50.024.473
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PELI E CAPELLI TROVATI SUL CORPO DI YARA SONO DI BOSSETTI - LO HA DICHIARATO IL PROF. BUZZI (MEDINA LEGALE UN.PAVIA)

venerdì 27 giugno 2014

BERGAMO - Massimo Giuseppe Bossetti non dovra' solo spiegare perche' il suo Dna ricavato da tracce organiche e' stato trovato sugli slip e sui leggins di Yara Gambirasio. Il muratore in carcere da oltre dieci giorni dovra' anche dire perche' pure alcuni suoi peli erano sul corpo della tredicenne uccisa, scomparsa il 26 novembre del 2010 e trovata morta tre mesi dopo in un campo a Chingolo d'Isola, a pochi chilometri di distanza. Una circostanza, questa, che sembra incastrare il muratore di Mapello, perche' se le tracce organiche trovate sul corpo potrebbero essere state "portate" da altri (cioe' da qualcuno che potrebbe aver usato i suoi strumenti di lavoro, avrebbe azzardato), difficile invece spiegare la presenza dei peli dell'ex Ignoto 1 sul cadavere.

A questa conclusione sono giunti gli esperti dell'Unita' operativa di Medicina legale e scienza forensi dell'Universita' di Pavia.

Ed e' stato il consulente della Procura di Bergamo, il professor Fabio Buzzi, responsabile dell'Unita' operativa ad affermarlo in una trasmissione televisiva quando gli e' stato chiesto se il Dna di Ignoto 1 fosse stato trovato anche sui reperti piliferi, nell'ambito di una consulenza che il pm Letizia Ruggeri aveva chiesto circa un anno fa, ma che evidentemente ha subito un'accelerazione e sara' depositata tra breve.

"Esattamente - ha risposto Buzzi ai microfoni di "Segreti e delitti", trasmissione di Canale 5 - e questo da' maggior forza ovviamente a chi dovra' poi procedere all'identificazione personale che a noi non riguarda". "Perche' l'aver trovato tracce di materiale biologico addosso agli indumenti di Yara - ha argomentato -, oltre che formazioni pilifere apposte sugli indumenti, e' chiaro che da' una forza evidentemente, intuitivamente maggiore a questi due riscontri".

Si trattava di peli o di capelli? "Noi non facciamo delle distinzioni", ha risposto, spiegando che la circostanza della presenza dei peli di Bossetti "rafforza l'altra indagine condotta collateralmente sulle cosiddette macchie, sul materiale biologico invece apposto, assorbito dagli indumenti". Un'altro ostacolo per la difesa, quindi, che sta lavorando sui documenti per sciogliere la riserva se presentare il ricorso al Tribunale della Liberta' di Brescia per chiedere la sua scarcerazione.

Tutto questo mentre la famiglia del muratore continua a difenderlo, in particolare la moglie, Marita Comi, la quale racconta che quella sera Bossetti era con lei e continua a descriverlo come un uomo normale. Non era a conoscenza del fatto che il marito telefono' alla madre proprio da Chignolo d'Isola il 26 febbraio del 2011, giorno del ritrovamento del corpo di Yara. E ha raccontato ai carabinieri che Bossetti la porto', una volta, nel campo in cui Yara fu ritrovata, ma solo tempo dopo che era stata scoperta la tragedia.

"Volevamo vedere il luogo. Inizialmente non trovammo al strada, ma alla fine ci siamo arrivati. Che io sappia mio marito non c'e' mai andato". Intanto, sempre Segreti e delitti mostra un "fotogramma inedito", ora in possesso degli inquirenti, di un furgone pick up che potrebbe essere quello di Bossetti. Sono le 18.12 del 26 novembre 2010, giorno della scomparsa di Yara e la telecamera di sorveglianza di una banca nei pressi della palestra di Brembate di Sopra, dove la ginnasta si allenava, registra il passaggio di un furgone simile a quello del muratore mentre percorre Via Rampinelli per poi voltare a destra. 


PELI E CAPELLI TROVATI SUL CORPO DI YARA  SONO DI BOSSETTI - LO HA DICHIARATO IL PROF. BUZZI (MEDINA LEGALE UN.PAVIA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
 
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
 
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ROS DEI CARABINERI: INDIVIDUATO IN UN FILMATO IL FURGONE DI BOSSETTI VICINO A CASA DI YARA LA SERA CHE LEI SCOMPARVE.

ROS DEI CARABINERI: INDIVIDUATO IN UN FILMATO IL FURGONE DI BOSSETTI VICINO A CASA DI YARA LA SERA
Continua

 
IL RAPIMENTO DEI TRE RAGAZZI ISRAELIANI E' FINITO IN TRAGEDIA: TROVATI I LORO CORPI A NORD DI HEBRON, IN CISGIORDANIA.

IL RAPIMENTO DEI TRE RAGAZZI ISRAELIANI E' FINITO IN TRAGEDIA: TROVATI I LORO CORPI A NORD DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!