71.711.051
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GRANDE ECONOMISTA JACQUES SAPIR: ''IN AUTUNNO POTREBBE SCOPPIARE LA RIVOLUZIONE IN FRANCIA, SE NON ESCE DALL'EURO''

mercoledì 2 luglio 2014

Le statistiche sulla disoccupazione sono state pessime per il mese di maggio. Per i lettori di questo blog (Sapir si riferisce al suo sito web - ndr), questa non è esattamente una sorpresa. E’ quasi da due anni che spiego, con argomenti a sostegno, perché la politica economica messa in atto dal governo non è capace di produrre un’inversione di tendenza. La crescita rimane ancora oggi molto bassa, L’INSEE la prevede per il 2014 allo 0,7%. Tenuto conto del rallentamento della crescita negli Stati Uniti, non è purtroppo impossibile che si scopra a fine anno che il dato reale sarà più vicino allo 0,5%. In ogni caso, questi numeri non sono in grado di fermare la marea nera della disoccupazione (ci vorrebbe una crescita di almeno 1,3%) e provocheranno automaticamente una crescita del disavanzo pubblico. Il governo ha rivisto il suo obiettivo al 3,8% del PIL. Tenuto conto dell’impatto di una crescita inferiore a quanto previsto, il dato reale sarà probabilmente compreso tra il 4% e il 4,2%. Ciò significa che la popolazione francese, che continua a crescere ad un ritmo costante, continuerà nel frattempo a impoverirsi.

Gli investimenti continuano a diminuire, la competitività dell’industria francese ne sarà anch’essa interessata. In realtà ci sono due ragioni per questo calo. In primo luogo, i margini delle aziende sono ai minimi, mentre i tassi di interesse reali (la differenza tra tasso d’interesse e inflazione) tendono a salire. Le aziende non hanno di che investire. Ma, d’altra parte, le prospettive in Francia e all’estero sono talmente deprimenti che se anche le aziende avessero liquidità non investirebbero comunque.  Aggiungiamo un terzo motivo, per buona misura. Gli investimenti privati dipendono in buona parte da quelli pubblici. Questi ultimi creano un ambiente psicologico favorevole e hanno anche effetti sulla riduzione dei costi (in particolare sviluppando le infrastrutture) incoraggiando le imprese private a investire. Tuttavia, per ridurre a tutti i costi il deficit e per conformarsi ai diktat delle autorità dell’eurozona, l’austerità ha tagliato soprattutto le spese per investimenti.

Gli incrementi di produttività, che sono essenziali per la competitività dell’economia, dipendono dagli investimenti produttivi. Vediamo allora che nella situazione attuale la Francia sta in realtà erodendo il proprio capitale, il che significa, negli anni a venire, una deindustrializzazione accelerata, con conseguente ulteriore forte aumento della disoccupazione.

Comprendiamo allora perché le ultime cifre non sono sorprendenti. Ma esse non sono per questo meno drammatiche. Si può vedere che diverse categorie di candidati per i lavori (e non solo i 'disoccupati') sono in costante aumento: non solo la categoria 'A', che serve anche come riferimento, ma anche le categorie B e D (che corrispondono alle persone che hanno rinunciato alla ricerca di un lavoro o che lavorano meno di 70 ore al mese), e infine quelli che possiamo chiamare i "semi-disoccupati”, ossia le categorie C ed E, dove troviamo i dipendenti "aiutati" dal governo.

Nel maggio 2014, la categoria "A" comprende 3.883.900 persone, le categorie B e D (che sono disoccupati 'mascherati') 944.400 persone, per un totale di 4,33 milioni di persone. Se aggiungiamo le persone depennate e scoraggiate dalla situazione economica, è probabile che in Francia a maggio ci fossero 4,8 milioni di disoccupati. Questi rappresentano il 16,7% della popolazione realmente attiva, mentre i calcoli ufficiali sono fatti solo sulla categoria "A".

Quindi, dal mese di maggio 2012, data di elezione del Presidente Hollande, il numero dei disoccupati (ai sensi delle categorie A + B + D) è aumentato di 550.000 unità, ossia 764 disoccupati in più al giorno.

Questa osservazione è certamente la critica peggiore e più radicale per un Presidente che è stato eletto proprio sul tema della lotta contro la disoccupazione (e anche della lotta contro la finanza,  bisogna ricordarlo?). In queste condizioni, è chiaro che la sua delegittimazione è ormai affermata e con essa, quella della maggioranza socialista uscita delle urne nel giugno 2012. È quindi più che probabile che lui e il suo primo ministro di (s)fortuna dovranno affrontare un aumento e una radicalizzazione della rabbia ad inizio autunno. La possibilità di una crisi parlamentare, che porti alle elezioni anticipate, è ormai reale. Ma la questione di fondo non è questa, pur se importante.
L'unica soluzione per far uscire l'economia francese della crisi e la società francese del caos sarebbe un'uscita dell’eurozona (o il suo scioglimento) che permetterebbe una svalutazione, riportando il contatore della competitività indietro al livello del 1998-2000. Partendo da questo, e date le prospettive dell'economia francese, potremmo attenderci una ripresa e la creazione di nuovi posti di lavoro (entro 6 mesi) e nuovi investimenti (entro un anno). Questo è stato dimostrato molte volte, soprattutto in questo blog. È paradossale che un uomo abbia a portata di mano la soluzione dei problemi della Francia, e che la ignori per ragioni che sono essenzialmente ideologiche. A meno che, semplicemente, questa decisione gli ripugni. Se è così, deve trarne le conseguenze e andarsene di sua iniziativa, prima che la rabbia popolare commetta l'irreparabile.
Autore: Jacques Sapir - Economista
Tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.

IL GRANDE ECONOMISTA JACQUES SAPIR: ''IN AUTUNNO POTREBBE SCOPPIARE LA RIVOLUZIONE IN FRANCIA, SE NON ESCE DALL'EURO''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA DANIMARCA SOSPENDE SCHENGEN E RIPRISTINA I CONTROLLI DEI DOCUMENTI ALLA FRONTIERA CON LA SVEZIA. PERICOLO ISLAMICI.

LA DANIMARCA SOSPENDE SCHENGEN E RIPRISTINA I CONTROLLI DEI DOCUMENTI ALLA FRONTIERA CON LA SVEZIA.

lunedì 14 ottobre 2019
LONDRA - Mentre in Italia la coalizione giallorossa ha iniziato a favorire l'invasione da parte di immigrati del Terzo Mondo, per la maggior parte africani, in Danimarca il governo di sinistra ha
Continua
 
CORAGGIOSO SINDACO DI UN PICCOLO COMUNE IN PROVINCIA DI PADOVA DIFFIDA MINISTRA DELL'INTERNO DALL'INVIARE CLANDESTINI

CORAGGIOSO SINDACO DI UN PICCOLO COMUNE IN PROVINCIA DI PADOVA DIFFIDA MINISTRA DELL'INTERNO

giovedì 10 ottobre 2019
E' probabile che la maggior parte degli italiani non conosca il signor Tiberio Businaro. E' il sindaco di un piccolo comune in provincia di Padova, Carceri. E invece dovrebbero stringersi attorno a
Continua
PARTITI NAZIONALISTI IN DECLINO IN EUROPA? BALLE DELLA STAMPA ITALIANA: IN SVEZIA FINLANDIA E DUE TERZI UE SONO PRIMI

PARTITI NAZIONALISTI IN DECLINO IN EUROPA? BALLE DELLA STAMPA ITALIANA: IN SVEZIA FINLANDIA E DUE

lunedì 7 ottobre 2019
A sentire i giornali di regime i partiti nazionalisti dopo aver raggiunto l'apice del loro successo adesso sono in declino ma ovviamente le cose non stanno affatto cosi' ed e' interessante notare gli
Continua
 
M5S & PD ODIANO IL CETO MEDIO E IL GOVERNICCHIO CONTE NE E' LA PROVA: TAGLIO DELLE DETRAZIONI E AGGREDITE LE PARTITE IVA

M5S & PD ODIANO IL CETO MEDIO E IL GOVERNICCHIO CONTE NE E' LA PROVA: TAGLIO DELLE DETRAZIONI E

lunedì 7 ottobre 2019
Il governo camalecontico sta assumendo un colore ben definito: rosso. Per la precisione il rosso del sangue degli italiani, che si troveranno per l’ennesima volta le mani in tasca dal governo
Continua
L'EURO DISTRUGGE L'EUROPA, IL BENESSERE DEI CITTADINI, LE BANCHE (MARK FRIEDERICK E MATTHIAS WEIK, ECONOMISTI)

L'EURO DISTRUGGE L'EUROPA, IL BENESSERE DEI CITTADINI, LE BANCHE (MARK FRIEDERICK E MATTHIAS WEIK,

lunedì 30 settembre 2019
Londra - Nonostante i giornali di regime non facciano che ripetere che l'euro e' stato un grosso successo la realta' e' che la moneta unica e' stata un grosso fallimento e lo dimostra il fatto che
Continua
 
LA LEGA HA PRESENTATO IN CASSAZIONE LA RICHIESTA DI REFERENDUM PER IL MAGGIORITARIO: OTTO REGIONI HANNO VOTATO A FAVORE

LA LEGA HA PRESENTATO IN CASSAZIONE LA RICHIESTA DI REFERENDUM PER IL MAGGIORITARIO: OTTO REGIONI

lunedì 30 settembre 2019
Se quello l'ha chiamato 'Porcellum', questo come lo chiamiamo? "Io lo chiamerei Popolarellum, visto che lo decidera' il popolo". Roberto Calderoli, senatore leghista di lungo corso, grande esperto di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO / SCONTRO DI TITANI NEL CUORE DELLA ZONA EURO: LA BAVIERA STA PER TRASCINARE IN TRIBUNALE L'AUSTRIA!

CLAMOROSO / SCONTRO DI TITANI NEL CUORE DELLA ZONA EURO: LA BAVIERA STA PER TRASCINARE IN TRIBUNALE
Continua

 
IL CAPO DELLE MILIZIE ISLAMICHE SUNNITE CHE STA METTENDO A FERRO E FUOCO L'IRAQ: ''CONQUISTEREMO ANCHE ROMA!''

IL CAPO DELLE MILIZIE ISLAMICHE SUNNITE CHE STA METTENDO A FERRO E FUOCO L'IRAQ: ''CONQUISTEREMO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IL GOVERNICCHIO CONTE METTE UNA TASSA SULLE PIATTAFORME

17 ottobre - I parlamentari della Lega, Massimo Garavaglia e Jacopo Morrone
Continua

LA GRAN BRETAGNA USCIRA' DALLA UE IL 31 OTTOBRE. PUNTO E BASTA.

17 ottobre - Il Regno Unito ''uscira' dalla Ue interamente il 31 ottobre. L'Irlanda
Continua

SALVINI: A DIFFERENZA DELL'ITALIA VOTO CITTADINI IN GRAN BRETAGNA

17 ottobre - ''Complimenti al premier Johnson e al popolo britannico per l'accordo
Continua

IL PRESIDENTE TRUMP RIFIUTA L'IDEA DI MATTARELLA DI NEGOZIARE SUI

16 ottobre - Secco botta e risposta tra Mattarella e Trump alla casa Bianca
Continua

LEGA PRESENTERA' MOZIONE DI SFIDUCIA A ZINGARETTI IN REGIONE LAZIO.

16 ottobre - ''La maggioranza di Nicola ZINGARETTI non è in grado neanche di
Continua

COTTARELLI: MANOVRA NON ESPANSIVA E NON STIMOLA CRESCITA. PD:

16 ottobre - La manovra di bilancio per il 2020 ''non sara' affatto espansiva'', non
Continua

MATTEO SALVINI: STO BENE, GRAZIE DI CUORE DEI MESSAGGI, HO AVUTO

16 ottobre - ''Amici, volevo ringraziarvi di cuore per tutti i messaggi che mi avete
Continua

PRESIDENTE ORDINE COMMERCIALISTI: DALLA MANOVRA GOVERNO RISCHI PER

16 ottobre - La manovra del governo ''la giudico come la conferma di un momento di
Continua

MALORE, RICOVERATO ALL'OSPEDALE DI TRIESTE. FORZA MATTEO!

16 ottobre - TRIESTE - Il leader della Lega ed ex ministro dell'Interno Matteo
Continua

GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA: NELLA MANOVRA NULLA PER

16 ottobre - Nella manovra varata dal Consiglio ei Ministri ''non c'e' nulla per i
Continua

DISASTRO SETTORE AUTO IN ITALIA: VENDITE AGOSTO -9,9% E ORDINI

16 ottobre - Se non è una catastrofe, le somiglia molto. Il principale dei settori
Continua

CONFCOMMERCIO: A SETTEMBRE CONSUMI -0,3% E' IL TERZO CALO

16 ottobre - A settembre 2019 l'indicatore dei Consumi Confcommercio ha consolidato i
Continua

GIORNO DI LUTTO E PREGHIERA PER L'ULTIMO SALUTO AGLI AGENTI UCCISI

16 ottobre - TRIESTE - ''Un giorno di preghiera e lutto oggi per l'ultimo saluto agli
Continua

ALTRI 180 AFRICANI TRASPORTATI A LAMPEDUSA: L'INVASIONE DELL'ITALIA

16 ottobre - ''Le due motovedette classe 300 della Guardia Costiera e l'unità navale
Continua

SONDAGGIO IXE': LEGA CRESCE ANCORA SI CONFERMA 1° PARTITO

16 ottobre - Anche il sondaggio più ''ostile'' a Lega e centrodestra costretto a
Continua

ISTAT: PRODUZIONE INDUSTRIALE ITALIANA IN PICCHIATA -5,2% E

16 ottobre - L'Istat registra ad agosto 2019 una calo del fatturato del 2,2% su base
Continua

LA UE FARA' SANZIONI ALLA TURCHIA? NON SCHERZIAMO, NEANCHE PER IDEA

15 ottobre - BERLINO - Sanzioni Ue alla Turchia? Ma non scherziamo, neppure per
Continua

SONDAGGIO: BALZO DELLA LEGA CHE SALE AL 33,2% BENISSIMO FDI 7,6% E

15 ottobre - Avanzano Lega, Fdi, M5S e Fi, in calo Pd, e Italia viva. Lo rileva il
Continua

COLOSSALE PRESA IN GIRO: PD-M5S ''RIVALUTANO'' PENSIONI DI 6 EURO

15 ottobre - Con la mini rivalutazione delle pensioni che sta studiando il Governo in
Continua

FACEBOOK VA AVANTI A PREPARARE L'ARRIVO DI LIBRA. MOLTO BENE.

15 ottobre - Facebook va avanti con Libra, la sua valuta virtuale che dovrebbe
Continua
Precedenti »