48.329.933
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

KATAINEN, IL COMMISSARIO AGLI AFFARI ECONOMICI DELLA UE HA STRIGLIATO L'ITALIA, MA LA FINLANDIA E' PEGGIO DELLA GRECIA

domenica 27 luglio 2014

Katainen, chi è costui? Don Abbondio probabilmente si porrebbe questa domanda nel leggere i commenti al vetriolo lanciati al premier non eletto italiano da tal Jyrki Katainen, fresco commissario europeo agli affari economici. La risposta è presto data: si tratta dell’ex primo ministro finlandese, che appena insediato nel suo nuovo incarico di oligarca europeo, ha prontamente dichiarato che l’Italia non ha diritto di chiedere flessibilità sui parametri europei e deve anzi essere più pronta e soprattutto prona a rispettare i diktat europei  di austerità e povertà.

Nulla di nuovo sotto il sole, direte, ma quanto meno irritante se  a pronunciare simili affermazioni è l’ex premier di uno stato che negli ultimi anni ha conseguito risultati tali da farlo finire dritto dritto dietro la lavagna con tanto di orecchie d’asino ben appiccicate in testa.

Non ci credete che uno stato come la Finlandia possa essere peggio del paese di pulcinella? Eppure è così.

Pensate che in meno di cinque anni il debito pubblico finlandese è quasi raddoppiato, passando dal 33,9% al 57% del 2014. Certo, è meno della metà di quello italico, ma la velocità con cui sta crescendo è a dir poco preoccupante e, cosa non di poco conto, prima dell’avvento dei “governi di nonno Giorgio”, il debito pubblico italiano era quello con la dinamica di crescita minore rispetto a tutte le altre nazioni  dell’area euro dal momento dell’avvio della crisi del 2008. Dopo il 2011, grazie all’operato dei governi Monti, Letta e Renzi è letteralmente esploso e questo proprio grazie all’aver seguito le ricette della ue.

Qualcuno potrebbe pensare che a fronte dell’aumento del debito pubblico, la Finlandia sia riuscita a mantenere bassa la disoccupazione ed il PIL in positivo grazie ad opportune azioni di stimolo dell’economia.

Anche in questo caso la Finlandia è da matita rossa e blu: il PIL si mantiene sotto i livelli precedenti alla crisi del 2008 ed è tutt’ora in terreno negativo, mentre la disoccupazione è balzata ad oltre il 10% e presto salirà ancora, visto che Microsoft ha annunciato 18.000 licenziamenti in Nokia . Certo, Katainen potrebbe sempre proporre ai finlandesi di lavorare di più e, magari, di emigrare ad Hanoi, dove la “nuova”  Nokia produrrà i suoi telefoni.

Anche il costo del lavoro è aumentato, mentre la produttività è scesa, facendo diventare improvvisamente “virtuosa” la Grecia al confronto con il paese nordico.

La Finlandia presenta, in ultima istanza, tutti gli indicatori economici e sociali tipici più dei paesi mediterranei che di quelli scandinavi ,  con valori che avrebbero fatto scattare le dure reprimende degli oligarchi di Bruxelles ed il ditino alzato della cancelliera tedesca Merkel, magari con il rumoreggiare di sottofondo della speculazione sul debito pubblico fatta dalle banche teutoniche in caso di resistenza a “prendere la medicina”.

Eh già: Katainen predica male e razzola pure peggio, ma facendo parte del “blocco nordico” tanto caro alla Germania, può fare la paternale all’Italia impunemente, senza dover rendere conto del disastro del suo Paese.

La cosa più triste, tuttavia, è che l’ex sindaco di Firenze, non abbia sbattuto seriamente i pugni sul tavolo, pretendendo da Katainen e dalla Finlandia l’immediata applicazione delle riforme lacrime e sangue che vengono invece pretese da noi.

Ma, si sa, don Abbondio si sentiva vaso di coccio in mezzo a vasi di ferro ed il nostro premier non eletto, a dispetto di alcune dichiarazioni roboanti, appare sempre più simile al personaggio manzoniano. Il che, per un paese che sta annaspando nella peggiore crisi economica e sociale dalla fine della seconda guerra mondiale, non è propriamente un bene. Per cui, anche un Katainen qualsiasi, può permettersi di farci la morale, senza guardare alla trave nel proprio occhio.

Luca Campolongo

www.sosimprese.info

consulenza@sosimprese.info

Fonti dei dati: http://www.economiaepolitica.it/primo-piano/i-paradossi-dellausterita-la-finlandia-nella-crisi-delleuro/#.U9Dlp_l_uSo e http://keynesblog.com/2014/07/21/la-finlandia-ha-bisogno-di-riforme-strutturali/#more-5618


KATAINEN, IL COMMISSARIO AGLI AFFARI ECONOMICI DELLA UE HA STRIGLIATO L'ITALIA, MA LA FINLANDIA E' PEGGIO DELLA GRECIA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
OLIGARCHI DI BRUXELLES VOGLIONO ALLARGARE LA UE MA TEDESCHI INGLESI E FRANCESI SONO CONTRARI (I CITTADINI NON I GOVERNI)

OLIGARCHI DI BRUXELLES VOGLIONO ALLARGARE LA UE MA TEDESCHI INGLESI E FRANCESI SONO CONTRARI (I
Continua

 
GOVERNO RENZI INVITA TUTTI GLI ITALIANI PRESENTI IN LIBIA AD ABBANDONARE IL PAESE QUANTO PRIMA! (CATASTROFE GLOBALE)

GOVERNO RENZI INVITA TUTTI GLI ITALIANI PRESENTI IN LIBIA AD ABBANDONARE IL PAESE QUANTO PRIMA!
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!