64.765.622
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GRANDE ECONOMISTA JACQUES SAPIR: ''IN AUTUNNO POTREBBE SCOPPIARE LA RIVOLUZIONE IN FRANCIA, SE NON ESCE DALL'EURO''

mercoledì 2 luglio 2014

Le statistiche sulla disoccupazione sono state pessime per il mese di maggio. Per i lettori di questo blog (Sapir si riferisce al suo sito web - ndr), questa non è esattamente una sorpresa. E’ quasi da due anni che spiego, con argomenti a sostegno, perché la politica economica messa in atto dal governo non è capace di produrre un’inversione di tendenza. La crescita rimane ancora oggi molto bassa, L’INSEE la prevede per il 2014 allo 0,7%. Tenuto conto del rallentamento della crescita negli Stati Uniti, non è purtroppo impossibile che si scopra a fine anno che il dato reale sarà più vicino allo 0,5%. In ogni caso, questi numeri non sono in grado di fermare la marea nera della disoccupazione (ci vorrebbe una crescita di almeno 1,3%) e provocheranno automaticamente una crescita del disavanzo pubblico. Il governo ha rivisto il suo obiettivo al 3,8% del PIL. Tenuto conto dell’impatto di una crescita inferiore a quanto previsto, il dato reale sarà probabilmente compreso tra il 4% e il 4,2%. Ciò significa che la popolazione francese, che continua a crescere ad un ritmo costante, continuerà nel frattempo a impoverirsi.

Gli investimenti continuano a diminuire, la competitività dell’industria francese ne sarà anch’essa interessata. In realtà ci sono due ragioni per questo calo. In primo luogo, i margini delle aziende sono ai minimi, mentre i tassi di interesse reali (la differenza tra tasso d’interesse e inflazione) tendono a salire. Le aziende non hanno di che investire. Ma, d’altra parte, le prospettive in Francia e all’estero sono talmente deprimenti che se anche le aziende avessero liquidità non investirebbero comunque.  Aggiungiamo un terzo motivo, per buona misura. Gli investimenti privati dipendono in buona parte da quelli pubblici. Questi ultimi creano un ambiente psicologico favorevole e hanno anche effetti sulla riduzione dei costi (in particolare sviluppando le infrastrutture) incoraggiando le imprese private a investire. Tuttavia, per ridurre a tutti i costi il deficit e per conformarsi ai diktat delle autorità dell’eurozona, l’austerità ha tagliato soprattutto le spese per investimenti.

Gli incrementi di produttività, che sono essenziali per la competitività dell’economia, dipendono dagli investimenti produttivi. Vediamo allora che nella situazione attuale la Francia sta in realtà erodendo il proprio capitale, il che significa, negli anni a venire, una deindustrializzazione accelerata, con conseguente ulteriore forte aumento della disoccupazione.

Comprendiamo allora perché le ultime cifre non sono sorprendenti. Ma esse non sono per questo meno drammatiche. Si può vedere che diverse categorie di candidati per i lavori (e non solo i 'disoccupati') sono in costante aumento: non solo la categoria 'A', che serve anche come riferimento, ma anche le categorie B e D (che corrispondono alle persone che hanno rinunciato alla ricerca di un lavoro o che lavorano meno di 70 ore al mese), e infine quelli che possiamo chiamare i "semi-disoccupati”, ossia le categorie C ed E, dove troviamo i dipendenti "aiutati" dal governo.

Nel maggio 2014, la categoria "A" comprende 3.883.900 persone, le categorie B e D (che sono disoccupati 'mascherati') 944.400 persone, per un totale di 4,33 milioni di persone. Se aggiungiamo le persone depennate e scoraggiate dalla situazione economica, è probabile che in Francia a maggio ci fossero 4,8 milioni di disoccupati. Questi rappresentano il 16,7% della popolazione realmente attiva, mentre i calcoli ufficiali sono fatti solo sulla categoria "A".

Quindi, dal mese di maggio 2012, data di elezione del Presidente Hollande, il numero dei disoccupati (ai sensi delle categorie A + B + D) è aumentato di 550.000 unità, ossia 764 disoccupati in più al giorno.

Questa osservazione è certamente la critica peggiore e più radicale per un Presidente che è stato eletto proprio sul tema della lotta contro la disoccupazione (e anche della lotta contro la finanza,  bisogna ricordarlo?). In queste condizioni, è chiaro che la sua delegittimazione è ormai affermata e con essa, quella della maggioranza socialista uscita delle urne nel giugno 2012. È quindi più che probabile che lui e il suo primo ministro di (s)fortuna dovranno affrontare un aumento e una radicalizzazione della rabbia ad inizio autunno. La possibilità di una crisi parlamentare, che porti alle elezioni anticipate, è ormai reale. Ma la questione di fondo non è questa, pur se importante.
L'unica soluzione per far uscire l'economia francese della crisi e la società francese del caos sarebbe un'uscita dell’eurozona (o il suo scioglimento) che permetterebbe una svalutazione, riportando il contatore della competitività indietro al livello del 1998-2000. Partendo da questo, e date le prospettive dell'economia francese, potremmo attenderci una ripresa e la creazione di nuovi posti di lavoro (entro 6 mesi) e nuovi investimenti (entro un anno). Questo è stato dimostrato molte volte, soprattutto in questo blog. È paradossale che un uomo abbia a portata di mano la soluzione dei problemi della Francia, e che la ignori per ragioni che sono essenzialmente ideologiche. A meno che, semplicemente, questa decisione gli ripugni. Se è così, deve trarne le conseguenze e andarsene di sua iniziativa, prima che la rabbia popolare commetta l'irreparabile.
Autore: Jacques Sapir - Economista
Tradotto da Voci dall'Estero - che ringraziamo.

IL GRANDE ECONOMISTA JACQUES SAPIR: ''IN AUTUNNO POTREBBE SCOPPIARE LA RIVOLUZIONE IN FRANCIA, SE NON ESCE DALL'EURO''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
 
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
 
POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO. L'APPARTAMENTO E' DI UN CINESE

POLIZIA LOCALE DI MILANO SCOPRE DORMITORIO-LAGER (CON 25 AFRICANI DENTRO) IN UN PALAZZO.

martedì 13 novembre 2018
MILANO - Venticinque letti ammassati in un quadrilocale dalle pessime condizioni igieniche che ospitava migranti, molti clandestini in Italia. .È quanto trovato gli agenti del Nucleo reati
Continua
CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE 2018: MERITO DI SALVINI

CROLLATI GLI SBARCHI DI AFRICANI IN ITALIA: DA 119.369 NEL 2017 A 22.167 DA GENNAIO A NOVEMBRE

lunedì 12 novembre 2018
"Gli sbarchi nel 2016 sono stati 181.436, nel 2017 sono stati 119.369 mentre nel 2018 sono scesi a 22.167". Sono i dati forniti da Massimo Bontempi, direttore della Direzione centrale immigrazione e
Continua
 
REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL  ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E POLONIA HANNO DETTO NO)

REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E

lunedì 12 novembre 2018
Aumenta sempre di piu' il numero di coloro che si oppongono al patto ONU sull'immigrazione che verra' adottato dai Paesi partecipanti all conferenza intergovernativa che si terra' in Marocco il 10 e
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO / SCONTRO DI TITANI NEL CUORE DELLA ZONA EURO: LA BAVIERA STA PER TRASCINARE IN TRIBUNALE L'AUSTRIA!

CLAMOROSO / SCONTRO DI TITANI NEL CUORE DELLA ZONA EURO: LA BAVIERA STA PER TRASCINARE IN TRIBUNALE
Continua

 
IL CAPO DELLE MILIZIE ISLAMICHE SUNNITE CHE STA METTENDO A FERRO E FUOCO L'IRAQ: ''CONQUISTEREMO ANCHE ROMA!''

IL CAPO DELLE MILIZIE ISLAMICHE SUNNITE CHE STA METTENDO A FERRO E FUOCO L'IRAQ: ''CONQUISTEREMO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!