73.586.374
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL TELEGRAPH: ''EUROPA IN STAGNAZIONE, PORTOGALLO SENZA FONDI PER EVITARE IL DEFAULT DEL BANCO ESPIRITO SANTO'' (UE-CRAC)

venerdì 11 luglio 2014

LONDRA - La crisi della maggior banca del Portogallo ed i segnali di un rallentamento economico diffuso nella zona euro hanno messo in allerta i mercati finanziari e la conseguenza è stata un crollo delle borse europee ed una fuga dei capitali. Con questa premessa Ambrose Evans Pritchard sul Telegraph sottolinea come, dopo che il regolatore nazionale del Portogallo ha sospeso per eccesso di ribasso il Banco Espirito Santo con il prezzo delle sua azioni crollato di 17% a Lisbona, sono cresciute le preoccupazioni sullo stato di salute di tutte le banche europee.

L'indice STOXX dei prestatori europei, del resto, aveva già toccato il minimo annuale dopo il fallimento bancario in corso in Bulgaria e lo shock dei profitti della banca austriaca Erste - l'indice è diminuito dell'11% da giugno. I titoli a 10 anni del Portogallo sono rapidamente aumentati di 20 punti base giovedì fino al 3.95%, contagiando lo spread del debito di Grecia, Spagna e Italia. 

Il giudizio unanime degli esperti, prosegue il Columnist del Telegraph, è che il tentativo di unione bancaria ha fallito nel tentativo di stabilizzare il sistema. Il mercato azionario portoghese è crollato di 4% nel settimo giorno consecutivo di vendite per le paure di un collegamento con le compagnie collegate: l'IBEX spagnolo diminuito del 2% e il Mib italiano dell'1,9% con effetti anche a Londra  e New York. “Fondi stranieri hanno investito 430 miliardi di euro in equities europee e 230 miliardi in bond da agosto. Se pensano che la ripresa europea è stazionaria possono iniziare a ritirare il capitale", ha dichiarato Hans Redeker di Morgan Stanley.

I dati rilasciati martedì mostrano un crollo della produzione francese dell'1,7% in Francia e dell'1,2% in Italia. Diminuisce da tre mesi consecutivi in Germania, colpita dalla recessione in Russia e dalla debolezza di Cina e Giappone, dove gli ordini industriali sono crollati di un record negativo di 19 punti percentuali a maggio, mentre in Cina la vendita delle auto ha visto un meno 3,4% a giugno.  In questa situazione, Jacques Cailloux di Nomura ha dichiarato come gli indicatori economici per l'Europa hanno raggiunto un punto di flessione. "Abbiamo avuto il primo avvertimento e pensiamo che siamo entrati in un rallentamento. Siamo in una sorta di "giapponizzazione dell'Europa" e non ne usciremo in tempi rapidi", ha dichiarato.

La Banca centrale europea, sottolinea Evans-Protchard, ha tagliato i tassi sui depositi sotto lo zero a giugno e si sta preparando a immettere un trilione di euro di credito per le banche dal prossimo anno. Ma ci vorranno mesi prima che possa avere il minimo effetto sull'economia reale. I critici sottolineano come la Bce abbia aspettato troppo per prendere azioni radicali, permettendo all'offerta monetaria M3 di stazionare e il risultato è stato che i prestiti al settore privato si stanno contraendo ad un tasso del 2% con le banche costrette a rispettare i nuovi paletti. L'inflazione della zona euro è allo 0,5%, un livello che spinge i paesi del sud ad una traiettoria insostenibile del loro debito. 

Ogni segnale che la ripresa si sia già arrestata in Europa spaventa il Portogallo, che aveva scommesso proprio su quella nel momento in cui ha rinunciato ad una linea di credito precauzionale  terminato il programma di sostegno della Troika ad aprile. Il premier Pedro Passos Coelho era convinto che avrebbe trovato autonomamente i fondi sui mercati, ma un paese può pagare a caro prezzo la decisione dato che la traittoria del debito sarà fuori controllo nei prossimi due anni: il debito pubblico è già passato dal 94% al 129% negli ultimi tre anni, in parte a causa al circolo vizioso dell'austerità. E non è certo un livello sano per un paese che non ha la leva di una moneta sovrana da utilizzare.

Ogni rallentamento economico della zona euro spingerà il Portogallo in suna spirale fuori controllo del debito: l'indice PS1 20 è crollato di 22 punti da inizio aprile, un chiaro segno dei problemi dell'economia che potrebbero aver sottovalutato gli investitori globali e il governo. 

Il panico si è diffuso questa settimana per la notizia che la banca Espirito Santo non era in grado di rispettare i propri debiti e stava cercando una protezione giudiziaria contro i suoi creditori. L'Espirito Santo Financial Group, che detiene un quarto della banca, ha ammesso che ci sono "difficoltà materiali"; la Banca centrale ha emesso una nota insistendo che i problemi sono circoscritti e non ci sono difficoltà per le compagnie vicine alla banca.

Ma non è risucita a riportare la calma con Moody che ha abbassato il rating della banca fino a Caa2, prarticamente il default.

Con il Tesoro portoghese che ha 6,4 miliardi in riserve per supportare le banche come estrema ratio, il Fmi ha dichiarato che ci sono "sacche di vulnerabilità" nel sistema bancario portoghese ma ha rifiutato di commentare direttamente la situazione dell'Espirito Santo. Barclays ha dichiarato come sia abbastanza incredibile di come i problemi non siano stati posti sotto osservazione mentre il Portogallo era sotto la lente del microscopio della Troika per tre anni, suggerendo che ci potrebbero essere altri problemi a breve nel sistema. 

Non è chiaro ancora come la banca sia entrata in difficoltà: il settore privato protoghese è altamente indebitato, con debiti che si aggirano intorno al 250% del Pil. Analisti sottolineano come sia incredibile come così pochi problemi siano ancora emersi, data la morsa della deflazione.  Una ristrutturazione del debito portoghese, conclude il Columnist del Telegraph, potrebbe essere a breve l'unica soluzione praticabile per la zona euro.


IL TELEGRAPH: ''EUROPA IN STAGNAZIONE, PORTOGALLO SENZA FONDI PER EVITARE IL DEFAULT DEL BANCO ESPIRITO SANTO'' (UE-CRAC)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
 
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua
 
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua
 
LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN SANITA' E TRASPORTI''

LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN

martedì 17 dicembre 2019
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in una nota commenta l'approvazione da parte del Consiglio regionale del bilancio di previsione 2020-2022, della legge di stabilita' e del
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA PIU' IMPORTANTE BANCA DEL PORTOGALLO IN CRISI FINANZIARIA NON PAGA BOND IN SCADENZA (PORTOGALLO PROSSIMO AL DEFAULT)

LA PIU' IMPORTANTE BANCA DEL PORTOGALLO IN CRISI FINANZIARIA NON PAGA BOND IN SCADENZA (PORTOGALLO
Continua

 
IL TASSO D'INTERESSE DEI BUND A DUE ANNI E' SCESO ALLO... 0,01% GIGANTESCO ARRIVO DI CAPITALI IN FUGA (DALL'EURO)

IL TASSO D'INTERESSE DEI BUND A DUE ANNI E' SCESO ALLO... 0,01% GIGANTESCO ARRIVO DI CAPITALI IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua

L'M5S PERDE UN ALTRO SENATORE: DI MARZIO SE NE VA (MAGGIORANZA NON

16 gennaio - ''Di fronte ad un'epurazione di fatto della quale non posso non prendere
Continua

CORTE ERUROPEA DIRITTI UMANI: RENZO MAGOSSO CONDANNATO INGIUSTAMENTE

16 gennaio - STRASBURGO - Renzo Magosso e Umberto Brindani non dovevano essere
Continua

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua
Precedenti »