47.314.926
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RICATTONE DELL'FMI ALL'UCRAINA (DISTRUTTA): ''SE NON APPROVATE LE RIFORME (PEGGIO DI QUELLE GRECHE) NIENTE SOLDI E ADDIO''

martedì 29 luglio 2014

NEW YORK - Dopo le dimissioni del governo di Arseni Yatseniuk, Il Fondo monetario internazionale ha invitato (leggi: minacciato) l'Ucraina a "mettere in atto fermamente" le riforme decise dal governo.

Lo dice ufficialmente un portavoce dell'istituzione di Washington dopo che il direttore generale Christine Lagarde ha incontrato la governatrice della Banca nazionale ucraina Valerya Gontareva e il ministro degli Esteri Pavlo Klimkin ieri a Washington.

"Le discussioni si sono concentrate sui recenti sviluppi politici in Ucraina e sugli sforzi delle autorità per realizzare il programma di riforme economiche sostenute dall'accordo stand-by con il Fondo" ha detto il portavoce.

Lagarde "ha esortato mettere in atto fermamente le riforme, comprese quella necessarie alla prima revisione prevista dal programma sostenuto dal Fmi".

La caduta del governo, insieme alle nuove difficoltà dell'economia per il perdurare del conflitto in est Ucraina, potrebbe mettere a repentaglio il piano di salvataggio da 17 miliardi di dollari lanciato dall'Fmi, che può concedere le varie tranche del prestito solo se le riforme concordate vengono attuate.

Tutto chiaro? I soldi della UE e dell'Fmi "promessi" all'Ucraina arriveranno solo se l'Ucraina approverà e metterà in atto "riforme" che fanno impallidire per ferocia quelle imposte alla Grecia, e sulla cui approvazione è schiantato il governo, provocando il caos attuale.

In verità, gli ucraini credevano che sarebbe bastato fare il golpe per finire ricoperti di soldi dalla UE, e invece la UE non ha alcuna intenzione e ben che meno l'FMI di farsi rapinare dai golpisti di Kiev. I quali, a loro volta, sanno benissimo che se approvassero le "riforme" volute dall'Europa il popolo ucraino non ci penserebbe neppure un minuto a riprendere in mano fucili e forche. 

L'Ucraina è finita in fondo a un pozzo così profondo che neppure un miracolo ruscirà a farla uscire. 

Redazione Milano. 


RICATTONE DELL'FMI ALL'UCRAINA (DISTRUTTA): ''SE NON APPROVATE LE RIFORME (PEGGIO DI QUELLE GRECHE) NIENTE SOLDI E ADDIO''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Ucraina   riforme   diktat   Fmi   Lagarde   governo   caduto   Kiev   disastro   aiuti   ricatto   guerra civile    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO DEBITO-PIL AL 2,4%)

GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO

mercoledì 24 maggio 2017
LONDRA - In diverse occasioni abbiamo parlato di miracolo economico ungherese perche', al contrario delle nazioni dell'area euro, l'Ungheria ha ridotto le tasse e le bollette di luce, acqua, gas e
Continua
 
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
 
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua
 
ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6%

martedì 16 maggio 2017
Il Pil italiano ristagna allo 0,2% nel primo timetre 2017 con una proiezione annua da incubo, allo 0,6%. L'eurozona nel medesimo trimestre ha segnato +0,5%. Nella classifica degli Stati membri
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
UN PILOTA DELL'AVIAZIONE DI KIEV SI ASSUME LA RESPONSABILITA' DELL'ABBATTIMENTO DELL'AEREO MALESE (ADESSO COME FINIRA'?)

UN PILOTA DELL'AVIAZIONE DI KIEV SI ASSUME LA RESPONSABILITA' DELL'ABBATTIMENTO DELL'AEREO MALESE
Continua

 
CAMERON VARA NORME SEVERISSIME CONTRO IMMIGRATI DAI PAESI UE (CHE VANNO A SCROCCO) PER FRENARE ANCHE L'UKIP IN ASCESA!

CAMERON VARA NORME SEVERISSIME CONTRO IMMIGRATI DAI PAESI UE (CHE VANNO A SCROCCO) PER FRENARE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!