63.442.267
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ARGENTINA ANNUNCIA CHE ''UNA TRANSAZIONE CON I FONDI AVVOLTOIO E' IMPOSSIBILE'' (E QUINDI IL 30 LUGLIO SARA' DEFAULT)

mercoledì 23 luglio 2014

BUENOS AIRES - Il governo argentino e' tornato oggi a criticare al giudice Thomas Griesa - il magistrato statunitense che si occupa del suo scontro giudiziario con gli "hedge fund" che non hanno accettato il concambio sui cosiddetti "tango bond" - per le decisioni che ha annunciato oggi a New York, sostenendo che "non ha risolto nulla" in quanto al problema dei pagamenti ai detentori di titoli che hanno accettato gli swap.

Griesa ha respinto oggi la richiesta di una sospensione della sentenza che obbliga Buenos Aires a pagare agli hold out circa 1,3 miliardi di dollari, indicando che "non e' necessario alle trattative o a un eventuale patteggiamento" fra le parti, che deve essere definito in "negoziazioni continuate" che inizieranno domani presso lo "special master" che ha scelto per il caso, Daniel Pollack, e che si devono concludere entro il 30 luglio, data limite perche' l'Argentina non cada in un nuovo default sul suo debito estero.

Nel comunicato diffuso oggi dal ministero dell'Economia argentino non si fa cenno alla trattativa con gli "hedge fund", nuovamente denunciati come "fondi avvoltoio" e si rifiuta anche la possibilita' di un default perche' "default e' non pagare, e l'Argentina paga", malgrado Griesa usi questo termine "ripetendo testualmente le parole della propaganda e delle minacce degli avvoltoi".

L'agenzia Reuters  ha messo in rete un lancio drammatico, al riguardo: "Una transazione con i detentori di obbligazioni argentine rimasti fuori dal concambio non può essere raggiunto per la fine del mese neanche nel caso venissero condotti colloqui serrati. Lo ha detto l'avvocato difensore dell'Argentina nell'udienza tenuta oggi di fronte al giudice Usa Thomas Griesa, cui Buenos Aires ha chiesto una sospensione dell'ordine di pagamento ai detentori dei propri bond che non hanno aderito alla ristrutturazione del debito pubblico del 2002, in attesa di trovare una "soluzione complessiva". L'Argentina ha tempo fino alla fine di luglio per trovare un'intesa con i cosiddetti 'holdout', guidati da un gruppo di hedge fund Usa, ed evitare un nuovo default del paese . L'avvocato ha aggiunto che l'Argentina vuole raggiungere una transazione ma che ciò presuppone un "movimento" da parte degli holdout. Il giudice Griesa dal canto suo ha affermato che tutte le questioni sollevate dal difensore dell'Argentina sono tali da poter essere gestite nell'ambito di un accordo e ha ordinato ai legali delle parti di incontrarsi con il mediatore Daniel Pollack "immediatamente e in maniera continuativa finché un accordo non sarà trovato". Senza accordo - ha avvertito - ci sarà un default, che è la cosa peggiore. Il mediatore Pollack ha poi richiesto un nuovo incontro tra le parti per domani, alle ore 10 a New York".


ARGENTINA ANNUNCIA CHE ''UNA TRANSAZIONE CON I FONDI AVVOLTOIO E' IMPOSSIBILE'' (E QUINDI IL 30 LUGLIO SARA' DEFAULT)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ARGENTINA   DEFAULT   FONDI AVVOLTOIO   USA   NEW YORK   EDGE FOUND    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DALLE PAROLE AI FATTI A TEMPO DI RECORD: IL DECRETO SICUREZZA A FIRMA SALVINI APPROVATO OGGI DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DALLE PAROLE AI FATTI A TEMPO DI RECORD: IL DECRETO SICUREZZA A FIRMA SALVINI APPROVATO OGGI DAL

lunedì 24 settembre 2018
"Sicurezza e Immigrazione, alle 12.38 il Consiglio dei ministri approva all'unanimita'! Sono felice". Con un post su Facebook il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo SALVINI, ha annunciato
Continua
 
DANIMARCA: PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (OMOLOGO DEL PD) SULL'IMMIGRAZIONE SI SCHIERA SU POSIZIONI NAZIONALISTE

DANIMARCA: PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (OMOLOGO DEL PD) SULL'IMMIGRAZIONE SI SCHIERA SU POSIZIONI

lunedì 24 settembre 2018
LONDRA   - Sono passate poche settimane da quando il parlamento danese ha vietato l'uso del burka ma adesso i legislatori danesi vogliono andare oltre con l'obiettivo di porre fine al
Continua
PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA FAMIGERATA ''REGOLA'' DEL 3%

PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA

giovedì 20 settembre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di accuse e critiche al governo italiano da parte di oligarchi ue e dei loro lacché nazionali. La cosa non deve sorprendere: il governo gialloverde
Continua
 
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NASCE IN SVIZZERA IL COMITATO ''NO ALLA STRISCIANTE ADESIONE ALLA UE'' (SAREBBE IL CASO DI FARLO ANCHE IN ITALIA: NO UE!)

NASCE IN SVIZZERA IL COMITATO ''NO ALLA STRISCIANTE ADESIONE ALLA UE'' (SAREBBE IL CASO DI FARLO
Continua

 
ALLA FACCIA DELLE SANZIONI USA-UE E DELLA STAGNAZIONE IN EUROPA, LA RUSSIA ANNUNCIA: PIL 2014 +1% (MEGLIO DELLA UE!)

ALLA FACCIA DELLE SANZIONI USA-UE E DELLA STAGNAZIONE IN EUROPA, LA RUSSIA ANNUNCIA: PIL 2014 +1%
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

REGIONE LOMBARDIA - DELIBERA ASSESSORE AL BILANCIO CAPARINI:65

24 settembre - MILANO - Approvata in Giunta regionale la delibera proposta
Continua

35 EURO CADA AFRICANO AL GIORNO SARANNO RIDOTTI (RISPARMIO 1,5

24 settembre - ''I 35 euro a migrante stanziati per l'accoglienza verranno rivisti in
Continua

SALVINI: ''CONSIGLIO MINISTRI APPROVA IL DECRETO SICUREZZA''

24 settembre - ROMA - ''DecretoSicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei Ministri approva
Continua

SALVINI: MANOVRA CORAGGIOSA ED ESPANSIVA. LO CHIEDONO GLI

23 settembre - ''In queste ultime settimane ho avuto modo di fare alcune chiacchierate
Continua

ATTILIO FONTANA: SIAMO IN GRADO DI FARE LE OLIMPIADI 2026 BENE E

22 settembre - ''Noi abbiamo dato la disponibilita' e non abbiamo nessun problema.
Continua

L'OCSE NON DEVE INTROMETTERSI NELLE SCELTE DI UN PAESE SOVRANO QUAL

20 settembre - ''L'Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il
Continua
IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO LA STESSA COSA

IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO

20 settembre - PARIGI - Marine Le Pen insorge contro la decisione di una giudice, che
Continua

SALVINI: EUROPA NON DEV'ESSERE PROFITTO SPECULAZIONE PRIVILEGI DI

20 settembre - Il presidente francese Emmanuel Macron ''dal gennaio dell'anno scorso ha
Continua

ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI DA PARTE DELLA UE SUI ''MIGRANTI''

20 settembre - SALISBURGO - ''L'importante è che ci sia un'ampia partecipazione al
Continua

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua
Precedenti »