64.820.615
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CLAMOROSO / E' FALSO CHE LA GERMANIA SIA ''SODDISFATTA'' DEL PROPRIO ORO ALLA FED DI NEW YORK. POTREBBE ESSERE SCOMPARSO!

venerdì 27 giugno 2014

Continua a far discutere l’articolo dell’agenzia Bloomberg sull’annullamento del rimpatrio di una parte dell’oro della Germania depositato presso la Federal Reserve di New York. Secondo Chris Powell, del GATA (Gold antitrust action committee), si tratta di pura invenzione.

Powell si è spiegato in un’intervista sul portale d’informazione King Worldnews.com: “L’articolo apparso di recente su Bloomberg è propaganda pura. Pretendeva che il governo tedesco sia soddisfatto di avere le sue riserve di oro negli Stati Uniti e non intende più chiederne il rimpatrio. Non vi è alcun elemento per convalidare questa affermazione. Ho l’impressione che qualcuno alla Federal Reserve o alla Bundesbank abbia chiesto a Bloomberg di scrivere un articolo per far credere che nel mercato dell’oro tutto vada bene e sia normale".

"Sappiamo - ha proseguito Powell - che molte banche centrali, fra cui la Federal Reserve e la Banca d’Inghilterra, hanno in deposito l’oro di altre nazioni. Sappiamo anche che grandi quantità di questo oro sono state prestate ai mercati, il che significa che è stato venduto o che è difficilmente recuperabile. Fino a quando non avremo accesso a un audit serio delle banche centrali e ai loro libri contabili per vedere quali quantità di oro hanno preso in consegna, è difficile sapere cosa resta nelle casseforti. Ho preso parte a una denuncia depositata contro la Federal Reserve sulla base del Freedom for Information Act per poter accedere ai suoi registri sull’oro. Abbiamo ricevuto la lettera di un membro del comitato, Kevin M. Warsh, che ci ha detto che fra i documenti che la Fed non intendeva mostraci vi erano i suoi swaps relativi all’oro con le banche estere. Visto il loro rifiuto di comunicare, deve per forza esserci qualcosa di poco chiaro”.

Vale la pena ricordare cosa crisse in gennaio di quest'anno uno dei principali quotidiani tedeschi al riguardo.

"A un anno circa dalla decisione della Banca centrale tedesca di rimpatriare 674 tonnellate di oro depositato presso la Federal Reserve americana e la Banca centrale francese, la Germania è riuscita a portare a casa solo 37 tonnellate".  E’ quanto scrive il giornale tedesco Die Welt, una notizia che non ha mancato di alimentare numerose polemiche in Germania.

"Molti tedeschi sostengono - proseguiva l'articolo - che la lentezza del rimpatrio è dovuta al fatto che gran parte dell’oro non si trova più nei forzieri delle due banche centrali. Esiste il forte sospetto che gran parte dell’oro della Germania sia stato liquidato o venduto, soprattutto dalla Federal Reserve. Infatti, delle 37 tonnellate di lingotti rientrati in Germania, solo 5 tonnellate sono arrivate dai forzieri della banca centrale americana. Presso la Federal Reserve, la Germania aveva depositato almeno 300 tonnellate di oro".

La situazione al riguardo dell'oro tedesco, a  questo punto, sta per diventare incandescente.

Fonte notizie Ticinolive.ch e Die Welt - che ringraziamo. 

 


CLAMOROSO / E' FALSO CHE LA GERMANIA SIA ''SODDISFATTA'' DEL PROPRIO ORO ALLA FED DI NEW YORK. POTREBBE ESSERE SCOMPARSO!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ORO   GERMANIA   FED   NEW YORK   DIE WELT   SVIZZERA   RISERVE   SCOMPARSO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E FERMA L'IMMIGRAZIONE

IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E

lunedì 5 novembre 2018
LONDRA - In Italia non passa giorno che i giornali di regime ripetano fino alla nausea che la popolazione invecchia e quindi c'e' bisogno di far arrivare piu' immigrati per coprire i posti lasciati
Continua
 
INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA 291% MEDIA EUROZONA 266%

INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA

lunedì 5 novembre 2018
Ai lacchè nostrani degli oligarchi ue, il periodo dice decisamente male: lo spread rimane stabilmente entro limiti accettabili; la borsa cresce; le banche italiane superano brillantemente gli
Continua
TRUFFA SPREAD: LE BANCHE TEDESCHE (50%) PUBBLICHE COMPRANO BUND COSI' TENGONO BASSI I TASSI (LA BCE LO VIETA ALL'ITALIA)

TRUFFA SPREAD: LE BANCHE TEDESCHE (50%) PUBBLICHE COMPRANO BUND COSI' TENGONO BASSI I TASSI (LA BCE

lunedì 29 ottobre 2018
-”Guarda che se non fai i compiti dico allo spread di punirti” -”Guarda che se ti comporti male, lo spread arriva di notte e ti porta via” -”Non aprire quella porta
Continua
 
OGGI L'ASSIA AL VOTO: SE STASERA CDU E SPD SCONFITTI DALLA DESTRA, IL GOVERNO MERKEL CADE E NUOVE ELEZIONI IN GERMANIA

OGGI L'ASSIA AL VOTO: SE STASERA CDU E SPD SCONFITTI DALLA DESTRA, IL GOVERNO MERKEL CADE E NUOVE

domenica 28 ottobre 2018
Si tengono oggi in Assia le elezioni per il rinnovo del parlamento del Land, che la stampa tedesca definisce "decisive" per la tenuta dalla Grande coalizione al governo della Germania dal marzo
Continua
ANCHE L'ESTONIA VIRA A DESTRA. NASCE IL PARTITO EKRE: ''LA UE E' COME L'UNIONE SOVIETICA''  (A MAGGIO 2019 PUO' VINCERE)

ANCHE L'ESTONIA VIRA A DESTRA. NASCE IL PARTITO EKRE: ''LA UE E' COME L'UNIONE SOVIETICA'' (A

lunedì 22 ottobre 2018
LONDRA - Probabilmente nessuno e' al corrente che il 3 Maggio del 2019 in Estonia ci saranno le elezioni per eleggere il nuovo parlamento eppure questa consultazione elettorale e' importante perche'
Continua
 
ECONOMIA ALLE STELLE IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE SCHIANTA AL 4% SALARI E STIPENDI +3,1% DAL 2017 (BREXIT BOOM!)

ECONOMIA ALLE STELLE IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE SCHIANTA AL 4% SALARI E STIPENDI +3,1% DAL

mercoledì 17 ottobre 2018
LONDRA - Finalmente buone notizie in Gran Bretagna anche per i lavoratori dipendenti: lo scrive il quotidiano "The Times", commentando gli ultimi dati diffusi ieri martedi' 16 ottobre dallo Office
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTRO COLPACCIO DI PUTIN: SIGLATO COL GIAPPONE CONTRATTO DI FORNITURA DI 20 MILIARDI DI METRI CUBI DI GAS! (ERA EUROPEO)

ALTRO COLPACCIO DI PUTIN: SIGLATO COL GIAPPONE CONTRATTO DI FORNITURA DI 20 MILIARDI DI METRI CUBI
Continua

 
DOSSIER JUNCKER / UOMO CAPACE DI TUTTO, ANCHE DI FAR FABBRICARE FALSE ACCUSE DI PEDOFILIA CONTRO CHI INDAGAVA SU DI LUI

DOSSIER JUNCKER / UOMO CAPACE DI TUTTO, ANCHE DI FAR FABBRICARE FALSE ACCUSE DI PEDOFILIA CONTRO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SINDACO DI GENOVA, MARCO BUCCI: DEMOLIZIONE PONTE MORANDI INIZIERA'

16 novembre - ''Gia' ieri abbiamo emanato cinque decreti che possono essere letti sul
Continua

BERLUSCONI A PROCESSO A BARI: PRESIDENZA DEL CONSIGLIO SARA' PARTE

16 novembre - Silvio Berlusconi e' stato rinviato a giudizio dal gip del Tribunale di
Continua

GIORGETTI: MALAGO' CI SORPRENDE: CON IL CONI RISPETTIAMO IL

15 novembre - ''Ci sorprende l'atteggiamento del presidente Malago' che sa bene che
Continua

CONSIGLIO D'EUROPA IGNORANTE E PREVENUTO SULL'ITALIA. (TURCHIA VA

15 novembre - ''Ignoranza del provvedimento e pregiudizio anti-italiano: il
Continua

SEN. BRUZZONE (LEGA): RENZI PONTIFICA DAL SENATO CHE VOLEVA

15 novembre - ROMA - SENATO - ''Vedo che ancora oggi Renzi pontifica, lui che aveva
Continua

SONDAGGIO: LEGA 1° PARTITO CON IL 31,2% M5S 2° CON IL 27,3%

15 novembre - Secondo un sondaggio EMG Acqua presentato oggi ad Agorà, su Raitre, se
Continua

LA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI E' CONTRO LA UE. 46% APPROVA LO

15 novembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad Agorà, condotto da
Continua

SALVINI: ''PRIMA VIENE IL DIRITTO AL LAVORO DEGLI ITALIANI, POI LE

14 novembre - ''Scrivessero quel che vogliono, prima viene il diritto al lavoro degli
Continua

SALVINI VA ALL'AEROPORTO AD ACCOGLIERE 51 VERI PROFUGHI ARRIVATI

14 novembre - ''Non e' il primo e non sara' l'ultimo volo, non do numeri ma da parte
Continua

BUNDESBANK: BANCHE TEDESCHE ''VULNERABILI'' CON CALO DELL'ECONOMIA

14 novembre - BERLINO - E ora è vero allarme: è entrata in gioco la Banca centrale
Continua
Precedenti »