43.428.209
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''LA VOCE DELLA RUSSIA'' PRENDE LETTERALMENTE A SCHIAFFI I PARLAMENTARI DELLA MAGGIORANZA DI RENZI (NON UNO ESCLUSO)

mercoledì 9 luglio 2014

In quel povero Paese (l'Italia - ndr) in cui la disoccupazione degli under 30 si aggira attorno al 43%, è veramente difficile dimenticare l’epiteto che l’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero attribuì ai giovani italiani durante un convegno di Assolombarda: Non bisogna mai essere troppo "choosy", meglio prendere la prima offerta e poi vedere da dentro e non aspettare il posto ideale.

Dal momento che i cittadini italiani non sono ancora tenuti per decreto-legge a conoscere la lingua inglese, ci permettiamo di tradurre questo buffo vocabolo: choosy sta per “schizzinoso” o anche “fannullone”. L’ex ministro forse dava per scontato che ormai tutti utilizzino la lingua d’Albione, ma in questa decadente provincia dell’Impero non è ancora così, fortunatamente. Quella della professoressa è stata una dichiarazione di guerra nei confronti delle nuove generazioni, che però non l’ha visto la combattere da sola.

Si pensi al temerario Mandiamo i ‘bamboccioni’ fuori di casa pronunciato da Padoa Schioppa: e alla fin fine poco importa se quel “fuori” possa diventare in mezzo a una strada. E rammentiamo come l’ex premier Mario Monti, sempre composto, preciso, sobrio, abbia pronunciato: Il posto fisso è monotono. Al coro si era unito anche l’ex vice ministro del Lavoro Michel Martone: chi a 28 anni non è laureato è uno sfigato. Insomma, un bel bestiario di frasi a dir poco infelici! E i soggetti che hanno contribuito a comporlo sono stati proprio alcuni dei protagonisti della sconfitta della gioventù italiana, che si è aggravata sempre di più in quest’ultimo sciagurato triennio.

È un compendio di frasi che peraltro suona come un’autoassoluzione per questa stessa sconfitta: un’Italia che fatica a trattenere i talenti e che patisce una lenta quanto inesorabile mortificazione del capitale umano. D’altra parte, le affermazioni fin qui elencate si basano su fondamenta traballanti, come dimostrato da un recente studio della Coldiretti, che attesta come un giovane su quattro (il 23%) accetterebbe un posto da spazzino, il 27% entrerebbe in un call center e il 36% vestirebbe volentieri la casacca di pony express. Alla faccia di chi sostiene che i giovani non solo non cercano un posto di lavoro, perchè intanto vivono bene, coccolati e spesati, a casa con mamma e papà, ma che quando lo cercano fanno pure gli schizzinosi.

Sia ben chiaro, esistono anche i giovani fannulloni. Ma forse bisognerebbe una volta tanto guardare sbirciare dietro le tende per scoprire che i veri “choosy”, in Italia, sono proprio quelli che ci fanno la predica: i parlamentari italiani. Nell’ultima legislatura contiamo ben 22 senatori su 315 che hanno partecipato a meno del 40% delle votazioni d’Aula. Tra i tanti nomi spiccano quello di Carlo Azeglio Ciampi, già presidente della Repubblica (zero votazioni su quasi 5mila tornate) e quelli dei neo senatori a vita Renzo Piano, celebre architetto, Elena Cattaneo, accademica, e il fisico Carlo Rubbia, i quali hanno votato rispettivamente 8, 1 e 302 volte su quasi 3500 votazioni. Non molto distante l’ex premier Mario Monti, che ha schiacciato il pulsante per sole 328 volte su oltre 4600 consultazioni.

Una performance imbarazzante per dei soggetti che sono stati premiati con un seggio a vita, senza passare dal voto popolare, al fine di apportare il proprio bagaglio di esperienze e di cultura professionale all’interno delle aule parlamentari. Per inciso, la Camera dei Deputati viaggia su numeri analoghi; anzi la percentuale di assenze si alza ad oltre il 24%, equamente distribuite tra i vari partiti.

Infine, la media di assenze per gruppi parlamentari si aggira attorno al 16%. Numeri alla mano, ci domandiamo che voto darebbe l’ex ministro Fornero ai propri ex compagni di viaggio, alla luce della loro “intensa” partecipazione alle attività del Parlamento.

Andando oltre a questi dati, i risultati del lavoro sono poi desolanti: oggi sono 245 i progetti di legge in discussione, e sono veramente pochi visto che si parla di una media per parlamentare di 0,25 disegni di legge presentati. Di questi solo 47 sono stati approvati almeno da un ramo del Parlamento italiano. Gli altri sono ancora impegnati a viaggiare tra le Commissioni e le Camere, in un’estenuante lotta a chi è più choosy. E pensare che i cittadini lavorano fino a giugno per pagare le tasse: e in quelle tasse c’è anche lo stipendio dei parlamentari italiani, i neo schizzinosi della poltrona.

LA VOCE DELLA RUSSIA

 


''LA VOCE DELLA RUSSIA'' PRENDE LETTERALMENTE A SCHIAFFI I PARLAMENTARI DELLA MAGGIORANZA DI RENZI (NON UNO ESCLUSO)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
6,8 MILIONI CON PENSIONE DA FAME, L'INPS STA PER FINIRE I SOLDI, SPESA ALIMENTARE CROLLATA, TASSE CASA +200% = DEFAULT.

6,8 MILIONI CON PENSIONE DA FAME, L'INPS STA PER FINIRE I SOLDI, SPESA ALIMENTARE CROLLATA, TASSE
Continua

 
DATI ORRIPILANTI: IL 36% DELLE FATTURE EMESSE IN ITALIA NON VIENE PAGATO. E IL PRIMO A NON PAGARE E' LO STATO (100 MLD!)

DATI ORRIPILANTI: IL 36% DELLE FATTURE EMESSE IN ITALIA NON VIENE PAGATO. E IL PRIMO A NON PAGARE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!