50.836.799
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

REPORTAGE / L'UCRAINA E' IN CONDIZIONI ECONOMICHE E SOCIALI APOCALITTICHE. LA UE S'E' N'E' RESA CONTO MA E' TROPPO TARDI

martedì 8 luglio 2014

KIEV - Gli esperti del Fondo Monetario Internazionale (FMI) non riescono a capire che cosa sta succedendo all’economia dell’Ucraina.

Anzi hanno prolungato la loro missione a Kiev per raccogliere più informazioni e così facendo hanno rinviato il trasferimento della seconda tranche di aiuti finanziari. Per la maggioranza degli analisti, invece, la situazione è estremamente chiara: il paese già in precedenza era sull’orlo del baratro, ed ora la guerra civile, scatenata da Kiev, sta distruggendo i residui dell’infrastruttura e dell’industria nazionale.

In aprile il FMI aveva annunciato la decisione di concedere all’Ucraina un credito nella misura di 17 miliardi di dollari. La prima tranche - poco più di tre miliardi di dollari – è stata trasferita, ma la seconda presenta un blocco. I funzionari del Fondo lo spiegano con il fatto che la situazione nel paese cambia molto velocemente e, quindi, "è necessario discutere numerose questioni con il Governo”.

L’Occidente, a quanto pare, sta iniziando a comprendere quanto profonda sia la fossa che ha scavato non solo nell’Ucraina ma anche in tutta l’Europa. I mass-media occidentali, e sulla loro scia alcuni politici, stanno cambiando gradualmente il tono delle loro dichiarazioni. Per esempio, l’Agenzia Reuters ha riconosciuto che l’economia dell’Ucraina sta continuando ad andare in rovina per via della guerra che da maggio prosegue nel Sud-Est del paese.

Il quotidiano britannico The Guardian ha pubblicato una serie di interviste ad abitanti civili che non hanno avuto la possibilità di lasciare le città che oggigiorno vengono rase al suolo dall’esercito ucraino e dalla guerriglia della Guardia nazionale. L’edizione osserva che le condizioni in cui vivono sono insopportabili: nella maggioranza delle case non ci sono acqua, luce elettrica, gas, il collegamento cellulare è estremamente instabile. Gli attacchi d’artiglieria ed aerei hanno distrutto le stazioni idriche, le linee ad alta tensione, i gasdotti. Solo le strade ferrate hanno subito un danno per 100 milioni di dollari.

L’economia ucraina era in bilico sull’orlo del crollo ancora prima della guerra civile. Le nuove autorità di Kiev difficilmente sono in grado di porre rimedio alla situazione creatasi e, a quanto pare, contano solo sull’assistenza da parte dell’Occidente. Per farsi concedere l’assistenza del FMI sono già state costrette a tagliare le spese programmate, a ridurre il numero dei dipendenti statali, a congelare l’entità degli stipendi e dei sussidi sociali, ad aumentare tariffe del gas, del riscaldamento e della luce elettrica in condizioni di svalutazione della grivna. Ed è solo l’inizio – il peggio deve ancora venire, ritiene l’osservatore economico Alexandr Kareevsky.

Lo Stato non potrà riscuotere imposte sufficienti. Di conseguenza, non avrà la possibilità di pagare stipendi normali agli insegnanti, medici ecc. Il che avrà subito un impatto negativo sul tenore di vita della gente - anzi la gente ne risente già ora. Mettendo da parte tutta la politesse, va constatato che l’Ucraina è già fallita! Il Paese non può vivere senza il finanziamento esterno. Solo quest’anno l’Ucraina deve rimborsare un debito di 20 miliardi di dollari – ossia deve consegnare il credito che otterrà dal FMI.

Il Governo ucraino conta sull’assistenza occidentale anche nella soluzione dei problemi sociali. La Banca mondiale ha promesso all’Ucraina un prestito nella misura di 300 milioni di dollari. La Banca ha dichiarato che questi fondi andranno per l’allargamento del programma di assistenza sociale indirizzata ai gruppi meno protetti della popolazione. Ma sarà sufficiente questa somma per cambiare qualcosa in questo campo? – si chiede Serghey Khestanov, amministratore delegato della Società “ALOR”.

In considerazione del fatto che in Ucraina ai gruppi meno abbienti della popolazione appartengono un milione di persone, 300 milioni di dollari basteranno solo per spendere 30 dollari pro capite. Perciò, è più probabile che il denaro sarà speso nell’ambito di programmi censiti. Attualmente in Ucraina è difficile rispondere esplicitamente alla questione, se una famiglia concreta appartenga ad una categoria sociale. O si tratta di programmi di educazione, il cui compito è di aumentare la competitività di questi cittadini meno abbienti sui mercati del lavoro. La cifra stessa è molto esigua per potere fornire una reale assistenza.

Le notizie sullo stato dell’economia ucraina ricordano le notizie dal teatro di guerra nel Sud-Est. Eccovene alcune. Solo in giugno le le riserve auree dell’Ucraina si sono ridotte del 5 %. Le aziende ucraine stanno subendo colossali perdite che sono aumentate di oltre 5 volte rispetto al periodo analogo dell’anno scorso. Quest’anno i lavori di semina sono falliti – per lo più a causa dei prezzi del combustibile che sono cresciuti del 35-40%. Il pane è rincarato del 30-70%, i principali generi alimentari - di due–tre volte. Il gas disponibile non basterà per tutta la stagione di riscaldamento, la Naftogas ha comunicato per occorre pompare nei depositi al minimo ulteriori 6 miliardi di metri cubi di gas naturale.

Le tranche occidentali non consentiranno di risolvere tutti questi problemi. Basteranno a malapena per il servizio dei debiti. Tutto sommato, entro l’inverno Poroshenko non potrà evitare un altro Maidan. Se qualcosa non succederà prima.

LA VOCE DELLA RUSSIA 


REPORTAGE / L'UCRAINA E' IN CONDIZIONI ECONOMICHE E SOCIALI APOCALITTICHE. LA UE S'E' N'E' RESA CONTO MA E' TROPPO TARDI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UCRAINA   UE   FMI   AIUTI   GUERRA CIVILE   EUROPA   OCCIDENTE   FERROVIE   CASE   TRALICCI   BOMBE   PONTI ABBATTUTI   STRADE DISTRUTTE   CAOS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
 
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''LA REGOLA DEL 3% L'HO INVENTATA IO, MA NON HA ATTENDIBILITA' SCIENTIFICA, LA FECI PER ACCONTENTARE MITTERAND'' (ABEILLE)

''LA REGOLA DEL 3% L'HO INVENTATA IO, MA NON HA ATTENDIBILITA' SCIENTIFICA, LA FECI PER
Continua

 
LA SCELLERATA POLITICA NATO-UE CONTRO LA RUSSIA HA PRODOTTO UN EFFETTO PLANETARIO: E' NATO IL COLOSSO RUSSIA-CINA

LA SCELLERATA POLITICA NATO-UE CONTRO LA RUSSIA HA PRODOTTO UN EFFETTO PLANETARIO: E' NATO IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!