43.421.443
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL MONDIALE DI CALCIO INIZIA A CALCI (DELLA POLIZIA) CONTRO I MANIFESTANTI CHE PROTESTANO, FERITE DUE GIORNALISTE CNN.

giovedì 12 giugno 2014

La corrispondente della Cnn dal Brasile, Shasta Darlington, e la producer Barbara Arvanitidis sono state ferite leggermente durante le proteste che precedono l'inizio dei mondiali di calcio, previsto oggi con la sfida tra Brasile e Croazia (alle 22 ora italiana). Nel corso degli scontri tra polizia e manifestanti, la produttrice sarebbe stata colpita da alcune schegge di vetro e stordita da una granata, mentre la corrispondente avrebbe solo un taglio a un braccio.

Su Twitter circolano diverse foto di Arvanitidis, a terra e sofferente. La donna, secondo alcuni colleghi, potrebbe avere un braccio rotto. La situazione nella città brasiliana è tesa e confusa, con la polizia che carica i manifestanti, che protestano da settimane.

La polizia militare di San Paolo ha fatto uso di gas lacrimogeni e pallottole di gomma per disperdere un centinaio di persone che manifestavano contro i Mondiali e tentavano di raggiungere lo stadio Itaquerao, dove tra poche ore si giochera' la partita inaugurale Brasile-Croazia. Almeno 3 manifestanti sono stati arrestati e una decina feriti. 

"Senza diritti, niente Mondiali", intonano i manifestanti, bloccati dagli agenti sulla Radial Leste, arteria che conduce allo stadio. Elicotteri della polizia militare sorvolano la zona degli scontri.

La protesta è stata lanciata da alcune centinaia di persone che portavano uno striscione con scritto "Se noi non abbiamo diritti, non ci sarà nessuna Coppa" e cantavano "La Coppa non andrà lontano". La loro intenzione è quella di bloccare la grande arteria che porta all'Arena Corinthians dove si svolgerà la gara inaugurale. Lo studente 27enne Gregory Leao, tra i manifestanti, ha dichiarato: "L'obiettivo è fermare la Coppa del Mondo. Sappiamo che non ci riusciremo ma vogliamo che i brasiliani si mobilitino. Qui la gente ama il calcio ma non ne hanno bisogno in questo momento".

Pare che, nonostante la maggioranza dei brasiliani sia felice ed entusiasta per il via del Mondiale, resista una importante parte di manifestanti che continueranno a protestare contro la manifestazione e gli 11 miliardi di dollari di fondi pubblici spesi per organizzarla.

Ieri i dipendenti della metro di San Paolo avevano votato a favore della sospensione di uno sciopero durato cinque giorni e che aveva seminato il caos in questa megalopoli di 20 milioni.

Altre proteste sono previste oggi a Rio de Janeiro, una in centro città, l'altra a Copacabana nel pomeriggio, non lontano dal fan-fest della Fifa.

 


IL MONDIALE DI CALCIO INIZIA A CALCI (DELLA POLIZIA) CONTRO I MANIFESTANTI CHE PROTESTANO, FERITE DUE GIORNALISTE CNN.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MONDIALE CALCIO   BRASILE   CNN   FERITE   DUE GIORNALISTE   PROTESTE   MANIFESTAZIONI  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PROTESTA CONTRO LA COMMISSIONE UE: AUTORIZZATO L'USO DI GRASSI VEGETALI AL POSTO DEL BURRO DI CACAO PER IL ''CIOCCOLATO''

PROTESTA CONTRO LA COMMISSIONE UE: AUTORIZZATO L'USO DI GRASSI VEGETALI AL POSTO DEL BURRO DI CACAO

lunedì 17 ottobre 2016
LONDRA - Il comparto agroalimentare italiano ed europeo da decenni ha dovuto subire attacchi da parte dell'Unione Europea che con le sue direttive favorisce le multinazionali a scapito delle piccole
Continua
 
OLTRE 200.000 TEDESCHI E AUSTRIACI SONO SCESI IN PIAZZA CONTRO TTIP E CETA, MA IN ITALIA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

OLTRE 200.000 TEDESCHI E AUSTRIACI SONO SCESI IN PIAZZA CONTRO TTIP E CETA, MA IN ITALIA LA NOTIZIA

lunedì 19 settembre 2016
LONDRA - Probabilmente nessuno e' al corrente  - in Italia - del fatto che sabato scorso centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza in Germania e Austria per protestare contro il TTIP
Continua
NOTIZIA CENSURATA IN ITALIA: EUROBUROCRATI SI RIUNISCONO PER APPROVARE IL TTIP, ARRESTATA GENTE CHE PROTESTAVA IN STRADA

NOTIZIA CENSURATA IN ITALIA: EUROBUROCRATI SI RIUNISCONO PER APPROVARE IL TTIP, ARRESTATA GENTE CHE

lunedì 18 luglio 2016
LONDRA - Probabilmente nessuno e' al corrente in Italia del fatto che giovedi' scorso a Bruxelles c'e' stata una manifestazione contro il TTIP e la cosa non deve sorprendere, visto che nessun mezzo
Continua
 
RIVOLTA DI POPOLO IN FRANCIA CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS E PIU' DEL 60% DEI FRANCESI STA CON GLI SCIOPERANTI

RIVOLTA DI POPOLO IN FRANCIA CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS E PIU' DEL 60% DEI FRANCESI STA CON

giovedì 26 maggio 2016
PARIGI -  Lo scontro tra il governo socialista Hollande-Valls sulla contestatissima legge sul "lavoro", una specie di versione francese dell'italico Jobs Act, è arrivato al calor bianco.
Continua
LA RIVISTA ''TIME'': ''PROTESTE DELLA POPOLAZIONE SICILIANA HANNO FERMATO IL PENTAGONO'' (IN ITALIA NESSUNO NE HA SCRITTO)

LA RIVISTA ''TIME'': ''PROTESTE DELLA POPOLAZIONE SICILIANA HANNO FERMATO IL PENTAGONO'' (IN ITALIA

venerdì 18 marzo 2016
NEW YORK -  Le proteste della popolazione siciliana arrivano sulla grande stampa americana, e la ragione è importante: hanno fermato niente di meno che il Pentagono. L'attivazione del
Continua
 
LA GERMANIA DICE BASTA: NIENTE PIU' MIGRANTI E QUELLI ARRIVATI DEVONO ANDARE DOVE DECIDONO LE AUTORITA' (SIAMO AL CAOS)

LA GERMANIA DICE BASTA: NIENTE PIU' MIGRANTI E QUELLI ARRIVATI DEVONO ANDARE DOVE DECIDONO LE

lunedì 11 gennaio 2016
BERLINO - Il commissario europeo per l'Economia e la societa' digitali, Guenther Oettinger (della Cdu di Angela Merkel) chiede ufficialmente per il 2016 una piu' severa limitazione dell'afflusso di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''IL PASSATO, IL PRESENTE E IL FUTURO''(DEL TERRORISMO ISLAMICO) MOSSAD: 15.000 EUROPEI JIHADISTI SONO PRONTI AD AGIRE

''IL PASSATO, IL PRESENTE E IL FUTURO''(DEL TERRORISMO ISLAMICO) MOSSAD: 15.000 EUROPEI JIHADISTI
Continua

 
SPAGNA / LA CRISI  ACCELERA: 5,9 MILIONI DI DISOCCUPATI (26,7%) E TRA I GIOVANI SALE AL 50%. ECONOMIA AL COLLASSO.

SPAGNA / LA CRISI ACCELERA: 5,9 MILIONI DI DISOCCUPATI (26,7%) E TRA I GIOVANI SALE AL 50%.
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!