63.418.735
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ULTIME NOVITA' SULLE INDAGINI DELL'OMICIDIO DI YARA: COINCIDENZE SOSPETTE, CELLULARI SPENTI ALLA STESSA ORA, MA NON SOLO

giovedì 19 giugno 2014

Una decina di investigatori sono entrati in casa di Massimo Giuseppe Bossetti, a Mapello per un nuovo sopralluogo. La via e' stata transennata. Alcuni uomini hanno fatto dei rilevamenti dentro e fuori l'abitazione dell' uomo fermato lunedi' in merito all'uccisione di Yara Gambirasio e che questa mattina si e' dichiarato estraneo ai fatti. Lunedi', dopo il fermo di Bossetti, la moglie e i tre figli erano andati via e da ieri anche la suocera, che vive nella stessa abitazione, aveva deciso di abbandonare il piccolo paese in provincia di Bergamo.

Intanto, è stato acertato che Fulvio Gambirasio, il padre di Yara, e Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino, lavoravano nello stesso cantiere nei giorni in cui la ragazzina e' scomparsa all'uscita dalla palestra di Brembate Sopra: il primo con la sua ditta che realizza coperture per costruzioni, il secondo come muratore. Ne da' notizia il sito di Panorama, registrando le dichiarazioni che avrebbero fornito i colleghi che lavoravano con loro. Una versione, questa, che contrasta con quanto riferito da Fulvio Gambirasio, che ha sostenuto di non aver conosciuto Bossetti, e con quanto dichiarato dallo stesso Bossetti nell' interrogatorio di stamani.

Ora, vediamo i punti di forza e di debolezza - allo stato attuale delle indagini - delle accuse a carico di Massimo Giuseppe Bossetti.

La compatibilita' del dna rintracciato sui vestiti di Yara Gambirasio con quello del presunto assassino, ma anche le possibili difficolta' a ripetere esami su quelle piccolissime tracce trovate quasi tre anni e mezzo fa, quando e' stato scoperto il cadavere.

E poi il cellulare del muratore di Mapello che aggancia si' la cella telefonica che copre il luogo della scomparsa della ragazzina, ma anche la zona nei pressi dell'abitazione dell'uomo arrestato.

E' su questi aspetti, in particolare, che alle certezze della Procura su prove ritenute fondamentali si contrappongono i punti deboli che la difesa potrebbe utilizzare per contrastare un quadro accusatorio che deve reggere "oltre ogni ragionevole dubbio".

LA PROVA DEL DNA - Partendo dalle tracce biologiche del presunto assassino sugli slip e sui leggings indossati da Yara, il cui cadavere venne trovato tre mesi dopo la sua scomparsa, il 26 febbraio 2011, gli investigatori, attraverso serrate analisi scientifiche e campionature a tappeto, sono convinti di aver accertato "la compatibilita'" del profilo genetico del cosiddetto 'Ignoto 1' con quello di Bossetti. Tra venerdi' e domenica scorsa, infatti, la Procura ha avuto le risposte che cercava: il dna del muratore, figlio di una relazione 'clandestina' tra Giuseppe Guerinoni e Ester Arzuffi, corrisponde a quello trovato sugli indumenti della ragazzina. Una traccia lasciata dall'assassino, secondo i pm, perche' isolata ''in un'area attigua ad un margine dell'indumento che era stato reciso con un'arma da taglio affilata''.

Con altre analisi, poi, lunedi' scorso e' arrivata anche la conferma che Giovanni Bossetti non e' il padre del presunto assassino. In questo quadro, pero', la difesa potrebbe aggrapparsi ai margini di incertezza, se ce ne saranno, della cosiddetta prova 'regina' del dna. Potrebbe, infatti, essere difficile ripetere, nel caso venisse richiesto, gli esami sul materiale biologico rintracciato sui vestiti anche perche' si tratta di tracce molto piccole. In piu', pare che sia complicato stabilire con certezza se quel materiale biologico sia davvero riconducibile ad una macchia di sangue.

LA CELLA TELEFONICA E LE POLVERI DI CALCE - Il pm Letizia Ruggeri nel decreto di fermo ha scritto che l'analisi dei tabulati telefonici relativi alla cella che copre la zona del centro sportivo e le vie limitrofe da dove e' scomparsa Yara e' stata effettuata "cercando di individuare soggetti presenti in quell'area nelle ore di interesse, che svolgessero professionalmente attivita' edilizia". E cio' perche' "polveri riconducibili a calce" sono state ritrovate "sul corpo e sugli indumenti, nonche' a livello dell'albero bronchiale" di Yara. In questo contesto e' emersa l'utenza intestata a Bossetti, che ha agganciato "alle 17.45" del 26 novembre 2010 "la cella di via Natta a Mapello" senza fare "piu' comunicazioni fino alle 7.34 del mattino successivo".

L'orario e' compatibile con la scomparsa di Yara, il cui telefonino viene agganciato in quella zona alle 18,49. La difesa, pero', potrebbe ribattere che quella cella copre un'area di diversi chilometri e comprende sia il centro sportivo di Brembate di Sopra che una zona a sud che arriva fino a Mapello, dove vive il carpentiere.

LE VERSIONI E LA VITA DEL PRESUNTO KILLER - Dopo essersi avvalso per ben due volte della facolta' di non rispondere davanti ai pm, oggi Bossetti ha deciso di rispondere al gip per respingere tutte le accuse. E, come ha riferito il suo legale, ha saputo solo oggi di essere figlio illegittimo. Sua madre, intanto, ha continuato a ripetere che lei era convinta che Massimo era figlio del marito. Nel frattempo, la moglie del presunto assassino, da un lato, non ricorda dove fosse Bossetti la sera che e' scomparsa Yara e quindi non riesce a fornirgli un alibi e, dall'altro, lo descrive sereno e tranquillo nei suoi atteggiamenti di questi ultimi tre anni e mezzo.

Mentre la sorella gemella dell'uomo, Laura Letizia, grida l'innocenza del fratello. Ed e' anche in questa rete di relazioni familiari e segreti taciuti che gli inquirenti dovranno muoversi, oltre a scavare nella vita del muratore, sposato con tre figli e incensurato. Al momento non sembrano esserci ombre nel suo passato, ma gli inquirenti lavorano sui pc e sui telefonini che gli sono stati sequestrati.

Resta il fatto che, seppure a fatica, emergono testimonianze che dimostrano come il Bossetti abbia frequentato proprio nel periodo in cui Yara scomparirà, e cioè a cavallo dell'autunno-inverno del 2010, l'area attorno alla palestra  di Brembate, il luogo da cui scomparve la sera del 26 novembre. L'edicolante di fronte all'ingresso si ricorda di lui, così come la titolare del centro estetica a fianco. C'è anche il dettaglio per nulla trascurabile dei cellulari di Yara e Bossetti, che si spengono contemporaneamente attorno alle 19.00 del giorno della sparizione della vittima, sempre quel 26 novembre 2010. E la chiesa. la famiglia Gambirasio e la famiglia Bossetti frequentavano la stessa parrocchia. Tante coincidenze. Troppe. 

max parisi


ULTIME NOVITA' SULLE INDAGINI DELL'OMICIDIO DI YARA: COINCIDENZE SOSPETTE, CELLULARI SPENTI ALLA STESSA ORA, MA NON SOLO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

YARA   GAMBIRASIO   MASSIMO   GIUSEPPE   BOSSETTI   PADRE   DI YARA   LAVORAVANO   STESSO CANTIERE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA FAMIGERATA ''REGOLA'' DEL 3%

PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA

giovedì 20 settembre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di accuse e critiche al governo italiano da parte di oligarchi ue e dei loro lacché nazionali. La cosa non deve sorprendere: il governo gialloverde
Continua
 
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
 
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL BIOLOGO CHE HA INDIVIDUATO IL DNA DELL'ASSASSINO DI YARA: ''SIAMO CERTI, E' LUI'' (FAMIGLIA DI YARA: UNO SCONOSCIUTO)

IL BIOLOGO CHE HA INDIVIDUATO IL DNA DELL'ASSASSINO DI YARA: ''SIAMO CERTI, E' LUI'' (FAMIGLIA DI
Continua

 
SCIENZIATI CHE HANNO INDIVIDUATO IL DNA DI BOSSETTI SU YARA: ''E' SUO AL 100%. NESSUN ALTRO PUO' AVERLO UGUALE. NESSUNO''

SCIENZIATI CHE HANNO INDIVIDUATO IL DNA DI BOSSETTI SU YARA: ''E' SUO AL 100%. NESSUN ALTRO PUO'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SALVINI: MANOVRA CORAGGIOSA ED ESPANSIVA. LO CHIEDONO GLI

23 settembre - ''In queste ultime settimane ho avuto modo di fare alcune chiacchierate
Continua

ATTILIO FONTANA: SIAMO IN GRADO DI FARE LE OLIMPIADI 2026 BENE E

22 settembre - ''Noi abbiamo dato la disponibilita' e non abbiamo nessun problema.
Continua

L'OCSE NON DEVE INTROMETTERSI NELLE SCELTE DI UN PAESE SOVRANO QUAL

20 settembre - ''L'Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il
Continua
IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO LA STESSA COSA

IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO

20 settembre - PARIGI - Marine Le Pen insorge contro la decisione di una giudice, che
Continua

SALVINI: EUROPA NON DEV'ESSERE PROFITTO SPECULAZIONE PRIVILEGI DI

20 settembre - Il presidente francese Emmanuel Macron ''dal gennaio dell'anno scorso ha
Continua

ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI DA PARTE DELLA UE SUI ''MIGRANTI''

20 settembre - SALISBURGO - ''L'importante è che ci sia un'ampia partecipazione al
Continua

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua

WALL STREET JOURNAL: ''FACEBOOK DA ANNI ACCEDE A INFORMAZIONI

19 settembre - NEW YORK - Si preannuncia uno scandalo enorme, che potrebbe portare il
Continua

COORDINATORE DELLA LEGA NORD SARDEGNA: ATTENTATO PER UCCIDERMI

19 settembre - SASSARI - ''Volevano uccidermi. In giornata presentero' un esposto alla
Continua

MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO: ''LAVORIAMO PER ABOLIRE IL

19 settembre - ''Stiamo lavorando all'abolizione del superticket (la tassa di 10 euro
Continua
Precedenti »