50.677.366
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BILANCIO A META' 2014: LA ZONA EURO E' IN STAGNAZIONE RESTO D'EUROPA IN FORTE CRESCITA (PROVA PROVATA DEL DISASTRO EURO)

martedì 17 giugno 2014

Nel mese di giugno, le aziende normalmente presentano il bilancio dell’anno precedente e quello relativo ai primi sei mesi di quello in corso, per la gioia degli analisti.

Abbiamo quindi deciso di valutare l’andamento dell’economia internazionale, ed in particolare di quella dell’eurozona. I dati più recenti  consolidati sull’andamento dei PIL delle diverse nazioni sono relative al primo trimestre 2014.

L’eurozona è data in crescita di uno strepitoso, si fa per dire, 0,2% su base annua, ampiamente reclamizzato dai media di regime come segno dell’inversione di tendenza. Peccato che questo dato sia dovuto in larga misura alla performance della Germania, che rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ha segnato un +2,5%: infatti il PIL di Italia ed Olanda permane fortemente negativo, mettendo a segno un ulteriore drammatico calo dello 0,5% rispetto all’anno precedente che era stato a sua volta il peggior risultato da decenni. Francia e Spagna non godono certo di salute migliore, dato che non riescono a raggiungere nemmeno uno striminzito 1%.

Questo per quanto riguarda le nazioni più “pesanti” dell’area euro.

Ovviamente qualcuno potrebbe pensare che, se questi sono i risultati delle nazioni “protette” dall’ombrello dell’euro, al di fuori della moneta unica sia pianto e stridor di denti, con milioni di cittadini disoccupati e tassi di crescita pesantemente negativi. Perchè, lo sappiamo benissimo, il mantra ripetuto dai politicanti e dagli economisti à la mode è che solo l’euro può salvare il mondo intero.

Probabilmente hanno qualche piccolo problema di vista, se non di analisi, visto che proprio fuori dall’euro si registrano i tassi di crescita più alti. Per uniformità di analisi, non andremo a prendere i dati delle tigri asiatiche, dei paesi del BRICS o degli USA, ma ci limiteremo a prendere in considerazione nazioni che fanno parte del vecchio continente senza però adottare la farlocca moneta unica tanto amata da Merkel, Renzi e dalla grande finanza speculativa internazionale, quella che genera ricchezza dal nulla semplicemente digitando qualche codice su una tastiera, infischiandosene se questo può portare qualche milione di persone alla fame. Bene, l’Inghilterra ha registrato un tasso di crescita nel primo trimestre 2014 annualizzato di ben il 3,1%, surclassata dalla Romania con un 3,8% e dall’Ungheria con il 3,5%.

Vi rendete conto? Mentre i paesi che adottano l’euro faticano a raggiungere il segno “+” davanti ai dati del loro PIL, le nazioni europee che non lo adottano stanno letteralmente galoppando: la “piccola” Romania cresce più di tre volte della Francia.

La realtà è una sola: l’euro sta distruggendo come un cancro tutte le nazioni che lo adottano. Tutte tranne una: la Germania, che ha sostituito le truppe corazzate della Wehrmacht con frotte di economisti e burocrati compiacenti, a partire da quella Christine Lagarde, a capo di quel Fondo Monetario Internazionale che ha dovuto scusarsi per non aver azzeccato una, dicasi una! previsione sull’andamento delle diverse economie negli ultimi anni e che il fuhrer tedesco vorrebbe piazzare a capo della commissione europea in luogo del trombato Junker, che ha già incassato il pesante “no” dell’Inghilterra di Cameron. Parliamo di incapaci patentati che pretendono di governare il futuro di milioni di persone ridotte alla povertà con il benestare delle elites tedesche che, in tal modo, stanno perseguendo il loro solito sogno di dominare l’intera Europa a vantaggio non più del popolo tedesco, ma dei potentati teutonici bancari (ricordiamo che Deutsche Bank ha un’esposizione in derivati pari a 20 volte il PIL Germanico).

E tra questi incapaci va degnamente annoverato il premier non eletto italiano, tal Matteo Renzi da Firenze, che nei primi quattro (dicasi quattro!) mesi del 2014 è riuscito a far lievitare il debito pubblico di una somma di miliardi pari a tutta quella cumulata nel 2013.

Il dramma, tuttavia, è che le nazioni che hanno adottato la moneta unica hanno perso il treno della ripresa successiva al crollo del 2008, e questo avrà conseguenze drammatiche,  in quanto quando la congiuntura economica virerà nuovamente al ribasso, l’area euro NON potrà andare in controtendenza e verrà letteralmente devastata.

Immaginatevi cosa accadrà ad un paese come l’Italia che perde lo 0,5% a fronte di un +3,5% dell’Inghilterra, quando anche la “perfida albione” rallenterà la crescita, facendo diminuire l’acquisto di beni made in Italy e quindi le esportazioni e per conseguenza la produzione italiana, che ormai vive solo di export, essendo la domanda interna stata distrutta dall’opera criminale degli ultimi tre premier, guarda caso nominati e non eletti da un simpatico ottuagenario con la nostalgia per le invasioni dell’armata rossa ai danni dei paesi che ambivano alla democrazia.

La realtà, a dispetto ed al di là degli spot di regime trasmessi dalla televisione pubblica, è che questa ue e questa moneta unica sono drammaticamente falliti. Con simili dati economici, qualsiasi azienda privata avrebbe già portato i libri contabili in tribunale o sarebbe stata annientata dalla concorrenza più dinamica.

La strada è una sola: porre fine a queste due istituzioni il prima possibile e tornare alle sovranità statali e monetarie. Con buona pace dei politicanti ed economisti asserviti al pensiero unico teutonico.

Luca Campolongo


BILANCIO A META' 2014: LA ZONA EURO E' IN STAGNAZIONE RESTO D'EUROPA IN FORTE CRESCITA (PROVA PROVATA DEL DISASTRO EURO)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''L'FMI BASA LE SUE INDICAZIONI SU TEORIE ECONOMICHE SBALLATE E ALLA FINE DEVE SCUSARSI. ALLORA, A CHE SERVE?''PROF.MODY

''L'FMI BASA LE SUE INDICAZIONI SU TEORIE ECONOMICHE SBALLATE E ALLA FINE DEVE SCUSARSI. ALLORA, A
Continua

 
GOVERNO RENZI ''MESSO IN MORA'' DALLA COMMISSIONE EUROPEA PER I PAGAMENTI DEI DEBITI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

GOVERNO RENZI ''MESSO IN MORA'' DALLA COMMISSIONE EUROPEA PER I PAGAMENTI DEI DEBITI DELLA PUBBLICA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!