72.715.058
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''E' STATO AVVENTATO LANCIARE L'EURO'' - PER LA PRIMA VOLTA FRANCA AMMISSIONE DELL'EURO FALLIMENTO DI UN COMMISSARIO UE!

mercoledì 18 giugno 2014

“E' stato avventato lanciare l'euro senza un prestatore di ultima istanza e la protezione di un'unione fiscale”. Si tratta di una dichiarazione da “fuoco amico” interna a Bruxelles del commissario per l'impiego e le questioni sociali dell'Unione Europea, Laslo Andor. Lo scrive Ambrose Evans Pritchard sul Telegraph, e aggiunge: non è un caso che sia proprio lui a rendersene conto all'interno dell'Ue, dato che è lui che deve fare i conti della tragedia sociale in atto. 

Almeno, sostiene il columnist del Telegraph, qualcuno della sinistra moderata ha il coraggio di parlare in quest'Europa di omertà, dove il codice del silenzio sembra un tabù impossibile da rompere. Ha perfettamente ragione Andor, nella sua dichiarazione che vi riproponiamo sotto, quando sostiene che le politiche di tagli in quei paesi che sono già in difficoltà è intellettualmente criminale e sarà giudicato dagli storici.  Ma, prosegue Pritchard, Andor non arriva a trarne tutte le conclusioni perché qui bisognerebbe svelare il problema dei problemi e vale a dire che la zona euro non è mai stata creata per funzionare e dovrebbe quindi essere smantellata nel modo meno traumatico possibile. 

Se ci dovesse essere un'unione fiscale con almeno il 5 o 7% del Pil da destinarsi per un budget centrale, questo trasformerebbe i Parlamenti nazionali in organi dell'Ue, eliminando il cuore del potere di un ente sovrano, vale a dire quello di poter tassare e spendere. Si arriverebbe alla fine dello stato nazione e i singoli paesi diventerebbero province linguistiche. Nulla di tutto ciò è politicamente possibile: la corte costituzionale tedesca ha affermato che ogni passaggio in tal senso è da considerarsi una chiara violazione del Grundgesetz e sarà quindi proibita; i francesi, conclude Evans Pritchard, lo hanno chiarito nelle elezioni europee che non vogliono ulteriori perdite di sovranità.

Autore articolo originale: Ambrose Avans Pritchard per The Telegraph - notizia: L'Antidiplomatico.it

 

Di seguito, un estratto delle dichiarazioni ufficiali del commissario agli Affari Sociali, Laslo Andor

I believe it is my responsibility to share key conclusions from my four and a half years’ experience as Member of the European Commission – lessons from years of financial and economic crisis that was unprecedented in EU history and that should never be repeated.

Europe has been going through two crises and not one. The first we shared with the rest of the world, while the second one specifically originated from the inherent weaknesses of the current EMU architecture and brought us on a different path than the rest of the industrialised world.

Debts from financial markets were replaced by debts from official sources, which turned the euro zone into a club of debtors and creditors, set against each other.

The elected governments of Greece and Italy were replaced with technocratic administrations as the democratically elected ones were unable or unwilling to implement front-loaded fiscal consolidation.

From a fragile recovery we entered a double-dip recession in 2011. This became an existential crisis of the monetary union, and of the EU as a whole.

While Europe went into a second recession in 2011, the US economy was already steadily growing because the US had relevant instruments in place and the US Government and central bank did not hesitate to use them to generate growth and jobs.

The EU only started to emerge from the financial whirlpool when the ECB announced that it would be ready to act as a central bank in a crisis. In short, the sovereign debt crisis of the past four years has shown us that without a lender of last resort, a central budget or a co-ordination framework geared towards stimulating aggregate demand, EMU has been – at best – a structure for fair weather, but not for a financial and economic crisis.

The euro has also been a trap, because Member States can no longer adjust to economic shocks through tailor-made monetary policies and devaluation in their exchange rate, while at the same time being subject to strict rules on fiscal policy.

 This means that instruments that were historically used to limit the social impact of crises were not available any more, while there has been nothing newly introduced to replace them.

The point is that macroeconomic instability in Europe stemmed predominantly from the incomplete design of the Economic and Monetary Union: troubled countries could not unilaterally devalue, could not call upon a lender of last resort and could not count on any fiscal support from other Member States that would enable them not just to survive but to stimulate economic recovery.

The only mechanism through which troubled countries inside the EMU have been able to restore economic growth is so-called internal devaluation, i.e. cost-cutting in both the private and public sectors by shedding labour and reducing wages. Internal devaluation has resulted in high unemployment, falling household incomes and rising poverty – literally misery for tens of millions of people.

Moreover, it is a recipe that cannot be applied in many countries at the same time because it undermines overall demand. If many countries cut their wages and lay off workers, nobody wins in terms of relative competitiveness but everybody loses.

At a time when Europe would need to invest significantly in its human capital in order to cope with the growing demographic challenge, we have allowed a financial crisis to push millions of people out of work and into poverty. This has damaged Europe's economic potential and social cohesion for many years to come.

The proposal was in fact that regions with a current account surplus should contribute and deficit regions should draw down funding, as normally happens within nation states, so that social cohesion and aggregate demand could be maintained.

Did Helmut Kohl, François Mitterrand, Jacques Delors and other founding fathers of the EMU not understand that the incomplete structure they were setting up would be prone to crises? Was it not reckless for them to launch an irreversible monetary union without a proper fiscal pillar? Did they not care about the possible social consequences of macroeconomic adjustment based predominantly on internal devaluation?

In fact, political leaders in the early 1990s were far from ignorant about the importance of social cohesion, but they believed that it could be essentially achieved through legislation and social dialogue.

As the Single Market was being constructed since the mid-1980s, an important body of labour law was developed. For Jacques Delors and other leading politicians at the time, the social dimension of the Single Market and of the EMU was predominantly about preventing a race to the bottom in employment and working conditions.

On the one hand, we introduce social legislation to improve labour standards and create fair competition in the EU. On the other hand, we settle with a monetary union which deepens asymmetries and erodes the fiscal base for national welfare states.

Social legislation cannot make up for the absence of a euro zone budget or a genuine lender of last resort. Delors' idea of Social Europe is unfortunately offset by Delors' model of the EMU.

That is not to say that the EMU was fundamentally unfair at the time. To borrow a famous metaphor, EMU may have well been designed behind a veil of ignorance (Schleier des Nicthwissens). Nobody knew exactly how well the euro would work for any particular country.

However, it is quite clear today that EMU’s functioning in practice has not been fair. We know now that the EMU contains an inherent bias towards internal devaluation as the prevailing if not the only mechanism of adjustment to economic downturns. With such asymmetric allocation of costs and benefits, the EMU is not functioning well and its sustainability cannot be taken for granted.

In the history of the European Communities, two attempts at monetary cooperation have already broken down because the system was not resilient enough. The existence of a single currency in itself should not be seen as a sufficient guarantee against such a breakdown to happen again.

The EU cannot live together for too long with the risk of monetary breakdown, which also would bring with itself social and political breakdown. If our Economic and Monetary Union is meant to be irreversible, it must also be fair and it must be based on solidarity. Either we give up the dogma of ‘no fiscal transfers’ in the EMU, or we give up the European Social Model


''E' STATO AVVENTATO LANCIARE L'EURO'' - PER LA PRIMA VOLTA FRANCA AMMISSIONE DELL'EURO FALLIMENTO DI UN COMMISSARIO UE!




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
 
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INDIVIDUATO E FERMATO L'ASSASSINO DI YARA! E' MASSIMO GIUSEPPE BOSSETTI, MURATORE INCENSURATO.

INDIVIDUATO E FERMATO L'ASSASSINO DI YARA! E' MASSIMO GIUSEPPE BOSSETTI, MURATORE INCENSURATO.

 
PRIMO SEMESTRE 2014: CONSUMI ALIMENTARI IN ITALIA TORNATI INDIETRO DI 30 ANNI: TAGLI ENORMI PER VERDURA, PESCE, OLIO.

PRIMO SEMESTRE 2014: CONSUMI ALIMENTARI IN ITALIA TORNATI INDIETRO DI 30 ANNI: TAGLI ENORMI PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua

CONTE NON HA RISPETTATO LA COSTITUZIONE SUL MES. DEVE DIMETTERSI

28 novembre - ''Noi abbiamo dato ogni tipo di mandato affinche' cio' non avvenisse''.
Continua

FOTOGRAFO TOSCANI CONDANNATO A MILANO PER DIFFAMAZIONE DI MATTEO

27 novembre - La Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a 8 mila euro di
Continua
Precedenti »