68.618.231
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ULTIME NOVITA' SULLE INDAGINI DELL'OMICIDIO DI YARA: COINCIDENZE SOSPETTE, CELLULARI SPENTI ALLA STESSA ORA, MA NON SOLO

giovedì 19 giugno 2014

Una decina di investigatori sono entrati in casa di Massimo Giuseppe Bossetti, a Mapello per un nuovo sopralluogo. La via e' stata transennata. Alcuni uomini hanno fatto dei rilevamenti dentro e fuori l'abitazione dell' uomo fermato lunedi' in merito all'uccisione di Yara Gambirasio e che questa mattina si e' dichiarato estraneo ai fatti. Lunedi', dopo il fermo di Bossetti, la moglie e i tre figli erano andati via e da ieri anche la suocera, che vive nella stessa abitazione, aveva deciso di abbandonare il piccolo paese in provincia di Bergamo.

Intanto, è stato acertato che Fulvio Gambirasio, il padre di Yara, e Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino, lavoravano nello stesso cantiere nei giorni in cui la ragazzina e' scomparsa all'uscita dalla palestra di Brembate Sopra: il primo con la sua ditta che realizza coperture per costruzioni, il secondo come muratore. Ne da' notizia il sito di Panorama, registrando le dichiarazioni che avrebbero fornito i colleghi che lavoravano con loro. Una versione, questa, che contrasta con quanto riferito da Fulvio Gambirasio, che ha sostenuto di non aver conosciuto Bossetti, e con quanto dichiarato dallo stesso Bossetti nell' interrogatorio di stamani.

Ora, vediamo i punti di forza e di debolezza - allo stato attuale delle indagini - delle accuse a carico di Massimo Giuseppe Bossetti.

La compatibilita' del dna rintracciato sui vestiti di Yara Gambirasio con quello del presunto assassino, ma anche le possibili difficolta' a ripetere esami su quelle piccolissime tracce trovate quasi tre anni e mezzo fa, quando e' stato scoperto il cadavere.

E poi il cellulare del muratore di Mapello che aggancia si' la cella telefonica che copre il luogo della scomparsa della ragazzina, ma anche la zona nei pressi dell'abitazione dell'uomo arrestato.

E' su questi aspetti, in particolare, che alle certezze della Procura su prove ritenute fondamentali si contrappongono i punti deboli che la difesa potrebbe utilizzare per contrastare un quadro accusatorio che deve reggere "oltre ogni ragionevole dubbio".

LA PROVA DEL DNA - Partendo dalle tracce biologiche del presunto assassino sugli slip e sui leggings indossati da Yara, il cui cadavere venne trovato tre mesi dopo la sua scomparsa, il 26 febbraio 2011, gli investigatori, attraverso serrate analisi scientifiche e campionature a tappeto, sono convinti di aver accertato "la compatibilita'" del profilo genetico del cosiddetto 'Ignoto 1' con quello di Bossetti. Tra venerdi' e domenica scorsa, infatti, la Procura ha avuto le risposte che cercava: il dna del muratore, figlio di una relazione 'clandestina' tra Giuseppe Guerinoni e Ester Arzuffi, corrisponde a quello trovato sugli indumenti della ragazzina. Una traccia lasciata dall'assassino, secondo i pm, perche' isolata ''in un'area attigua ad un margine dell'indumento che era stato reciso con un'arma da taglio affilata''.

Con altre analisi, poi, lunedi' scorso e' arrivata anche la conferma che Giovanni Bossetti non e' il padre del presunto assassino. In questo quadro, pero', la difesa potrebbe aggrapparsi ai margini di incertezza, se ce ne saranno, della cosiddetta prova 'regina' del dna. Potrebbe, infatti, essere difficile ripetere, nel caso venisse richiesto, gli esami sul materiale biologico rintracciato sui vestiti anche perche' si tratta di tracce molto piccole. In piu', pare che sia complicato stabilire con certezza se quel materiale biologico sia davvero riconducibile ad una macchia di sangue.

LA CELLA TELEFONICA E LE POLVERI DI CALCE - Il pm Letizia Ruggeri nel decreto di fermo ha scritto che l'analisi dei tabulati telefonici relativi alla cella che copre la zona del centro sportivo e le vie limitrofe da dove e' scomparsa Yara e' stata effettuata "cercando di individuare soggetti presenti in quell'area nelle ore di interesse, che svolgessero professionalmente attivita' edilizia". E cio' perche' "polveri riconducibili a calce" sono state ritrovate "sul corpo e sugli indumenti, nonche' a livello dell'albero bronchiale" di Yara. In questo contesto e' emersa l'utenza intestata a Bossetti, che ha agganciato "alle 17.45" del 26 novembre 2010 "la cella di via Natta a Mapello" senza fare "piu' comunicazioni fino alle 7.34 del mattino successivo".

L'orario e' compatibile con la scomparsa di Yara, il cui telefonino viene agganciato in quella zona alle 18,49. La difesa, pero', potrebbe ribattere che quella cella copre un'area di diversi chilometri e comprende sia il centro sportivo di Brembate di Sopra che una zona a sud che arriva fino a Mapello, dove vive il carpentiere.

LE VERSIONI E LA VITA DEL PRESUNTO KILLER - Dopo essersi avvalso per ben due volte della facolta' di non rispondere davanti ai pm, oggi Bossetti ha deciso di rispondere al gip per respingere tutte le accuse. E, come ha riferito il suo legale, ha saputo solo oggi di essere figlio illegittimo. Sua madre, intanto, ha continuato a ripetere che lei era convinta che Massimo era figlio del marito. Nel frattempo, la moglie del presunto assassino, da un lato, non ricorda dove fosse Bossetti la sera che e' scomparsa Yara e quindi non riesce a fornirgli un alibi e, dall'altro, lo descrive sereno e tranquillo nei suoi atteggiamenti di questi ultimi tre anni e mezzo.

Mentre la sorella gemella dell'uomo, Laura Letizia, grida l'innocenza del fratello. Ed e' anche in questa rete di relazioni familiari e segreti taciuti che gli inquirenti dovranno muoversi, oltre a scavare nella vita del muratore, sposato con tre figli e incensurato. Al momento non sembrano esserci ombre nel suo passato, ma gli inquirenti lavorano sui pc e sui telefonini che gli sono stati sequestrati.

Resta il fatto che, seppure a fatica, emergono testimonianze che dimostrano come il Bossetti abbia frequentato proprio nel periodo in cui Yara scomparirà, e cioè a cavallo dell'autunno-inverno del 2010, l'area attorno alla palestra  di Brembate, il luogo da cui scomparve la sera del 26 novembre. L'edicolante di fronte all'ingresso si ricorda di lui, così come la titolare del centro estetica a fianco. C'è anche il dettaglio per nulla trascurabile dei cellulari di Yara e Bossetti, che si spengono contemporaneamente attorno alle 19.00 del giorno della sparizione della vittima, sempre quel 26 novembre 2010. E la chiesa. la famiglia Gambirasio e la famiglia Bossetti frequentavano la stessa parrocchia. Tante coincidenze. Troppe. 

max parisi


ULTIME NOVITA' SULLE INDAGINI DELL'OMICIDIO DI YARA: COINCIDENZE SOSPETTE, CELLULARI SPENTI ALLA STESSA ORA, MA NON SOLO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

YARA   GAMBIRASIO   MASSIMO   GIUSEPPE   BOSSETTI   PADRE   DI YARA   LAVORAVANO   STESSO CANTIERE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL BIOLOGO CHE HA INDIVIDUATO IL DNA DELL'ASSASSINO DI YARA: ''SIAMO CERTI, E' LUI'' (FAMIGLIA DI YARA: UNO SCONOSCIUTO)

IL BIOLOGO CHE HA INDIVIDUATO IL DNA DELL'ASSASSINO DI YARA: ''SIAMO CERTI, E' LUI'' (FAMIGLIA DI
Continua

 
SCIENZIATI CHE HANNO INDIVIDUATO IL DNA DI BOSSETTI SU YARA: ''E' SUO AL 100%. NESSUN ALTRO PUO' AVERLO UGUALE. NESSUNO''

SCIENZIATI CHE HANNO INDIVIDUATO IL DNA DI BOSSETTI SU YARA: ''E' SUO AL 100%. NESSUN ALTRO PUO'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »