67.692.831
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA STORIA DI TUTTE LE TRACCE DI DNA INDIVIDUATE SU YARA GAMBIRASIO E SUI SUOI INDUMENTI, COSI' FINISCONO LE ''INVENZIONI''

domenica 22 giugno 2014

Il 15 giugno 2011, l'Ansa scrive: "E' stato individuato il dna dell'assassino di Yara Gambirasio, la ragazzina di 13 anni scomparsa il 26 novembre scorso a Brembate di Sopra, in provincia di Bergamo, e trovata morta tre mesi dopo. A quanto si apprende, sul corpo di Yara sono stati trovati quattro diversi profili genetici ma soltanto uno - rilevato su un indumento - viene considerato dagli investigatori ''altamente indiziario''. Si tratta di una traccia di dna maschile ed e' considerata significativa in quanto, sottolineano fonti qualificate, non suscettibile di contaminazione casuale, a differenza degli altri tre.

Oltre a quello dell'assassino, sul corpo e sugli indumenti di Yara ci sono altri tre profili di Dna: due, uno maschile e uno femminile, sono su uno dei due guanti della tredicenne, il sinistro, e uno e' invece sul giubbotto della vittima. In questo ultimo caso, la tracci adi DNA sul giubbotto di Yara Gambirasio, si tratta di una traccia di dna misto ed appartiene a Yara e - è stato accertato dagli inquirenti - ad una delle istruttrici di ginnastica ritmica, completamente estranea all'omicidio".

A questo primo lancio Ansa, segue un secondo: "Il profilo di Dna che corrisponderebbe a quello dell'assassino di Yara Gambirasio, individuato dagli investigatori dopo approfonditi accertamenti scientifici, non e' stato rilevato da tracce di liquido seminale presenti sul corpo della vittima. Lo si apprende da fonti qualificate che escludono che la ragazzina abbia dunque subito una violenza sessuale. La traccia di Dna, viene fatto notare, si trova su un indumento intimo di Yara, con il quale il presunto assassino e' venuto in contatto quando ha colpito ripetutamente la vittima lasciandole diversi segni di arma da taglio sulla schiena. Si tratta dunque di un profilo genetico lasciato sull'indumento come conseguenza di uno sfregamento. L'assenza di una violenza sessuale, oltre che dall'esame autoptico, e' confermata inoltre dal modo in cui e' stato ritrovato il cadavere: Yara aveva i pantaloni indossati".

Il 7 ottobre 2011, ancora l'Ansa scrive: "Una traccia del dna trovato sugli slip di Yara Gambirasio sarebbe stata rilevata anche sui pantaloni che la vittima indossava al momento della scomparsa. E' questa l'ultima indiscrezione che trapela dalle indagini sull'omicidio della tredicenne di Brembate Sopra (Bergamo) scomparsa il 26 novembre scorso e trovata morta tre mesi dopo a Chignolo d'Isola (Bergamo). Resta ancora da capire, pero', a chi appartengano queste tracce biologiche. Di certo a nessuna delle tremila persone il cui dna e' gia' stato comparato dai carabinieri del Ris. In questi mesi sono stati acquisiti oltre ottomila profili genetici, la maggior parte dei quali e' ancora in attesa di una comparazione con quello trovato sul corpo della ragazzina e ritenuto ''altamente indiziario''.

Ebbene, questa è la storia del DNA sul corpo e gli indumenti di Yara Gambirasio. E' evidente che le tracce sul guanto come quella - di cui è stata individuata la persona, l'istruttrice della palestra frequentata da Yara - sul giubbotto, sono o possono essere del tutto accidentali. Certamente inutili per provare che le abbia deposte un altro assassino, oltre il Bossetti.

Mentre quella sugli slip e quella sui pantaloni della vittima, entrambe di Bossetti, non lasciano alcun dubbio. Sono sue e solo l'assassino poteva lasciarle lì.

Ora, un'ultima terribile notizia, senpre dell'Ansa, datata 23 novembre 2012: "Secondo l'anatomopatologa Cristina Cattaneo, l'arma impiegata nel delitto non sarebbe stata un taglierino, ma un coltello con lama rivestita di titanio: nel dettaglio, una lama di minimo 0,2 millimetri di spessore e di lunghezza di almeno 2 centimetri. E' stato rivelato, inoltre, che sul corpo della giovane ginnasta di Brembate sono state individuate nove ferite, tutte poco profonde: otto da taglio e una sola da taglio e punta. Di queste ferite, sei si trovano sulla parte davanti del corpo e tre su quella dietro, di cui due vagamente a forma di 'x' sulla schiena. Tutti colpi superficiali che potrebbero essere stati inflitti non per uccidere, ma per torturare la piccola atleta che fu abbandonata ancora viva a Chignolo d'Isola". 

Mentre, lo sviluppo odierno delle indagini a carico dell'arrestato, sono le seguenti: "Analizzando la vita e gli spostamenti di Bossetti, i magistrati solo due giorni fa hanno scoperto che la zona di Chignolo d’Isola, dove il 26 febbraio 2011 fu ritrovato il cadavere di Yara, è sempre stata frequentata da Bossetti. Qui è stato visto molte volte. Anche perché qui c’è la ditta, dove il muratore da tempo va a rifornirsi del materiale da utilizzare nei cantieri. Qui andava a mangiare in un bar, dove un operaio conferma la conoscenza. Sembra una banalità, ma non lo è. Ora, infatti, si capisce che anche il punto d'arrivo partendo dalla palestra dove era andata ad allenarsi la sera che socmparve, il punto d'arrivo di quel drammatico tragitto percorso da Yara era conosciuto da Bossetti". Lo scrive il Fatto Quotidiano di oggi.

max parisi

 


LA STORIA DI TUTTE LE TRACCE DI DNA INDIVIDUATE SU YARA GAMBIRASIO E SUI SUOI INDUMENTI, COSI' FINISCONO LE ''INVENZIONI''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SCIENZIATI CHE HANNO INDIVIDUATO IL DNA DI BOSSETTI SU YARA: ''E' SUO AL 100%. NESSUN ALTRO PUO' AVERLO UGUALE. NESSUNO''

SCIENZIATI CHE HANNO INDIVIDUATO IL DNA DI BOSSETTI SU YARA: ''E' SUO AL 100%. NESSUN ALTRO PUO'
Continua

 
LA MADRE DI MASSIMO GIUSEPPE BOSSETTI IL GIORNO PRIMA DELL'ARRESTO LO CHIAMO' AVEVA CAPITO CHE IL DNA SU YARA ERA SUO

LA MADRE DI MASSIMO GIUSEPPE BOSSETTI IL GIORNO PRIMA DELL'ARRESTO LO CHIAMO' AVEVA CAPITO CHE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »