48.311.392
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ORBAN: TAGLIO DEL 50% A TASSE SUI REDDITI DELLE PERSONE (16%, ORA) TASSE ALTE A BANCHE ASSICURAZIONI AZIENDE TELEFONICHE

lunedì 23 giugno 2014

BUDAPEST - l fisco è stato al centro del discorso settimanale di Viktor Orbán, che ha rilasciato importanti dichiarazioni sulle tasse per i settori bancario, energetico, telecomunicazioni e retail, ma anche in merito all’imposta sul reddito delle persone fisiche, che dovrebbe essere ridotta nel corso del mandato 2014-2018. La cosiddetta "flat tax" è oggi del 16%. (percentuale MASSIMA di imposta sul reddito delle persone fisiche in Ungheria, che Orban ora annuncia di volere RIDURRE ulteriormente - ndr) 

Mentre dovevano essere provvisorie, per questo si chiamano “tasse straordinarie” quelle imposizioni aggiunte da Vikor Orbán all’inizio dello scorso mandato e rivolte a specifici settori dell’economia ungherese.

Dalla loro introduzione a oggi sono passati quasi quattro anni, costellati di proteste soprattutto dalle aziende e dai gruppi colpiti da tali oneri: banche, assicurazioni, gdo, compagnie energetiche e telefoniche.

Ora è finalmente ufficiale quello che già era palese e cioè che le misure anti-crisi resteranno parte integrante del sistema fiscale magiaro fintanto che Orbán sarà in carica.

Lo ha dichiarato lo stesso primo ministro venerdì scorso, nel suo consueto discorso settimanale alla radio pubblica, preannunciando qualche novità tra cui quella della possibile riduzione della flat tax.

Un’altra innovazione portata dal governo Fidesz-KDNP, che sta iniziando il secondo mandato consecutivo, è stata infatti la tassa non progressiva sul reddito personale, livellata al 16% e diventata modello in Europa del concetto di “flat tax”.

Adesso secondo Orbán sarebbe tempo di ridurre il gettito dalle tasse sulla persona al 4-6% del PIL, passando, entro il 2018, a una tassa sul reddito delle persone fisiche “a una sola cifra”. Del resto, gli introiti dovrebbero essere assicurati dal mantenimento delle tasse su telecomunicazioni, banche, grande distribuzione ed energia, oltre che dalla nuova tassa sulla pubblicità.

Quest’ultima - l'“ad tax”, passata dal Parlamento pochi giorni fa - dovrebbe permettere secondo Orbán di raccogliere “tra i 9 e i 10 miliardi di fiorini da un settore ampio e con grossi profitti”.

 

Autore articolo: Claudia Leporatti  della Redazione Economia.hu - che ringraziamo. 


ORBAN: TAGLIO DEL 50% A TASSE SUI REDDITI DELLE PERSONE (16%, ORA) TASSE ALTE A BANCHE ASSICURAZIONI AZIENDE TELEFONICHE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UNGHERIA   TAGLIO TASSE   DAL 16%   ALL'8%   ENTRO IL 2018   ORBAN   SENZA EURO   SVILUPPO   CRESCITA   BUDAPEST   RENZI   ITALIA   TASSE   UE   GABBIA UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PRESIDENTE DELLA BUNDESBANK: ''DI SVALUTARE L'EURO (COME CHIEDE LA FRANCIA) NON SE PARLA PROPRIO'' (CIAO, HOLLANDE)

IL PRESIDENTE DELLA BUNDESBANK: ''DI SVALUTARE L'EURO (COME CHIEDE LA FRANCIA) NON SE PARLA
Continua

 
''ALLEGGERIRE IL PATTO DI STABILITA' (COME VORREBBE RENZI) E CONTRARRE NUOVI DEBITI SAREBBE UN ERRORE ENORME'' (SCHAEUBLE)

''ALLEGGERIRE IL PATTO DI STABILITA' (COME VORREBBE RENZI) E CONTRARRE NUOVI DEBITI SAREBBE UN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!