54.046.243
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ARGENTINA ANNUNCIA CHE ''UNA TRANSAZIONE CON I FONDI AVVOLTOIO E' IMPOSSIBILE'' (E QUINDI IL 30 LUGLIO SARA' DEFAULT)

mercoledì 23 luglio 2014

BUENOS AIRES - Il governo argentino e' tornato oggi a criticare al giudice Thomas Griesa - il magistrato statunitense che si occupa del suo scontro giudiziario con gli "hedge fund" che non hanno accettato il concambio sui cosiddetti "tango bond" - per le decisioni che ha annunciato oggi a New York, sostenendo che "non ha risolto nulla" in quanto al problema dei pagamenti ai detentori di titoli che hanno accettato gli swap.

Griesa ha respinto oggi la richiesta di una sospensione della sentenza che obbliga Buenos Aires a pagare agli hold out circa 1,3 miliardi di dollari, indicando che "non e' necessario alle trattative o a un eventuale patteggiamento" fra le parti, che deve essere definito in "negoziazioni continuate" che inizieranno domani presso lo "special master" che ha scelto per il caso, Daniel Pollack, e che si devono concludere entro il 30 luglio, data limite perche' l'Argentina non cada in un nuovo default sul suo debito estero.

Nel comunicato diffuso oggi dal ministero dell'Economia argentino non si fa cenno alla trattativa con gli "hedge fund", nuovamente denunciati come "fondi avvoltoio" e si rifiuta anche la possibilita' di un default perche' "default e' non pagare, e l'Argentina paga", malgrado Griesa usi questo termine "ripetendo testualmente le parole della propaganda e delle minacce degli avvoltoi".

L'agenzia Reuters  ha messo in rete un lancio drammatico, al riguardo: "Una transazione con i detentori di obbligazioni argentine rimasti fuori dal concambio non può essere raggiunto per la fine del mese neanche nel caso venissero condotti colloqui serrati. Lo ha detto l'avvocato difensore dell'Argentina nell'udienza tenuta oggi di fronte al giudice Usa Thomas Griesa, cui Buenos Aires ha chiesto una sospensione dell'ordine di pagamento ai detentori dei propri bond che non hanno aderito alla ristrutturazione del debito pubblico del 2002, in attesa di trovare una "soluzione complessiva". L'Argentina ha tempo fino alla fine di luglio per trovare un'intesa con i cosiddetti 'holdout', guidati da un gruppo di hedge fund Usa, ed evitare un nuovo default del paese . L'avvocato ha aggiunto che l'Argentina vuole raggiungere una transazione ma che ciò presuppone un "movimento" da parte degli holdout. Il giudice Griesa dal canto suo ha affermato che tutte le questioni sollevate dal difensore dell'Argentina sono tali da poter essere gestite nell'ambito di un accordo e ha ordinato ai legali delle parti di incontrarsi con il mediatore Daniel Pollack "immediatamente e in maniera continuativa finché un accordo non sarà trovato". Senza accordo - ha avvertito - ci sarà un default, che è la cosa peggiore. Il mediatore Pollack ha poi richiesto un nuovo incontro tra le parti per domani, alle ore 10 a New York".


ARGENTINA ANNUNCIA CHE ''UNA TRANSAZIONE CON I FONDI AVVOLTOIO E' IMPOSSIBILE'' (E QUINDI IL 30 LUGLIO SARA' DEFAULT)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ARGENTINA   DEFAULT   FONDI AVVOLTOIO   USA   NEW YORK   EDGE FOUND    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
 
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NASCE IN SVIZZERA IL COMITATO ''NO ALLA STRISCIANTE ADESIONE ALLA UE'' (SAREBBE IL CASO DI FARLO ANCHE IN ITALIA: NO UE!)

NASCE IN SVIZZERA IL COMITATO ''NO ALLA STRISCIANTE ADESIONE ALLA UE'' (SAREBBE IL CASO DI FARLO
Continua

 
ALLA FACCIA DELLE SANZIONI USA-UE E DELLA STAGNAZIONE IN EUROPA, LA RUSSIA ANNUNCIA: PIL 2014 +1% (MEGLIO DELLA UE!)

ALLA FACCIA DELLE SANZIONI USA-UE E DELLA STAGNAZIONE IN EUROPA, LA RUSSIA ANNUNCIA: PIL 2014 +1%
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!