73.513.021
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

REPORTAGE / L'UCRAINA E' IN CONDIZIONI ECONOMICHE E SOCIALI APOCALITTICHE. LA UE S'E' N'E' RESA CONTO MA E' TROPPO TARDI

martedì 8 luglio 2014

KIEV - Gli esperti del Fondo Monetario Internazionale (FMI) non riescono a capire che cosa sta succedendo all’economia dell’Ucraina.

Anzi hanno prolungato la loro missione a Kiev per raccogliere più informazioni e così facendo hanno rinviato il trasferimento della seconda tranche di aiuti finanziari. Per la maggioranza degli analisti, invece, la situazione è estremamente chiara: il paese già in precedenza era sull’orlo del baratro, ed ora la guerra civile, scatenata da Kiev, sta distruggendo i residui dell’infrastruttura e dell’industria nazionale.

In aprile il FMI aveva annunciato la decisione di concedere all’Ucraina un credito nella misura di 17 miliardi di dollari. La prima tranche - poco più di tre miliardi di dollari – è stata trasferita, ma la seconda presenta un blocco. I funzionari del Fondo lo spiegano con il fatto che la situazione nel paese cambia molto velocemente e, quindi, "è necessario discutere numerose questioni con il Governo”.

L’Occidente, a quanto pare, sta iniziando a comprendere quanto profonda sia la fossa che ha scavato non solo nell’Ucraina ma anche in tutta l’Europa. I mass-media occidentali, e sulla loro scia alcuni politici, stanno cambiando gradualmente il tono delle loro dichiarazioni. Per esempio, l’Agenzia Reuters ha riconosciuto che l’economia dell’Ucraina sta continuando ad andare in rovina per via della guerra che da maggio prosegue nel Sud-Est del paese.

Il quotidiano britannico The Guardian ha pubblicato una serie di interviste ad abitanti civili che non hanno avuto la possibilità di lasciare le città che oggigiorno vengono rase al suolo dall’esercito ucraino e dalla guerriglia della Guardia nazionale. L’edizione osserva che le condizioni in cui vivono sono insopportabili: nella maggioranza delle case non ci sono acqua, luce elettrica, gas, il collegamento cellulare è estremamente instabile. Gli attacchi d’artiglieria ed aerei hanno distrutto le stazioni idriche, le linee ad alta tensione, i gasdotti. Solo le strade ferrate hanno subito un danno per 100 milioni di dollari.

L’economia ucraina era in bilico sull’orlo del crollo ancora prima della guerra civile. Le nuove autorità di Kiev difficilmente sono in grado di porre rimedio alla situazione creatasi e, a quanto pare, contano solo sull’assistenza da parte dell’Occidente. Per farsi concedere l’assistenza del FMI sono già state costrette a tagliare le spese programmate, a ridurre il numero dei dipendenti statali, a congelare l’entità degli stipendi e dei sussidi sociali, ad aumentare tariffe del gas, del riscaldamento e della luce elettrica in condizioni di svalutazione della grivna. Ed è solo l’inizio – il peggio deve ancora venire, ritiene l’osservatore economico Alexandr Kareevsky.

Lo Stato non potrà riscuotere imposte sufficienti. Di conseguenza, non avrà la possibilità di pagare stipendi normali agli insegnanti, medici ecc. Il che avrà subito un impatto negativo sul tenore di vita della gente - anzi la gente ne risente già ora. Mettendo da parte tutta la politesse, va constatato che l’Ucraina è già fallita! Il Paese non può vivere senza il finanziamento esterno. Solo quest’anno l’Ucraina deve rimborsare un debito di 20 miliardi di dollari – ossia deve consegnare il credito che otterrà dal FMI.

Il Governo ucraino conta sull’assistenza occidentale anche nella soluzione dei problemi sociali. La Banca mondiale ha promesso all’Ucraina un prestito nella misura di 300 milioni di dollari. La Banca ha dichiarato che questi fondi andranno per l’allargamento del programma di assistenza sociale indirizzata ai gruppi meno protetti della popolazione. Ma sarà sufficiente questa somma per cambiare qualcosa in questo campo? – si chiede Serghey Khestanov, amministratore delegato della Società “ALOR”.

In considerazione del fatto che in Ucraina ai gruppi meno abbienti della popolazione appartengono un milione di persone, 300 milioni di dollari basteranno solo per spendere 30 dollari pro capite. Perciò, è più probabile che il denaro sarà speso nell’ambito di programmi censiti. Attualmente in Ucraina è difficile rispondere esplicitamente alla questione, se una famiglia concreta appartenga ad una categoria sociale. O si tratta di programmi di educazione, il cui compito è di aumentare la competitività di questi cittadini meno abbienti sui mercati del lavoro. La cifra stessa è molto esigua per potere fornire una reale assistenza.

Le notizie sullo stato dell’economia ucraina ricordano le notizie dal teatro di guerra nel Sud-Est. Eccovene alcune. Solo in giugno le le riserve auree dell’Ucraina si sono ridotte del 5 %. Le aziende ucraine stanno subendo colossali perdite che sono aumentate di oltre 5 volte rispetto al periodo analogo dell’anno scorso. Quest’anno i lavori di semina sono falliti – per lo più a causa dei prezzi del combustibile che sono cresciuti del 35-40%. Il pane è rincarato del 30-70%, i principali generi alimentari - di due–tre volte. Il gas disponibile non basterà per tutta la stagione di riscaldamento, la Naftogas ha comunicato per occorre pompare nei depositi al minimo ulteriori 6 miliardi di metri cubi di gas naturale.

Le tranche occidentali non consentiranno di risolvere tutti questi problemi. Basteranno a malapena per il servizio dei debiti. Tutto sommato, entro l’inverno Poroshenko non potrà evitare un altro Maidan. Se qualcosa non succederà prima.

LA VOCE DELLA RUSSIA 


REPORTAGE / L'UCRAINA E' IN CONDIZIONI ECONOMICHE E SOCIALI APOCALITTICHE. LA UE S'E' N'E' RESA CONTO MA E' TROPPO TARDI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UCRAINA   UE   FMI   AIUTI   GUERRA CIVILE   EUROPA   OCCIDENTE   FERROVIE   CASE   TRALICCI   BOMBE   PONTI ABBATTUTI   STRADE DISTRUTTE   CAOS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
 
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua
 
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua
 
LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN SANITA' E TRASPORTI''

LOMBARDIA, APPROVATO IL BILANCIO 2020-2022. FONTANA E CAPARINI: ''TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI IN

martedì 17 dicembre 2019
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in una nota commenta l'approvazione da parte del Consiglio regionale del bilancio di previsione 2020-2022, della legge di stabilita' e del
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''LA REGOLA DEL 3% L'HO INVENTATA IO, MA NON HA ATTENDIBILITA' SCIENTIFICA, LA FECI PER ACCONTENTARE MITTERAND'' (ABEILLE)

''LA REGOLA DEL 3% L'HO INVENTATA IO, MA NON HA ATTENDIBILITA' SCIENTIFICA, LA FECI PER
Continua

 
LA SCELLERATA POLITICA NATO-UE CONTRO LA RUSSIA HA PRODOTTO UN EFFETTO PLANETARIO: E' NATO IL COLOSSO RUSSIA-CINA

LA SCELLERATA POLITICA NATO-UE CONTRO LA RUSSIA HA PRODOTTO UN EFFETTO PLANETARIO: E' NATO IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua

L'M5S PERDE UN ALTRO SENATORE: DI MARZIO SE NE VA (MAGGIORANZA NON

16 gennaio - ''Di fronte ad un'epurazione di fatto della quale non posso non prendere
Continua

CORTE ERUROPEA DIRITTI UMANI: RENZO MAGOSSO CONDANNATO INGIUSTAMENTE

16 gennaio - STRASBURGO - Renzo Magosso e Umberto Brindani non dovevano essere
Continua

PRECIPITA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE NELL'AREA DELL'EURO E MALE

15 gennaio - A novembre 2019 la produzione industriale nella zona euro è salita
Continua

LUCIA BORGONZONI: ''IL PD DOVREBBE CHIEDERE SCUSA PER BIBBIANO''

15 gennaio - ''Chi aveva il dovere di controllare e non lo ha fatto dovrebbe chiedere
Continua

FRANCIA: 60% CITTADINI CONDIVIDE LO SCIOPERO A OLTRANZA SULLE

14 gennaio - PARIGI - Sei francesi su dieci appoggiano senza esitazioni le
Continua

MOODY'S AVVERTE L'EUROZONA: 2020 SARA'' PESSIMO.

14 gennaio - L'agenzia di rating Moody's indica una ''prospettiva negativa'' per il
Continua

SALVINI: ANDIAMO AL VOTO COL IL MATTARELUM LEGGE DEL PRESIDENTE

14 gennaio - Tornare al proporzionale? ''No, significherebbe tornare agli anni ’80.
Continua

AMBIENTALISTI DA SALOTTO CON CASA IN CENTRO...

14 gennaio - ''Qua ci sono gli ambientalisti da salotto radical chic, quelli che
Continua

CONFCOMMERCIO: VENDITE E CONSUMI NEL 2019 IN FORTE CALO (2020

13 gennaio - L'ultimo dato sulle vendite conferma la previsione di una fase finale
Continua

CONTE & PD & M5S VOGLIONO ALZARE ANCORA L'ETA' PENSIONABILE

13 gennaio - ''Il governo, il presidente del consiglio, il Pd, annunciano che faranno
Continua

ECCEZIONALE OPERAZIONE ANTIDROGA DELLE FIAMME GIALLE: 333 KG DI

13 gennaio - GENOVA - Eccezionale operazione anti droga delle Fiamme Gialle. La
Continua

GOVERNO BRITANNICO: MOLTO PREOCCUPANTI NOTIZIE MISSILE CONTRO

9 gennaio - Il governo britannico sta esaminando le notizie ''molto preoccupanti''
Continua

PRESIDENTE ORBAN: PRONTI A LASCIARE IL PPE (ADDIO MAGGIORANZA PER

9 gennaio - BUDAPEST - ''Il Ppe, nella sua forma attuale, non interessa al mio
Continua

LA BCE: UNICA MONETA A CORSO LEGALE E' IL DENARO CONTANTE (DITELO A

9 gennaio - ''La Bce ricorda agli incompetenti del governo Pd-M5S che l'unica moneta
Continua

MATTEO SALVINI: CONTE NON SI AZZARDI A FAR RIPARTIRE LA MISSIONE

8 gennaio - ''L'Ue non tocca palla ne' in Libia ne' in Medio Oriente, ma ora
Continua

CROLLANO GLI ORDINI INDUSTRIALI IN GERMANIA: -6,5% NEL 2019 (MAI

8 gennaio - BERLINO - A novembre gli ordinativi all'industria manifatturiera sono
Continua

LA FAMIGLIA RIVA AVEVA FATTO ENORMI INVESTIMENTI NELL'EX ILVA 1 MLD

7 gennaio - MILANO - Nella gestione dell'Ilva di Taranto da parte della famiglia
Continua

CROLLA L'INFLAZIONE NEL 2019 IN ITALIA (DA 1,2% A 0,6%) STAGNAZIONE

7 gennaio - Il tasso d'inflazione per il 2019 si attesta allo 0,6%, un valore
Continua
Precedenti »