43.430.247
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PREVISIONI AUTUNNALI / ECCO COSA ACCADRA' DOPO L'ESTATE, QUANDO INIZIERA' A FARE DAVVERO CALDO, IN EUROPA...

sabato 5 luglio 2014

Il primo semestre 2014 se ne è andato, per cui è possibile trarre un primo bilancio,ma soprattutto iniziare a fare previsioni su cosa ci aspetterà per l’autunno prossimo, che si preannuncia piuttosto freddo per l’economia italiana.

Vediamo un quadro riassuntivo degli ultimi dati macro forniti dai principali istituti di ricerca italiani.

Per quello che riguarda il PIL, secondo gli ultimi dati elaborati dall’ISTAT, si parla di una forchetta che oscilla tra -0,1% a +0,3% su base annua, ben lontana dalle previsioni iniziali del governo e comunque distanti da quelle pur riviste al ribasso sfornate dal ministero dell’economia.

La disoccupazione, come è facilmente prevedibile con dati così negativi, ha raggiunto nuovi picchi assoluti: a maggio 2014 era cresciuta di ben il 4,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, toccando quota 12,6% complessiva e 43% per quella giovanile. Si tratta di dati sconcertanti, che rendono bene l’idea di quanto sia drammatica la situazione occupazionale in Italia e, di conseguenza quella imprenditoriale, che vede difatti la chiusura di ben 3800 attività da inizio anno: una vera e propria strage silenziosa compiuta per mano di un governo che nel frattempo ha messo in campo una serie assurda di rincari di vecchie tasse e l’applicazione di alcune nuove di zecca, alla faccia della declamata volontà di far ripartire l’economia.

Di fronte ad un simile sfacelo, ci si augurerebbe che almeno il famigerato rapporto debito/PIL segnasse un andamento positivo, con una riduzione consistente. Nulla di tutto questo: il governo Renzi sta passando alla storia come il governo con l’incremento più repentino della massa di debito pubblico, con un aumento di circa 8,3 miliardi al mese (oltre 16.000 miliardi di vecchie lire al mese!).

Se osserviamo questi dati,appare di tutta evidenza come l’andamento dell’economia sia totalmente fuori controllo da parte del governo, che deve continuamente rivedere le proprie stime riguardo il rapporto deficit/PIL e debito/PIL.

Cosa possiamo dunque attenderci a settembre? Con buona probabilità una bella manovra correttiva, leggasi tasse, da 28-30 miliardi, per rispettare i diktat ue che il nostro paese, regnante Monti, ha sottoscritto pronamente, senza porsi minimamente il dubbio se essi fossero o meno fattibili.

Chi pensa che Renzi abbia sbattuto i pugni al discorso inaugurale del semestre italiano, non si è soffermato con la dovuta attenzione su una frase detta dal premier non eletto italiano. Renzi, infatti, ha sì ammesso che il debito pubblico italiano è molto elevato, ma che la ricchezza degli italiani è ben maggiore.

Occhio: questa frase NON rappresenta un gesto di sfida all’establishment europeo. Anzi, essa rappresenta la resa totale dell’Italia. Con quella frase, il premier non eletto ha fatto capire che all’occorrenza, il debito pubblico italiano verrà ripianato con il patrimonio dei cittadini, ovvero con un bel prelievo forzoso stile Cipro.

Fantascienza? Secondo noi no, soprattutto alla luce delle nuove raccomandazioni del FMI rivolte ai paesi fortemente indebitati sull’effettuare un bel prelievo forzoso a sorpresa ai danni dei cittadini.

D’altra parte, da un governo che sta sfornando tasse (vedasi l’innalzamento dell’aliquota al 26% sugli interessi) o tagli (quello allo studio sugli incentivi agli impianti fotovoltaici) retroattive, non possiamo attenderci nulla di diverso che una patrimoniale, magari fatta di notte e con valore retroattivo al mese precedente, giusto per evitare fughe di capitali.

L’autunno che ci aspetta si prospetta piuttosto come un inverno estremamente rigido per i cittadini, che potrebbero vedere i risparmi di una vita divorati da uno stato incapace ed inconcludente.

Renzi passerà sicuramente alla storia: o avrà il coraggio di far uscire l’Italia dall’euro, riappropriarsi della sovranità monetaria ed imitare quanto fatto dall’ottimo primo ministro ungherese Orban, oppure dovrà effettuare un maxi prelievo sui patrimoni dei cittadini, dopo il quale, del paese non resterà che un cumulo di macerie, per la gioia del cancellierato tedesco, che si sarà tolto per molto decenni a venire un pericoloso rivale in campo industriale.

Si può passare alla storia per il coraggio o per la pavidità: il curriculum dell’ex sindaco di Firenze sembra deporre per la seconda strada.

Speriamo di essere smentiti, per il bene del paese.

Luca Campolongo


PREVISIONI AUTUNNALI / ECCO COSA ACCADRA' DOPO L'ESTATE, QUANDO INIZIERA' A FARE DAVVERO CALDO, IN EUROPA...


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Ue   tasse   tagli   patrimoniale   Renzi   governo   resa dei conti   disoccupazione   Istat   Pil    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''SALVA ITALIA'' DI MONTI (CONFERMATO DA RENZI) HA AMMAZZATO IL PAESE. CON LE LIBERALIZZAZIONI 100.000 POSTI IN MENO

''SALVA ITALIA'' DI MONTI (CONFERMATO DA RENZI) HA AMMAZZATO IL PAESE. CON LE LIBERALIZZAZIONI
Continua

 
''ORA NEL MIRINO DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA USA C'E' DEUTSCHE BANK! GUERRA (SOLO?) FINANZIARIA (VOCE DELLA RUSSIA)

''ORA NEL MIRINO DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA USA C'E' DEUTSCHE BANK! GUERRA (SOLO?) FINANZIARIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!