45.193.540
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SCIOPERO GENERALE DEI LAVORATORI DELL'ENI IL 29 LUGLIO: LO STATO AZIONISTA DI MAGGIORANZA VUOLE CHIUDERE LE RAFFINERIE

venerdì 18 luglio 2014

Martedì 29 luglio sarà sciopero per l'intera giornata dei lavoratori di tutte le aziende del gruppo Eni (impianti di raffinazione, produzione e perforazione, impianti chimici e petrolchimici, sedi direzionali, depositi, uffici commerciali e amministrativi, aziende territoriali), oltre allo sciopero di due ore - da definire a livello locale - di tutti gli impianti di raffinazione sul territorio nazionale.

Nella stessa giornata, informa una nota dei sindacati, è prevista una manifestazione nazionale a Roma alle 15.00 davanti a Montecitorio. Sono queste le decisioni del coordinamento nazionale unitario Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil del gruppo Eni, riunitosi oggi a Roma alla presenza dei segretari generali Emilio Miceli, Sergio Gigli, Paolo Pirani, che chiedono al governo di intervenire in quanto azionista di maggioranza.

"Oltre 30.000 i lavoratori interessati dall'astensione dal lavoro che - assicurano i sindacati - sarà rigorosamente effettuata secondo le norme previste dalla legge 83/2000 e dagli accordi contrattuali intercorsi a tutela della sicurezza delle persone, della loro integrità, dell'ambiente circostante e delle emergenze".

Per i sindacati il 'pomo della discordia' è la profonda crisi in atto nel sistema della raffinazione italiana, "culminata con la chiusura di tre raffinerie, oltre alla drammatica situazione di Gela, dove rischiano il lavoro più di 3.500 persone tra dipendenti diretti e indotto, e dalle posizioni recentemente rese note da Eni su blocco di investimenti, dalle scelte preoccupanti di ridimensionamento degli assetti industriali, occupazionali e della politica energetica del gruppo in Italia". 

I piani dell'Eni - che in teoria dovrebbero essere avallati dal governo o quanto meno verificati, poichè lo Stato è l'azionista di maggioranza - prevedono  nel concreto lo smantellamento delle raffinerie italiane, con conseguenze a dire poco drammatiche ad esempio in Sicilia, dove a Gela l'unico lavoro retribuito e sicuro è, ma ormai va scritto "era", offerto proprio dall'Eni. 

Quindi, il governo Renzi è direttamente responsabile - dovesse accadere - dei licenziamenti dei lavoratori dell'Eni. Siamo davvero alle battute finali di una nazione morente.

max parisi


SCIOPERO GENERALE DEI LAVORATORI DELL'ENI IL 29 LUGLIO: LO STATO AZIONISTA DI MAGGIORANZA VUOLE CHIUDERE LE RAFFINERIE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CONFCOMMERCIO: FLOP DEI SALDI E CONTINUA LA MORIA DI NEGOZI IN ITALIA. DA INIZIO 2014, CHIUDONO 23 NEGOZI AL GIORNO!

CONFCOMMERCIO: FLOP DEI SALDI E CONTINUA LA MORIA DI NEGOZI IN ITALIA. DA INIZIO 2014, CHIUDONO 23
Continua

 
PRESENTATA ALLA PROCURA DI ROMA DENUNCIA CONTRO IL ''GRUPPO BILDERBERG'': VIOLA LA LEGGE ANSEMI SULLE ASSOCIAZIONI SEGRETE

PRESENTATA ALLA PROCURA DI ROMA DENUNCIA CONTRO IL ''GRUPPO BILDERBERG'': VIOLA LA LEGGE ANSEMI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!