89.315.561
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TERRORISTA... A CHI? PER LA SERBIA TOMISLAV PRINCIP CHE SPARO' ALL'ARCIDUCA FRANCESCO FERDINANDO, E' UN EROE NAZIONALE

domenica 29 giugno 2014

SARAJEVO - La commemorazione del centenario dall'attentato di Sarajevo ha creato negli ultimi giorni numerose polemiche e nuove spaccature tra i rappresentanti delle tre etnie che compongono la Bosnia. Il tema dell'attentatore serbo bosniaco Gavrilo Princip e del ruolo dell'impero austroungarico in Bosnia rappresenta da sempre un oggetto di disputa, in particolare per quanto riguarda gli storici bosniaci musulmani e quelli serbi. Il centenario ha segnato, nei giorni scorsi, un momento di forti spaccature anche sulla scena politica regionale, dopo numerosi segni di distensione tra Sarajevo e Belgrado. La prima visita ufficiale del premier serbo, Aleksandar Vucic, avvenuta proprio a Sarajevo, e' stata accolta dai media locali come un nuovo inizio nelle relazioni tra la Bosnia e la Serbia, ma il rifiuto del presidente di Belgrado, Tomislav Nikolic, di partecipare alla cerimonia della commemorazione ha gelato di nuovo i rapporti. 

Nikolic aveva dichiarato di non intendere partecipare alla cerimonia a Vijecnica, ex municipio ed ex biblioteca di Sarajevo, recentemente restaurata proprio per ospitare la commemorazione, in quanto l'edificio presenta una scritta che si riferisce ai serbi come a dei "criminali" che hanno incendiato, nell'agosto del 1992, il fondo bibliotecario nazionale bosniaco. Le polemiche hanno inoltre toccato anche alcuni temi a prima vista secondari, come l'emissione, da parte delle poste della Repubblica Srpska, l'entita' serba della Bosnia, di un francobollo commemorativo dell'attentatore Gavrilo Princip, considerato a oggi come un eroe nazionale da parte dei serbi. La societa' filatelica di Banja Luka ha infatti reagito in modo durissimo al divieto, imposto dall'Agenzia centrale bosniaca per le poste, di emettere i francobolli di Princip.

La societa' ha affermato in una nota stampa che "un buon numero di persone appartenenti ai popoli bosniaco-musulmano e croato ha lottato, nella Prima guerra mondiale, contro la Serbia e contro i serbi, dalla parte dell'impero austro-ungarico e della Germania, e ora l'odio, lungo un secolo, nei confronti di tutto cio' che e' serbo, si e' manifestato nuovamente all'interno dell'Agenzia centrale per le poste". Polemiche anche sull'iniziativa del cantone di Sarajevo e della municipalita' di Stari grad (citta' antica, nel centro di Sarajevo) sulla ristrutturazione di un vecchio monumento all'arciduca Francesco Ferdinando, eretto dagli austro-ungarici in seguito all'attentato. Il progetto dovrebbe costare 15 mila euro e, nell'idea degli amministratori cantonali, "dovrebbe attirare un gran numero di turisti nella capitale bosniaca". Il primo a reagire all'iniziativa e' stato lo storico e politologo Minel Abaz, secondo cui "in un momento di crisi economica e sociale non si dovrebbero erigere monumenti di questo tipo". 

Secondo Abaz, inoltre, "Francesco Ferdinando non rappresenta un personaggio storico degno di un monumento a Sarajevo, dato che e' stato un simbolo di occupazione e colonizzazione e ha agito dalla posizione superiore rispetto ai popoli soggiogati". Anche secondo il professore di storia Edin Radusic, interpellato dall'emittente "Radio Slobodna Evropa", versione balcanica della testata statunitense "Radio Free Europe", Francesco Ferdinando e' stato "un personaggio negativo e valorizzarlo oggi significa avere un rapporto non critico nei confronti del passato". 

Per il filosofo francese Bernard-Henri Levy "non si possono tracciare parallelismi tra la Bosnia di cent'anni fa e la Bosnia di oggi". Levy ha parlato dello scontro di 20 anni fa come di una "ferita sanguinosa e una vergogna di tutti gli europei". Precedentemente, il presidente della Repubblica Srpska, Milorad Dodik, aveva affermato che Sarajevo "non rappresenta il luogo idoneo per commemorare l'attentato che ha sancito l'inizio della Prima guerra mondiale" e ha chiesto ai leader dell'Ue di non partecipare alla cerimonia nella capitale bosniaca. Dodik ha inoltre criticato "l'intenzione di sfruttare il centenario per ricordare anche la guerra degli anni Novanta". Secondo Dodik, non si tratterebbe di altro che "di un piano orientato contro i serbi".

 


TERRORISTA... A CHI? PER LA SERBIA TOMISLAV PRINCIP CHE SPARO' ALL'ARCIDUCA FRANCESCO FERDINANDO, E' UN EROE NAZIONALE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua
AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO TUTTI BENE.

AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO

domenica 27 dicembre 2020
MILANO - Sono partite dall'ospedale milanese di Niguarda, dove sono arrivate poco prima delle 8 del mattino, le prime fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia. Sono sono state suddivise e
Continua
 
INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!  (FUCILATA DI ASSOIMPREDIL)

INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!

giovedì 24 settembre 2020
MILANO - "L'invito rivolto dall'Assessore Maran al Consiglio Comunale di Milano a fare la guerra santa contro la Regione Lombardia, approvando provvedimenti che blocchino gli effetti della legge
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
STAMPA TEDESCA: ''LA COMMISSIONE UE A UN DINOSAURO E LE REGOLE NON SI CAMBIANO: GIU' LE MANI DAL PATTO DI STABILITA'!''

STAMPA TEDESCA: ''LA COMMISSIONE UE A UN DINOSAURO E LE REGOLE NON SI CAMBIANO: GIU' LE MANI DAL
Continua

 
L'ARGENTINA PAGA I DEBITI DEI ''TANGO BOND'' MA NON QUELLI IN POSSESSO DEI FONDI AMERICANI (DEFAULT RINVIATO AL 31 LUGLIO)

L'ARGENTINA PAGA I DEBITI DEI ''TANGO BOND'' MA NON QUELLI IN POSSESSO DEI FONDI AMERICANI (DEFAULT
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua

PIU' EUROPA INTIMA A CONTE DI VERIFICARE SUBITO SE HA ANCORA

14 gennaio - ''La crisi deve essere immediatamente parlamentarizzata: Conte vada
Continua

GERMANIA CON I CONTI IN ROSSO: DISAVANZO PUBBLICO CHIZZA AL 4,8%

14 gennaio - BERLINO - Con la crisi pandemica e le relative contromisure, nel 2020 la
Continua

FONTANA: LOMBARDIA PRIMA PER NUMERO VACCINATI E SOMMINISTRAZIONI

13 gennaio - MILANO - Lombardia ha superato le 100.000 vaccinazioni Anti Covid. Con
Continua
ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

13 gennaio - VARESE - ''Finalmente sono tornato. Ringrazio il prof. Paolo Ferroli e
Continua

MATTEO SALVINI: ''SIAMO DISGUSTATI DA CONTE E RENZI, DAI LORO

13 gennaio - ''Siamo disgustati. Da settimane l'Italia è in balia dei capricci di
Continua

ROBERTO MARONI DIMESSO DAL BESTA DOPO L'INTERVENTO: CONDIZIONI

12 gennaio - MILANO - L'ex governatore della Lombardia, ed ex ministro dell'Interno,
Continua

FINANCIAL TIMES PREMIA PROGETTI DI REGIONE LOMBARDIA. MIGLIORI AL

12 gennaio - fDi Intelligence - servizio del Financial Times, il quotidiano di
Continua

TOTI: PARLAMENTARI DI CAMBIAMO NON DARANNO MAI VOTI A QUESTO GOVERNO

12 gennaio - ''In queste condizioni, i parlamentari di Cambiamo non daranno una mano
Continua
Precedenti »