50.685.392
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ATTACCO FRONTALE DELLA STAMPA TEDESCA A RENZI: ''TANTI ANNUNCI, NESSUN RISULTATO, MALEDUCAZIONE ED EGOCENTRISMO'' (BOOM!)

martedì 29 luglio 2014

BERLINO - La stampa tedesca rivolge un nuovo attacco all'Italia. Il Belpaese "necessita urgentemente di riforme che vengono continuamente annunciate e sempre rimandate". Quando i francesi esibiscono lo stesso atteggiamento - scrive Florian Eder in un commento pubblicato dal quotidiano "die Welt" - i tedeschi sono lesti a dar voce alle loro critiche.

L'Italia, invece, puo' sempre contare "sull'indulgenza dei suoi vicini". La politica francese "non ha mai esibito la leggerezza dell'essere, l'accattivante maleducazione e l'egocentrismo degli italiani", che "si sottopongono alle regole in modo scaltro, sempre pronti ad aggirarle a piacimento".

Dalla Francia l'Europa si aspetta di piu', scrive l'opinionista. Il Belpaese, invece, e' libero di continuare a disinteressarsi dei suoi problemi strutturali. L'Italia "non e' competitiva": gli investitori privati stranieri e italiani "non godono della certezza del diritto e sono costretti a calcolare il controvalore del loro onere fiscale perche' l'amministrazione pubblica non e' in grado di fare il suo lavoro".

Gli investitori vogliono stabilita' nella politica di bilancio e di ordine nell'apparato legislativo e burocratico, e necessitano, per questo, "di riforme strutturali e non di programmi congiunturali da Roma o addirittura da Bruxelles". A settembre - ha annunciato il premier Matteo Renzi - rivolteremo il Paese da testa a piedi.

Il premier, che sembrava colto da una frenesia riformatrice senza precedenti "ha dato il tempo a se' e ai cittadini di tornare belli e abbronzati dalle vacanze", e si e' concesso mille giorni per attuare le riforme strutturali di cui il Paese necessita da molto tempo.

Quelle di Renzi, accusa l'opinionista tedesco, sono promesse note: prima di lui le hanno pronunciato Mario Monti e poi Enrico Letta. Alle promesse seguono, in alcuni casi, addirittura decreti o disegni di legge, ma "una parte importante delle centinaia di progetti di legge degli ultimi tre anni non e' mai diventata legge, e' impigliata nel groviglio degli interessi di parte".

Con la sua richiesta di maggiore "flessibilita'" nella politica fiscale, Renzi ha gia' contagiato mezza Europa, che spera di poter applicare le regole piu' liberamente e che intravede la fine dell'autolimitazione della propria spesa pubblica. La contropartita e' stata promessa, "ma non verra' recapitata prima di mille giorni". 

E con questo ultimo paragrafo, si conclude uno degli articoli più feroci contro Renzi e l'Italia mai pubblicati dalla stampa tedesca ed in particolare da un quotidiano molto vicino, politicamente, alla cancelliera Angela Merkel. 

Redazione Milano. 


ATTACCO FRONTALE DELLA STAMPA TEDESCA A RENZI: ''TANTI ANNUNCI, NESSUN RISULTATO, MALEDUCAZIONE ED EGOCENTRISMO'' (BOOM!)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Die Welt   quotidiano   tedesco   attacco a Renzi   articolo   Italia   Francia   Germania    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO / L'UNITA' DEVE PAGARE 110 MILIONI DI EURO DI DEBITI ALLE BANCHE MA I DS LI HANNO ''GIRATI'' ALLO STATO! SCHIFO!

CLAMOROSO / L'UNITA' DEVE PAGARE 110 MILIONI DI EURO DI DEBITI ALLE BANCHE MA I DS LI HANNO
Continua

 
LA COMMISSIONE EUROPEA ORDINA CHE SIANO ABBATTUTI MIGLIAIA DI PIANTE L'ULIVO (IN PUGLIA) COSI' DA FAVORIRE LA TURCHIA.

LA COMMISSIONE EUROPEA ORDINA CHE SIANO ABBATTUTI MIGLIAIA DI PIANTE L'ULIVO (IN PUGLIA) COSI' DA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!