49.867.415
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ULTIME NOVITA' SULLE INDAGINI DELL'OMICIDIO DI YARA: COINCIDENZE SOSPETTE, CELLULARI SPENTI ALLA STESSA ORA, MA NON SOLO

giovedì 19 giugno 2014

Una decina di investigatori sono entrati in casa di Massimo Giuseppe Bossetti, a Mapello per un nuovo sopralluogo. La via e' stata transennata. Alcuni uomini hanno fatto dei rilevamenti dentro e fuori l'abitazione dell' uomo fermato lunedi' in merito all'uccisione di Yara Gambirasio e che questa mattina si e' dichiarato estraneo ai fatti. Lunedi', dopo il fermo di Bossetti, la moglie e i tre figli erano andati via e da ieri anche la suocera, che vive nella stessa abitazione, aveva deciso di abbandonare il piccolo paese in provincia di Bergamo.

Intanto, è stato acertato che Fulvio Gambirasio, il padre di Yara, e Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino, lavoravano nello stesso cantiere nei giorni in cui la ragazzina e' scomparsa all'uscita dalla palestra di Brembate Sopra: il primo con la sua ditta che realizza coperture per costruzioni, il secondo come muratore. Ne da' notizia il sito di Panorama, registrando le dichiarazioni che avrebbero fornito i colleghi che lavoravano con loro. Una versione, questa, che contrasta con quanto riferito da Fulvio Gambirasio, che ha sostenuto di non aver conosciuto Bossetti, e con quanto dichiarato dallo stesso Bossetti nell' interrogatorio di stamani.

Ora, vediamo i punti di forza e di debolezza - allo stato attuale delle indagini - delle accuse a carico di Massimo Giuseppe Bossetti.

La compatibilita' del dna rintracciato sui vestiti di Yara Gambirasio con quello del presunto assassino, ma anche le possibili difficolta' a ripetere esami su quelle piccolissime tracce trovate quasi tre anni e mezzo fa, quando e' stato scoperto il cadavere.

E poi il cellulare del muratore di Mapello che aggancia si' la cella telefonica che copre il luogo della scomparsa della ragazzina, ma anche la zona nei pressi dell'abitazione dell'uomo arrestato.

E' su questi aspetti, in particolare, che alle certezze della Procura su prove ritenute fondamentali si contrappongono i punti deboli che la difesa potrebbe utilizzare per contrastare un quadro accusatorio che deve reggere "oltre ogni ragionevole dubbio".

LA PROVA DEL DNA - Partendo dalle tracce biologiche del presunto assassino sugli slip e sui leggings indossati da Yara, il cui cadavere venne trovato tre mesi dopo la sua scomparsa, il 26 febbraio 2011, gli investigatori, attraverso serrate analisi scientifiche e campionature a tappeto, sono convinti di aver accertato "la compatibilita'" del profilo genetico del cosiddetto 'Ignoto 1' con quello di Bossetti. Tra venerdi' e domenica scorsa, infatti, la Procura ha avuto le risposte che cercava: il dna del muratore, figlio di una relazione 'clandestina' tra Giuseppe Guerinoni e Ester Arzuffi, corrisponde a quello trovato sugli indumenti della ragazzina. Una traccia lasciata dall'assassino, secondo i pm, perche' isolata ''in un'area attigua ad un margine dell'indumento che era stato reciso con un'arma da taglio affilata''.

Con altre analisi, poi, lunedi' scorso e' arrivata anche la conferma che Giovanni Bossetti non e' il padre del presunto assassino. In questo quadro, pero', la difesa potrebbe aggrapparsi ai margini di incertezza, se ce ne saranno, della cosiddetta prova 'regina' del dna. Potrebbe, infatti, essere difficile ripetere, nel caso venisse richiesto, gli esami sul materiale biologico rintracciato sui vestiti anche perche' si tratta di tracce molto piccole. In piu', pare che sia complicato stabilire con certezza se quel materiale biologico sia davvero riconducibile ad una macchia di sangue.

LA CELLA TELEFONICA E LE POLVERI DI CALCE - Il pm Letizia Ruggeri nel decreto di fermo ha scritto che l'analisi dei tabulati telefonici relativi alla cella che copre la zona del centro sportivo e le vie limitrofe da dove e' scomparsa Yara e' stata effettuata "cercando di individuare soggetti presenti in quell'area nelle ore di interesse, che svolgessero professionalmente attivita' edilizia". E cio' perche' "polveri riconducibili a calce" sono state ritrovate "sul corpo e sugli indumenti, nonche' a livello dell'albero bronchiale" di Yara. In questo contesto e' emersa l'utenza intestata a Bossetti, che ha agganciato "alle 17.45" del 26 novembre 2010 "la cella di via Natta a Mapello" senza fare "piu' comunicazioni fino alle 7.34 del mattino successivo".

L'orario e' compatibile con la scomparsa di Yara, il cui telefonino viene agganciato in quella zona alle 18,49. La difesa, pero', potrebbe ribattere che quella cella copre un'area di diversi chilometri e comprende sia il centro sportivo di Brembate di Sopra che una zona a sud che arriva fino a Mapello, dove vive il carpentiere.

LE VERSIONI E LA VITA DEL PRESUNTO KILLER - Dopo essersi avvalso per ben due volte della facolta' di non rispondere davanti ai pm, oggi Bossetti ha deciso di rispondere al gip per respingere tutte le accuse. E, come ha riferito il suo legale, ha saputo solo oggi di essere figlio illegittimo. Sua madre, intanto, ha continuato a ripetere che lei era convinta che Massimo era figlio del marito. Nel frattempo, la moglie del presunto assassino, da un lato, non ricorda dove fosse Bossetti la sera che e' scomparsa Yara e quindi non riesce a fornirgli un alibi e, dall'altro, lo descrive sereno e tranquillo nei suoi atteggiamenti di questi ultimi tre anni e mezzo.

Mentre la sorella gemella dell'uomo, Laura Letizia, grida l'innocenza del fratello. Ed e' anche in questa rete di relazioni familiari e segreti taciuti che gli inquirenti dovranno muoversi, oltre a scavare nella vita del muratore, sposato con tre figli e incensurato. Al momento non sembrano esserci ombre nel suo passato, ma gli inquirenti lavorano sui pc e sui telefonini che gli sono stati sequestrati.

Resta il fatto che, seppure a fatica, emergono testimonianze che dimostrano come il Bossetti abbia frequentato proprio nel periodo in cui Yara scomparirà, e cioè a cavallo dell'autunno-inverno del 2010, l'area attorno alla palestra  di Brembate, il luogo da cui scomparve la sera del 26 novembre. L'edicolante di fronte all'ingresso si ricorda di lui, così come la titolare del centro estetica a fianco. C'è anche il dettaglio per nulla trascurabile dei cellulari di Yara e Bossetti, che si spengono contemporaneamente attorno alle 19.00 del giorno della sparizione della vittima, sempre quel 26 novembre 2010. E la chiesa. la famiglia Gambirasio e la famiglia Bossetti frequentavano la stessa parrocchia. Tante coincidenze. Troppe. 

max parisi


ULTIME NOVITA' SULLE INDAGINI DELL'OMICIDIO DI YARA: COINCIDENZE SOSPETTE, CELLULARI SPENTI ALLA STESSA ORA, MA NON SOLO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

YARA   GAMBIRASIO   MASSIMO   GIUSEPPE   BOSSETTI   PADRE   DI YARA   LAVORAVANO   STESSO CANTIERE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua
SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI SACRIFI DEI POLIZIOTTI

SINDACATI DI POLIZIA: LIBERO L'AFRICANO ACCOLTELLATORE DI MILANO, STATO NON MERITA I QUOTIDIANI

giovedì 20 luglio 2017
"Un sistema in cui la vita di un Servitore dello Stato vale poco o nulla, in cui chi si aggira armato in mezzo alla strada menando fendenti e aggredendo un poliziotto torna tranquillamente in
Continua
 
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA

mercoledì 19 luglio 2017
"Di fronte al grave attacco contro l'indipendenza della giustizia in Polonia" la Commissione europea oggi ha minacciato di fare un passo senza precedenti verso sanzioni contro il governo nazionalista
Continua
COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E CORAGGIO PER TUTTI NOI

COSA NOSTRA HA UCCISO PAOLO BORSELLINO E LO HA RESO UN EROE IMMORTALE, ESEMPIO DI RETTITUDINE E

mercoledì 19 luglio 2017
Riportiamo - parola per parola - l'ultimo intervento pubblico del giudice Paolo Borsellino, la sera del  25 giugno del 1992, quando decise di partecipare ad un dibattito organizzato da Micromega
Continua
 
THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE AL MONDO (COME RAQQA)

THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE

martedì 18 luglio 2017
LONDON - Naples, the Italian city, is famed throughout the world for its links to organised crime. Mafia hits in Naples are more frequent than elsewhere in the home of Italy’s oldest crime
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL BIOLOGO CHE HA INDIVIDUATO IL DNA DELL'ASSASSINO DI YARA: ''SIAMO CERTI, E' LUI'' (FAMIGLIA DI YARA: UNO SCONOSCIUTO)

IL BIOLOGO CHE HA INDIVIDUATO IL DNA DELL'ASSASSINO DI YARA: ''SIAMO CERTI, E' LUI'' (FAMIGLIA DI
Continua

 
SCIENZIATI CHE HANNO INDIVIDUATO IL DNA DI BOSSETTI SU YARA: ''E' SUO AL 100%. NESSUN ALTRO PUO' AVERLO UGUALE. NESSUNO''

SCIENZIATI CHE HANNO INDIVIDUATO IL DNA DI BOSSETTI SU YARA: ''E' SUO AL 100%. NESSUN ALTRO PUO'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ALASKA E' MORTO A 20 ANNI D'ETA' UN GATTO. DOV'E' LA NOTIZIA?

24 luglio - TELKEETNA - ALASKA - Il sindaco onorario di Talkeetna, piccola cittadina
Continua

PERFINO ELSA FORNERO SBUGIARDA BOERI: ''I MIGRANTI NON RISOLVONO I

24 luglio - ''È vero che i migranti danno un contributo positivo ai conti del
Continua

SALVINI: DALLA PARTE DELL'AGENTE SOSPESO CHE HA CRITICATO LA

22 luglio - ROMA - ''Io sto con questo poliziotto! Altro che sospensione, merita in
Continua

SALVINI: BERLUSCONI GUARDI BENE CHI IMBARCA, AD ESEMPIO FLAVIO TOSI

21 luglio - ''I movimenti poco prima delle elezioni sono sempre un po’ sospetti''.
Continua

FORTE TERREMOTO A KOS, ISOLA GRECA VICINO ALLA TIRCHIA: 2 MORTI E

21 luglio - Un forte terremoto ha colpito questa notte l'isola greca di Kos, nel
Continua

LA POLONIA RESISTE ALL'AGGRESSIONE DELLA UE: APPROVA RIFORMA DELLA

20 luglio - VARSAVIA - Il Parlamento polacco ha approvato poco fa la riforma della
Continua

MACRON HA DECISO DI TAGLIARE I FONDI ALLE ORGANIZZAZIONI IN DIFESA

20 luglio - PARIGI - Sembra esser confermato in Francia l'allarme lanciato dalle
Continua

CLAMOROSO SCANDALO A BRUXELLES: COME RUBARE AI POVERI PER DONARE AI

20 luglio - BRUXELLES - L'ex borgomastro (sindaco) di Bruxelles, il socialista Yvan
Continua

BOOM DELLE VENDITE AL DETTAGLIO IN GRAN BRETAGNA, ALLA FACCIA DEI

20 luglio - LONDRA - La propaganda catastrofista della Ue e dei mezzi di
Continua

IL SENATORE REPUBBLICANO JOHN MCCAIN HA UN TUMORE A CERVELLO.

20 luglio - WASHINGTON - ''Il senatore John McCain è sempre stato un combattente.
Continua
Precedenti »