73.583.727
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ANALISI / LA CRISI DELLA ZONA EURO NON E' SOLO COLPA DELLA VALUTA UNICA EUROPEA: E' IL FALLIMENTO DEL ''MODELLO TEDESCO''

giovedì 10 luglio 2014

Qualche giorno fa è arrivata la notizia, passata abbastanza in sordina sui media nazionali, del nuovo calo della produzione industriale tedesca, il terzo consecutivo. Il dato ha destabilizzato gli analisti, che si attendevano un andamento stabile o, addirittura, un segno positivo. Questo porterà a rivedere anche la stima annuale di crescita del PIL.

Questi dati, se sommati alla stagnazione ormai pluriennale dei consumi tedeschi, fanno suonare più di un campanello di allarme sul modello di sviluppo adottato dalla Germania dal 2003 in poi. Modello che il cancelliere Merkel ha imposto con la forza della speculazione a tutta l’eurozona.

Di che modello stiamo parlando? Di quello sviluppato da Peter Hartz per conto dell’allora cancelliere socialista Gerhard Shroeder e mantenuto, anzi ampliato, da Angela Merkel.

Chi è Peter Hartz? Presto detto, un ex manager di Volkswagen che ha patteggiato una condanna per corruzione: ai tempi della sua dirigenza nella casa automobilistica, infatti, ha pagato e sovvenzionato i dirigenti sindacali affinchè gli lasciassero “carta bianca” nelle relazioni industriali. 

La visione che Hartz ha della società è quanto meno singolare: per lui la famiglia ed il singolo cittadino devono essere considerati come “micro imprese” le quali devono essere in grado di generare profitti e mantenersi in equilibrio. Secondo la sua visione, se un cittadino non è in grado di essere autosufficiente, dovrebbe  trarne le dovute conseguenze ed essere dismesso come si fa con un macchinario obsoleto (si leggano al riguardo gli studi del prof. Gallino). Vi ricorda nulla questa visione? Esatto, proprio quella imperante ai tempi del III Reich. E difatti le riforme attuate nell’ultimo decennio in Germania sul fronte del mercato del lavoro hanno puntato proprio a questa visione, con milioni di lavoratori tedeschi sottopagati con contratti part-time, in realtà a tempo pieno, ed una costante, massiccia, dequalificazione anche dei ruoli più elevati.

La grande competitività della Germania dell’ultimo decennio è derivata esclusivamente dall’autosfruttamento del lavoro interno, ovvero la tanto amata da parte degli economisti “svalutazione interna”, che si attua in questo modo: alta disoccupazione, taglio di salari e garanzie sindacali, aumento della produttività, bassi consumi interni, forti esportazioni. Non a caso la Germania continua a sforare i parametri ue sull’export, ma nessuno ha nulla da ridire.

Tuttavia questo meccanismo di autosfruttamento, può reggere e funzionare solo nessun altro lo mette in pratica, altrimenti i mercati di esportazione si bloccheranno e tutti si ritroveranno più poveri di prima senza alcun vantaggio pratico.

La Germania, le guerre le ha sempre iniziate, ma non le ha mai vinte, ed il motivo è da ricercare nell’ottusa mentalità del popolo germanico, incapace di una seria ed attenta visione strategica. I tedeschi hanno saputo pianificare con aberrante maestria la deportazione degli ebrei, ma non hanno saputo prevedere le conseguenze delle loro azioni, ripetendo errori già compiuti da altri in passato (vedasi l’attacco all’Inghilterra ed alla Russia).

E anche in questa guerra economica, iniziata da loro nel 2008 con la speculazione ai danni dell’Italia, sono andati avanti con assurda pervicacia nelle loro convinzioni, portando la distruzione prima in Europa ed ora in casa propria. Perché dico questo? Perché il calo della produzione industriale tedesca è solo ed esclusivamente colpa della miope, arrogante, assurda politica europea condotta da Berlino: se imponi il taglio dei consumi a tutte le altre nazioni, prima o dopo anche tu andrai in recessione. Questo concetto così basilare non è stato minimamente capito da Merkel e dai suoi consiglieri.

Non ne siete convinti? Bene, l’Italia era il secondo mercato estero per le vetture di lusso prodotte in Germania dopo gli USA: il crollo del PIL italico ha ovviamente condotto ad una contrazione della domanda di beni di lusso, con relativo crollo dei marchi premium teutonici. Evidentemente i tedeschi erano convinti di poter annientare il sistema produttivo italiano senza subirne i contraccolpi, magari spostando l’export verso la Cina, ma hanno sbagliato clamorosamente i conti. Non solo il mercato cinese ha iniziato a dare segni di rallentamento, ma sono nati costruttori locali, come Quros, che sono entrati nel mercato premium con prodotti validi ed a prezzi più bassi di quelli tedeschi (ironia della sorte, il management di Quros è quasi interamente europeo e proveniente proprio dalle case automobilistiche tedesche).

Il re è nudo, il modello tedesco sta mostrando tutte le sue inefficienze ed i suoi presupposti totalmente sballati, ma affascina ancora gran parte dei politici europei (le “famose” riforme renziane non sono altro che le leggi Hartz in salsa pummarola, quindi ancora peggiori).

Cosa ci riserverà il futuro? Se non interverrà una drastica revisione della mentalità imperante in Germania e di riflesso in Europa, ci avvieremo ad una lunga, lunghissima stagnazione con alta disoccupazione, bassi consumi ed uno stato sociale smantellato.

I tedeschi, quando imboccano una strada, non arretrano di un passo, la seconda guerra mondiale ce lo insegna. L’unica speranza è che per l’ennesima volta l’Inghilterra prenda in mano l’iniziativa abbandonando la ue ed avviando quella reazione a catena che potrebbe portare alla fine del IV reich vestito da unione europea.

Luca Campolongo


ANALISI / LA CRISI DELLA ZONA EURO NON E' SOLO COLPA DELLA VALUTA UNICA EUROPEA: E' IL FALLIMENTO DEL ''MODELLO TEDESCO''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   CRISI   MODELLO TEDESCO   MERKEL   HARTZ   GALLINO   USA   PIL   QUROS   EUROPA   ZONA EURO   UE   EURO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
 
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua
 
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua
 
LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN SANITA' E TRASPORTI''

LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN

martedì 17 dicembre 2019
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in una nota commenta l'approvazione da parte del Consiglio regionale del bilancio di previsione 2020-2022, della legge di stabilita' e del
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NASCE LA ''BANCA MONDIALE'' DEI BRICS (ADDIO FMI & SOCI) CON SEDE A SHANGAI. CINA E RUSSIA ALLA GUIDA (100 MLD DI USD)

NASCE LA ''BANCA MONDIALE'' DEI BRICS (ADDIO FMI & SOCI) CON SEDE A SHANGAI. CINA E RUSSIA ALLA
Continua

 
PROCEDIMENTO DELL'ANTITRUST CONTRO ''ULIVETO E ROCCHETTA'' PER PUBBLICITA' INGANNEVOLE (ACQUE DELLA SALUTE? QUANDO MAI...)

PROCEDIMENTO DELL'ANTITRUST CONTRO ''ULIVETO E ROCCHETTA'' PER PUBBLICITA' INGANNEVOLE (ACQUE DELLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua

L'M5S PERDE UN ALTRO SENATORE: DI MARZIO SE NE VA (MAGGIORANZA NON

16 gennaio - ''Di fronte ad un'epurazione di fatto della quale non posso non prendere
Continua

CORTE ERUROPEA DIRITTI UMANI: RENZO MAGOSSO CONDANNATO INGIUSTAMENTE

16 gennaio - STRASBURGO - Renzo Magosso e Umberto Brindani non dovevano essere
Continua

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua
Precedenti »