49.850.829
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''LA VOCE DELLA RUSSIA'' PRENDE LETTERALMENTE A SCHIAFFI I PARLAMENTARI DELLA MAGGIORANZA DI RENZI (NON UNO ESCLUSO)

mercoledì 9 luglio 2014

In quel povero Paese (l'Italia - ndr) in cui la disoccupazione degli under 30 si aggira attorno al 43%, è veramente difficile dimenticare l’epiteto che l’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero attribuì ai giovani italiani durante un convegno di Assolombarda: Non bisogna mai essere troppo "choosy", meglio prendere la prima offerta e poi vedere da dentro e non aspettare il posto ideale.

Dal momento che i cittadini italiani non sono ancora tenuti per decreto-legge a conoscere la lingua inglese, ci permettiamo di tradurre questo buffo vocabolo: choosy sta per “schizzinoso” o anche “fannullone”. L’ex ministro forse dava per scontato che ormai tutti utilizzino la lingua d’Albione, ma in questa decadente provincia dell’Impero non è ancora così, fortunatamente. Quella della professoressa è stata una dichiarazione di guerra nei confronti delle nuove generazioni, che però non l’ha visto la combattere da sola.

Si pensi al temerario Mandiamo i ‘bamboccioni’ fuori di casa pronunciato da Padoa Schioppa: e alla fin fine poco importa se quel “fuori” possa diventare in mezzo a una strada. E rammentiamo come l’ex premier Mario Monti, sempre composto, preciso, sobrio, abbia pronunciato: Il posto fisso è monotono. Al coro si era unito anche l’ex vice ministro del Lavoro Michel Martone: chi a 28 anni non è laureato è uno sfigato. Insomma, un bel bestiario di frasi a dir poco infelici! E i soggetti che hanno contribuito a comporlo sono stati proprio alcuni dei protagonisti della sconfitta della gioventù italiana, che si è aggravata sempre di più in quest’ultimo sciagurato triennio.

È un compendio di frasi che peraltro suona come un’autoassoluzione per questa stessa sconfitta: un’Italia che fatica a trattenere i talenti e che patisce una lenta quanto inesorabile mortificazione del capitale umano. D’altra parte, le affermazioni fin qui elencate si basano su fondamenta traballanti, come dimostrato da un recente studio della Coldiretti, che attesta come un giovane su quattro (il 23%) accetterebbe un posto da spazzino, il 27% entrerebbe in un call center e il 36% vestirebbe volentieri la casacca di pony express. Alla faccia di chi sostiene che i giovani non solo non cercano un posto di lavoro, perchè intanto vivono bene, coccolati e spesati, a casa con mamma e papà, ma che quando lo cercano fanno pure gli schizzinosi.

Sia ben chiaro, esistono anche i giovani fannulloni. Ma forse bisognerebbe una volta tanto guardare sbirciare dietro le tende per scoprire che i veri “choosy”, in Italia, sono proprio quelli che ci fanno la predica: i parlamentari italiani. Nell’ultima legislatura contiamo ben 22 senatori su 315 che hanno partecipato a meno del 40% delle votazioni d’Aula. Tra i tanti nomi spiccano quello di Carlo Azeglio Ciampi, già presidente della Repubblica (zero votazioni su quasi 5mila tornate) e quelli dei neo senatori a vita Renzo Piano, celebre architetto, Elena Cattaneo, accademica, e il fisico Carlo Rubbia, i quali hanno votato rispettivamente 8, 1 e 302 volte su quasi 3500 votazioni. Non molto distante l’ex premier Mario Monti, che ha schiacciato il pulsante per sole 328 volte su oltre 4600 consultazioni.

Una performance imbarazzante per dei soggetti che sono stati premiati con un seggio a vita, senza passare dal voto popolare, al fine di apportare il proprio bagaglio di esperienze e di cultura professionale all’interno delle aule parlamentari. Per inciso, la Camera dei Deputati viaggia su numeri analoghi; anzi la percentuale di assenze si alza ad oltre il 24%, equamente distribuite tra i vari partiti.

Infine, la media di assenze per gruppi parlamentari si aggira attorno al 16%. Numeri alla mano, ci domandiamo che voto darebbe l’ex ministro Fornero ai propri ex compagni di viaggio, alla luce della loro “intensa” partecipazione alle attività del Parlamento.

Andando oltre a questi dati, i risultati del lavoro sono poi desolanti: oggi sono 245 i progetti di legge in discussione, e sono veramente pochi visto che si parla di una media per parlamentare di 0,25 disegni di legge presentati. Di questi solo 47 sono stati approvati almeno da un ramo del Parlamento italiano. Gli altri sono ancora impegnati a viaggiare tra le Commissioni e le Camere, in un’estenuante lotta a chi è più choosy. E pensare che i cittadini lavorano fino a giugno per pagare le tasse: e in quelle tasse c’è anche lo stipendio dei parlamentari italiani, i neo schizzinosi della poltrona.

LA VOCE DELLA RUSSIA

 


''LA VOCE DELLA RUSSIA'' PRENDE LETTERALMENTE A SCHIAFFI I PARLAMENTARI DELLA MAGGIORANZA DI RENZI (NON UNO ESCLUSO)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua
 
SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in
Continua
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA

mercoledì 19 luglio 2017
"Di fronte al grave attacco contro l'indipendenza della giustizia in Polonia" la Commissione europea oggi ha minacciato di fare un passo senza precedenti verso sanzioni contro il governo nazionalista
Continua
 
COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E CORAGGIO PER TUTTI NOI

COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E

mercoledì 19 luglio 2017
Riportiamo - parola per parola - l'ultimo intervento pubblico del giudice Paolo Borsellino, la sera del  25 giugno del 1992, quando decise di partecipare ad un dibattito organizzato da Micromega
Continua
THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE AL MONDO (COME RAQQA)

THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE

martedì 18 luglio 2017
LONDON - Naples, the Italian city, is famed throughout the world for its links to organised crime. Mafia hits in Naples are more frequent than elsewhere in the home of Italy’s oldest crime
Continua
 
ORRORE IN GERMANIA: 547 BAMBINI DEL CORO DELLE VOCI BIANCHE DEL DUOMO DI RATISBONA HANNO SUBITO VIOLENZE, ANCHE SESSUALI

ORRORE IN GERMANIA: 547 BAMBINI DEL CORO DELLE VOCI BIANCHE DEL DUOMO DI RATISBONA HANNO SUBITO

martedì 18 luglio 2017
RATISBONA -  GERMANIA - Esplode lo scandalo dei maltrattamenti e degli abusi sessuali subiti da centinaia di ragazzi e bambini del coro cattolico del Duomo di Ratisbona, il piu' antico coro di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
6,8 MILIONI CON PENSIONE DA FAME, L'INPS STA PER FINIRE I SOLDI, SPESA ALIMENTARE CROLLATA, TASSE CASA +200% = DEFAULT.

6,8 MILIONI CON PENSIONE DA FAME, L'INPS STA PER FINIRE I SOLDI, SPESA ALIMENTARE CROLLATA, TASSE
Continua

 
DATI ORRIPILANTI: IL 36% DELLE FATTURE EMESSE IN ITALIA NON VIENE PAGATO. E IL PRIMO A NON PAGARE E' LO STATO (100 MLD!)

DATI ORRIPILANTI: IL 36% DELLE FATTURE EMESSE IN ITALIA NON VIENE PAGATO. E IL PRIMO A NON PAGARE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!