63.967.014
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SARA' PERCHE' GLI ITALIANI NON NE POSSONO PIU' DELLA POLITICA ATTENDISTA DEL GOVERNO MA PUTIN E' MOLTO POPOLARE (V.D.R)

lunedì 16 giugno 2014

All’annuale cena dei corrispondenti, il presidente americano Obama ha pronunciato un’infelice battuta: Il Nobel a Putin? oggi lo danno a tutti… È stato l’ennesimo pretesto per esprimere un’opinione negativa su un esponente politico che, a dispetto della propaganda statunitense, sta facendo breccia in un segmento sempre più vasto dei cittadini italiani. Putin piace, e piace la sua politica. Di certo non a tutti, ma a tanti: addirittura in controtendenza rispetto alla storia degli elettori di centrodestra, che mai avrebbero immaginato di morire filorussi.

Sarà perché l’italiano medio non ne può più della politica attendista del Belpaese, ma Putin è il più ammirato e popolare. Il leader russo sta risultando simpatico anche a un quotidiano di seconda linea – tale è secondo l’establishment intellettuale radical chic – come Il Secolo XIX, sulle cui pagine troviamo un commento illuminante: Perché, diciamolo una volta per tutte, non se ne può più di questo u-ni-co-pen-sie-ro secondo il quale mister Obama è bello, buono, intelligente e democratico, mentre il piccolo Zar è brutto, sporco, cattivo e ignorante. Non ci crede più nessuno alla vulgata dell’orso russo che fagocita popoli inermi. La Crimea sta a dimostrarlo. L’autodeterminazione non è una bestemmia. Come prima per Berlino. E prima ancora per Danzica. Sull’Internet italiano, poi, esistono persino gruppi che raccolgono tutti gli articoli sulle iniziative del Presidente russo, probabilmente stufi delle comunicazioni a senso unico che arrivano dai centri di informazione euroatlantici.

La Voce della Russia ha parlato con Cristiano Puglisi, fondatore di un club di Forza Italia dedicato a Vladimir Putin. Una scelta forte che merita attenzione.

- Quali ragioni vi hanno spinto a formare un gruppo dedicato a un leader straniero?

- È stata una scelta molto precisa. Certamente sapevamo che ci sarebbe stata una forte attenzione mediatica e che ci avrebbero guardato con sospetto. La verità è che volevamo lanciare un segnale al mondo del centrodestra: è ora di un cambiamento di rotta. La contrapposizione tra gli schieramenti storici delle destre e delle sinistre è superata. Se un tempo si aggirava lo spettro del comunismo, e lo si poteva agitare, oggi dobbiamo batterci contro il nuovo mostro creato da alcuni poteri forti europei e statunitensi: quello della sedimentazione di un pensiero unico.

- Che cosa si intende per pensiero unico?

- Da un lato esiste il portato del liberismo spinto alle estreme conseguenze. Un’idea che ha mostrato il suo fallimento, sconfitta dal contributo quotidiano dei cittadini italiani ed europei. È inaccettabile che settori strategici dell’Italia vengano svenduti a privati e che lo Stato sia visto come fonte di tutti i mali. Alcuni Paesi non hanno fatto questa scelta e vivono bene, come la Russia. Dall’altro c’è una componente culturale: Putin rappresenta l’unico e ultimo baluardo contro la negazione delle tradizioni locali religiose; un simbolo per la conservazione della sovranità popolare. La Russia ha dimostrato che si può essere nazione nel senso più alto del termine. Da qui nasce la nostra simpatia per Putin, un leader che fa del senso pratico e del decisionismo la sua missione principale.

- Praticamente state bocciando il pensiero filoamericano.

- Noi non siamo l’America multiculturale. Gli europei e gli italiani hanno radici forti. Il fattore geopolitico non deve precludere l’apertura verso est. Siamo molto legati storicamente al mondo euroasiatico. L’Europa può e deve includere la Russia.

- Appartenete a un partito da sempre amico di Putin. Quale strada percorrerete per rafforzare queste affinità?

- Stiamo lavorando sull’argomento. Auspichiamo che Forza Italia abbia più coraggio, come ha dimostrato il leader della Lega Salvini. Negli anni, Berlusconi ha fatto molto per avvicinare l’Europa all’est. E ha pagato un prezzo salatissimo. Viviamo in un sistema che schiaccia chiunque voglia uscire dalle regole. Le dichiarazioni di autorevoli esponenti statunitensi sul complotto nei confronti dell’ex Presidente del Consiglio lo hanno dimostrato. Forza Italia deve combattere nel nostro Paese, con la medesima forza e convinzione, le battaglie economiche e culturali che oggi Putin sta affrontando e che smuovono i cuori di molti russi. E Putin comunque non è l’unico esempio: anche l’Ungheria è un Paese da cui imparare politicamente.

- Questo vuol dire chiedere a Forza Italia un cambio di passo epocale.

- Viviamo in un’economia di guerra indotta da pochi centri di potere: quindi anche il partito necessita di un cambio di rotta, di un segnale shock all’elettorato. E non parlo delle primarie, ma dell’uscita dal Partito Popolare Europeo: una formazione che in questi anni ha sostenuto tutti quei dogmi che hanno condotto alla distruzione dell’economia italiana e che ha penalizzato Forza Italia. Rimanerci è un paradosso. Già, qualcuno ci accuserà di populismo, ma è davvero populismo preoccuparsi di come faremo a pagare il fiscal compact?

- Come ha reagito la cittadinanza?

- Le nostre riunioni sono aperte. Partecipano in tanti, anche cittadini di origine russa. Stiamo progettando eventi culturali che promuovano le nostre idee per il partito. Organizzeremo convegni e stiamo cercando ospiti internazionali che spieghino che esistono Paesi che ce la fanno. I più attenti sono i giovani, che hanno maggiore accesso rispetto ai più anziani alla comunicazione non tradizionale: l’esempio per eccelleza è rappresentato dal vostro sito. Quotidiani come Corriere e Repubblica dipingono la Russia come una dittatura nazista, ed è difficile spiegare che la realtà è ben diversa e che oggi tifare per la rottura dei rapporti con la Russia è un suicidio. Ma quando porti loro i fatti, la gente si interessa e inizia a capire che c’è un mondo tutto da scoprire al di fuori del pensiero unico delle élite comunitarie.

 

LA VOCE DELLA RUSSIA


SARA' PERCHE' GLI ITALIANI NON NE POSSONO PIU' DELLA POLITICA ATTENDISTA DEL GOVERNO MA PUTIN E' MOLTO POPOLARE (V.D.R)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua
PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI VERTICI DELLA SOCIETA'

PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI

mercoledì 10 ottobre 2018
AVELLINO - Fu una strage immane, che precedette il massacro del ponte di Genova di cinque anni, ma con un bilancio di morti terribilmente simile. Ora, si è arrivati alla fine del processo con
Continua
 
DOMENICA 14 OTTOBRE VOTO IN BAVIERA: SPD CROLLERA' CSU CALERA' AL 35% AFD PRONTO AL PRIMO GOVERNO DI DESTRA IN GERMANIA

DOMENICA 14 OTTOBRE VOTO IN BAVIERA: SPD CROLLERA' CSU CALERA' AL 35% AFD PRONTO AL PRIMO GOVERNO

martedì 9 ottobre 2018
MONACO DI BAVIERA - Le elezioni nei land tedeschi non sono mai un evento locale, figuriamoci se questa volta alle urne va la potente e popolosa Baviera. Nove milioni di elettori bavaresi sono
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ORFINI IN ARTE MATTEO: COSA DICEVA L'ATTUALE PRESIDENTE DEL PD SU RENZI (PRIMA, ADESSO GLI BACIA PANTOFOLA E... ALLUCI)

ORFINI IN ARTE MATTEO: COSA DICEVA L'ATTUALE PRESIDENTE DEL PD SU RENZI (PRIMA, ADESSO GLI BACIA
Continua

 
INDIVIDUATO E FERMATO L'ASSASSINO DI YARA! E' MASSIMO GIUSEPPE BOSSETTI, MURATORE INCENSURATO.

INDIVIDUATO E FERMATO L'ASSASSINO DI YARA! E' MASSIMO GIUSEPPE BOSSETTI, MURATORE INCENSURATO.


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!