54.051.922
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'INPS STA PER CROLLARE. ADDIO PENSIONI... AL NORD

L'Inps marcia spedita verso il baratro. Qua non si parla, eprò, dei giovani che quando arriveranno in età pensionabile scopriranno che la loro, di pensione, non servirà per sopravvivere, ma neppure per comprare le medicine. No, qua si parla degli attuali pensionati, che potrebbero finire a secco nel giro di pochi anni, perfino di pochi mesi. Vediamo i dati. Il patrimonio Inps a fine 2011 vantava 41 miliardi di euro di attivo. Ebbene, alla fine di quest'anno 2013 scenderà a soli 15 miliardi. E i dati sono ufficiali: sono stati divulgati dal Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell'Inps! 
Il motivo di tale immane tracollo è la fusione INPS-Inpdap avvenuta nel 2012; i mancati pagamenti dei contributi in ambito pubblico.  Infatti, l'ammanco dell'INPS deriverebbe da maxi buco da 10 miliardi portato in dote dall'Inpdap e da circa 30 miliardi di pagamenti di contributi che la Pubblica Amministrazione non ha mai versato. Una situazione che, come conferma il Consiglio di indirizzo e vigilanza, è destinata ad aggravarsi e che testimonia ancora una volta la scelta pessima di unire il pubblico al privato.

Poi, perchè c'è anche un poi, bisogna sottolineare che i lavoratori e i pensionati del settore privato che percepiscono e percepiranno in futuro la pensione dell'Inps vivono al Nord. I dipendenti pubblici che fanno riferimento all'Inpdap invece, provate ad indovinare dove abitano? 


L'INPS STA PER CROLLARE. ADDIO PENSIONI... AL NORD




 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA SILENZIOSA STRAGE DI NEGOZI

LA SILENZIOSA STRAGE DI NEGOZI

 
EQUITALIA ADDIO! PAROLA DI MARONI PRESIDENTE

EQUITALIA ADDIO! PAROLA DI MARONI PRESIDENTE


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!