50.677.158
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

STAMPA TEDESCA: ''LA COMMISSIONE UE A UN DINOSAURO E LE REGOLE NON SI CAMBIANO: GIU' LE MANI DAL PATTO DI STABILITA'!''

sabato 28 giugno 2014

La commissione europea a un ''dinosauro'', e ''giu' le mani dal patto di stabilita''' perche' ''le regole attuali non si cambiano''. Non sono teneri alcuni commenti della stampa tedesca all'indomani del vertice europeo che ha scelto Jean-Claude Juncker per la guida della commissione e un programma di massima per il 'governo dell'Europa'.

Con l'elezione di Juncker ''per la prima volta'' viene nominato il capolista di un gruppo politico, sottolinea la Sueddeutsche Zeitung, che ricorda le priorita' della legislatura: crescita e lavoro, con la questione dell'approvvigionamento energetico e della riduzione delle emissioni sullo sfondo. La cancelliera Angela Merkel e Matteo Renzi hanno ''messo da parte il litigio'' sulla flessibilita' nel patto di stabilita': ''Le regole attuali non si cambiano''.

Eppure per la Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz) ''i Paesi cercano buchi'' per allentare il rigore. In particolare Renzi ha sostenuto la necessita' di ''piu' spazio per gli Stati membri che volessero sostenere la crescita con investimenti pubblici, scrive la Faz online, chiedendo per l'Italia piu' tempo per la riduzione del suo debito. Ma non ha ottenuto un assenso''.

Piu' netto il tabloid Bild, per cui ora ''i Paesi indebitati del sud vorrebbero stracciare il patto di stabilita'. Il loro motto: ancora piu' debiti per aumentare crescita e occupazione. Se fosse cosi' oggi Grecia e Italia dovrebbero gia' avere la piena occupazione''. Bild - ricordando come il lussemburghese non sia contrario agli eurobond - teme che Juncker ''chiuda un occhio sul rigore'', come gia' fatto da capo dell'eurogruppo. Il quotidiano economico Handelsblatt spende invece parole di elogio per Juncker, ''che ha dovuto sopportare molte critiche, ma e' la giusta scelta: per lui parlano la sua esperienza e il suo ruolo di grande integrazionista europeo''.

Spiegel-online titola sul ''dinosauro Juncker'', che nella sua carriera politica ha gia' conosciuto tre cancellieri dal 1989, quando e' diventato per la prima volta ministro del suo Paese. Certamente Angela Merkel, che ha sostenuto Juncker, non e' la piu' felice per la nomina, scrive Die Welt. ''Altri hanno mostrato la propria contentezza piu' della cancelliera: il presidente uscente Jose' Manuel Barroso, il capo dei Popolari al parlamento Ue, Manfred Weber, persino i socialisti europei''.

Per Bild Merkel ''avrebbe preferito un nome che significasse piu' chiaramente un nuovo inizio, come quello del collega irlandese Enda Kenny''. Ma ora ''Juncker e' piu' potente di Merkel'', si chiede ancora Bild? ''Si e no. Come capo della commissione ha in mano il potente apparato legislativo dell'Ue. L'85% delle leggi tedesche risalgono a un'iniziativa europea'', ricorda il tabloid.

''D'altra parte il presidente della commissione puo' solo avviare cio' che i governi condividono, ed e' particolarmente dipendente dall'influenza e dai fondi dei grandi Stati membri. Se la Germania e la Francia sono d'accordo, anche il presidente della commissione non ha potere''. 

Redazione Milano


STAMPA TEDESCA: ''LA COMMISSIONE UE A UN DINOSAURO E LE REGOLE NON SI CAMBIANO: GIU' LE MANI DAL PATTO DI STABILITA'!''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DOSSIER JUNCKER / UOMO CAPACE DI TUTTO, ANCHE DI FAR FABBRICARE FALSE ACCUSE DI PEDOFILIA CONTRO CHI INDAGAVA SU DI LUI

DOSSIER JUNCKER / UOMO CAPACE DI TUTTO, ANCHE DI FAR FABBRICARE FALSE ACCUSE DI PEDOFILIA CONTRO
Continua

 
TERRORISTA... A CHI? PER LA SERBIA TOMISLAV PRINCIP CHE SPARO' ALL'ARCIDUCA FRANCESCO FERDINANDO, E' UN EROE NAZIONALE

TERRORISTA... A CHI? PER LA SERBIA TOMISLAV PRINCIP CHE SPARO' ALL'ARCIDUCA FRANCESCO FERDINANDO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!