67.704.705
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL CELLULARE DI BOSSETTI ''PRESENTE'' VICINISSIMO ALLA PALESTRA DI YARA SOLO NEI GIORNI IN CUI S'ALLENAVA (INVESTIGATORI)

martedì 1 luglio 2014

Dieci sopralluoghi tracciati e ritenuti «interessanti ». Di cui quattro effettuati «a ridosso della palestra» di Brembate di Sopra. Quando? Sempre il lunedì e il mercoledì: i giorni in cui Yara si allenava con le compagne e le insegnanti di ginnastica ritmica. E sempre nelle ore che vedono la 13enne entrare e/o uscire dal centro sportivo (tra le 17 e le 19.30). Come e quando Massimo Bossetti ha conosciuto — se, come ritengono gli investigatori, la conosceva — Yara Gambirasio? A 15 giorni dall’arresto del presunto killer, la risposta arriva ora dai tabulati telefonici.

Le «tavole registro» attraverso le quali è stato possibile ricostruire il traffico delle conversazioni (sms compresi) e gli spostamenti dell’artigiano edile di Mapello. Non soltanto nel giorno in cui Yara viene rapita e uccisa (giorno di cui già è dato sapere, comprese le immagini del furgone modello Iveco Daily catturate dalla telecamera della Banca Veneta con occhio puntato su via Rampinelli).

Ma anche nel periodo precedente. Quello che, secondo gli investigatori, occorre a Bossetti — «l’uomo col pizzetto» di cui Yara aveva confidato al fratello di aveva paura — , per «agganciare» la ragazzina da cui era attratto e creare con lei un rapporto di «consuetudine» o «pre-consuetudine » (termini utilizzati dal pool di polizia e carabinieri).

Dieci sono i sopralluoghi cristallizzati dalla tecnologia in uso ai detective. Dieci sopralluoghi che l’indagato ha compiuto da inizio settembre a metà novembre 2010. Con un incremento sequenziale a cavallo tra la prima e la seconda metà di ottobre.

In pratica Bossetti si mette «al lavoro » subito dopo l’estate: quando riaprono le scuole e riprendono le attività sportive nella palestra frequentata da Yara. «L’ipotesi che deduciamo dai tabulati è questa — ragiona una fonte qualificata — In quel periodo Bossetti si fissa con la ragazzina, si invaghisce di lei, la segue e cerca di instaurare un rapporto di simpatia e di fiducia: possiamo dire di non diffidenza».

A parlare è la cella che aggancia il telefono di Bossetti a Brembate. Rivela che quattro di queste «visite » mirate hanno come sfondo, o come teatro, proprio la palestra. Il suo perimetro, l’area immediatamente antistante: «Il telefono combaciava con la palestra, come se ci stesse sopra », spiega l’investigatore. Già, perché c’è proprio uno «spicchio» di cella che calamita l’utenza dell’indagato. Lo colloca nell’area del palazzetto dello sport il 4 ottobre, l’11 novembre, e in altre due date a metà ottobre. Domanda: dove si appostava in quei giorni Bossetti per aspettare, studiare e approcciare Yara? Forse nel parcheggio della palestra, forse a ridosso del vialetto di ingresso. Forse in quella stradina un po’ defilata, via don Sala, a pochi metri dal centro sportivo dove il muratore con la mania della tintarella ha ambientato il selfie — lui fresco di lampada, la vecchia Volvo V 40 grigia — postato su Facebook e portato alla luce dalla Chi l’ha visto? .

«Non è escluso che con il furgone si piazzasse proprio lì», ragiona l’investigatore. «La foto postata — con l’auto — può essere un modo, nemmeno troppo sofisticato, per confondere le acque e “allontanare” il veicolo da lavoro dalla nostra attenzione». Sta di fatto che il 26 novembre 2011, dopo quasi tre mesi di appostamenti nella zona dove era più facile intercettare la ragazzina (perché Bossetti conosce bene Brembate, perché lei arriva in palestra e torna a casa sempre a piedi), tra il presunto assassino e Yara Gambirasio esiste, ritengono polizia a e carabinieri, un rapporto di «consuetudine».

Tale che per convincere la ragazzina a salire sul furgone — forse lo stesso che si vede transitare lo stesso giorno in via Rampinelli alle 18 — il muratore non deve avere fatto troppa fatica. Un ultimo ragionamento ruota intorno al possibile ritorno di Bossetti sul luogo del delitto (forse anche il 6 dicembre, quando il telefonino aggancia la cella di Chignolo d’Isola e lo localizza nei pressi del campo dove verrà trovato il cadavere). «Se lo ha fatto — aggiunge la fonte inquirente — non è perché segue una logica da assassino professionista, ma per una specie di riflesso condizionato: si rende conto di avere commesso una cosa atroce, consumata in fondo a una situazione che gli è scappata completamente di mano».

Autori: Paolo Berizzi e Piero Colaprico per “La Repubblica” - che ringraziamo.

 


IL CELLULARE DI BOSSETTI ''PRESENTE'' VICINISSIMO ALLA PALESTRA DI YARA SOLO NEI GIORNI IN CUI S'ALLENAVA (INVESTIGATORI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

YARA   BOSSETTI   PALESTRA   BREMBATE   VICINO   CELLULARE   ALLENAMENTI   PRESENZA   CONSUETUDINE   SPIARE   RAGAZZINA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL RAPIMENTO DEI TRE RAGAZZI ISRAELIANI E' FINITO IN TRAGEDIA: TROVATI I LORO CORPI A NORD DI HEBRON, IN CISGIORDANIA.

IL RAPIMENTO DEI TRE RAGAZZI ISRAELIANI E' FINITO IN TRAGEDIA: TROVATI I LORO CORPI A NORD DI
Continua

 
INCHIESTA GLOBALE / LA CATENA DI OMICIDI E MORTI MISTERIOSE CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA DELL'OCCIDENTE E DEL MONDO

INCHIESTA GLOBALE / LA CATENA DI OMICIDI E MORTI MISTERIOSE CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »