrario la Banca centrale europea (Bce) ha dichiarato a giugno che non esitera' a prendere nuove misure per contrastare il rischio deflazione: Cio' significa che i tassi resteranno bassi per molto tempo ancora nella zona Euro" commenta l'economista Philippe Crevel di Cercle des e'pargnants. E questa divergenza costerà cara all'euro. E' altamente probabile che i capitali sfrutteranno il rinnovato vigore e l'accresciuta redditività della valuta americana per migrare verso gli Stati Uniti. 

La svalutazione dell'euro che la BCE avrebbe potuto decidere di mettere in atto autonomamente, con tutti i benefici conseguenti, adesso sarà la conseguenza del declino dell'Europa, e non più di scelte mirate delgi artefici dell'euro. E' una differenza sostanziale che causerà ulteriri difficoltà all'economia già "gelata" dell'Eurozona.

Redazione Milano. 


LA BCE AVREBBE POTUTO SVALUTARE L'EURO QUANDO ERA IL MOMENTO GIUSTO ORA LO SUBIRA' COME CONSEGUENZA DEL DECLINO DELLA UE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

EURO   LE MONDE   DECLINO   UE   USA   CAPITALI   GERMANIA   DEBITO PUBBLICO UE   FED   BCE   EUROSTAT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ITALIA AL COLLASSO E PRELIEVO FORZOSO IN ARRIVO? ECCO COSA FARE PER NON ESSERE RAPINATI (DA GOVERNO, TROIKA, UE)

ITALIA AL COLLASSO E PRELIEVO FORZOSO IN ARRIVO? ECCO COSA FARE PER NON ESSERE RAPINATI (DA
Continua

 
STUDIO / TUTTI I NUMERI DELLA CATASTROFE ITALIANA! UN INCUBO CON UNA SOLA FINE: IL DEFAULT (O VIA DALL'EURO. ADESSO!)

STUDIO / TUTTI I NUMERI DELLA CATASTROFE ITALIANA! UN INCUBO CON UNA SOLA FINE: IL DEFAULT (O VIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!