64.754.681
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''L'ITALIA E' UN CONCENTRATO DI ERRORI DI POLITICA ECONOMICA UE. L'EUROPA IN 50 ANNI E' CRESCIUTA DEL 5%'' (PROF.ANDERSON)

giovedì 12 giugno 2014

Dopo mezzo secolo, il bilancio economico dell’Europa unita è fallimentare: solo un incremento del 5% dalla metà degli anni ‘50, secondo i dati raccolti da Andrea Boltho e Barry Eichengreen nel 2008, cioè prima dello scoppio della crisi finanziaria. Da allora al 2013, dopo cinque anni di recessione, il Pil dell’Eurozona non ha ancora recuperato il livello del 2007, segnalan Perry Anderson, professore di Storia e Sociologia all'Università della California, a Los Angeles. 

Quasi un quarto dei giovani europei - afferma Anderson - sono disoccupati, in Spagna e in Grecia i dati sono catastrofici: 57 e 58%. E persino in Germania, il paese che spaccia come un successo l’aver accumulato surplus commerciale grazie al super-export, gli investimenti sono stati tra i più bassi delle economie del G7. Sempre in Germania, la percentuale di lavoratori a basso salario (quelli che guadagno meno di due terzi del reddito medio) è la più alta di ogni altro Stato dell’Europa occidentale. «Queste sono le più recenti letture dell’unione monetaria», sintetizza Anderson: «I medicastri dell’austerità hanno salassato il paziente, non l’hanno riportato alla salute».

In questo scenario, l'Italia è considerata il malato più grave. «Dall’introduzione della moneta unica – scrive Anderson – l’Italia ha segnato il dato economico peggiore di ogni altro stato dell’Unione: vent’anni di stagnazione virtualmente ininterrotta a un tasso di crescita ben inferiore a quello di Grecia o Spagna». Il debito pubblico italiano è superiore al 130% del Pil. E l’Italia non è certo un paese periferico: è uno dei sei membri fondatori, negli anni ‘80 membro del G7 e quinta potenza industriale del mondo. Tuttora, l’Italia è seconda in Europa – dopo la Germania – per industria manifatturiera ed esportazioni. Le emissioni del Tesoro italiano costituiscono il terzo maggiore mercato di titoli sovrani del mondo. Attenzione: quasi metà del debito pubblico italiano è detenuto all’estero: il dato paragonabile del Giappone è inferiore al 10%. «Nella sua combinazione di peso e di fragilità, l’Italia è il vero anello debole della Ue, dove questa potrebbe teoricamente spezzarsi».

Proprio per evitare il tracollo finale dell’Italia – che metterebbe fine alla stessa Unione Europea – secondo Anderson è possibile che Renzi abbia qualche chance: Bruxelles potrebbe concedere qualche sconto sul rapporto deficit-Pil in cambio delle “riforme” neoliberiste promesse, che – tra flessibilità sul lavoro, nuova legge elettorale e nuova ondata di privatizzazioni – assottigliano ulteriormente il già esile margine di residua sovranità nazionale. «L’Italia non è un membro ordinario dell’Unione – conclude Anderson – ma non è neppure deviante da qualsiasi standard cui potrebbe essere riferito. C’è un’espressione consacrata per descrivere la sua posizione, molto usata dentro e fuori dal paese, ma è sbagliata. L’Italia non è un’anomalia in Europa. Purtroppo, è molto più prossima a esserne un concentrato». 

Un concentrato di errori di politica economica europea basata sull'austerità anzichè sull'espansione della spesa. 

Nota.

DA WIKIPEDIA

Perry Anderson in the 1980s he took office as a professor at the New School for Social Research in New York.He returned as editor at NLR in 2000 for three more years, and after his retirement continued to serve on the journal's editorial committee. He still writes, including frequent contributions to the London Review of Books, and continues to teach as a Distinguished Professor of History and Sociology at the University of California, Los Angeles.


''L'ITALIA E' UN CONCENTRATO DI ERRORI DI POLITICA ECONOMICA UE. L'EUROPA IN 50 ANNI E' CRESCIUTA DEL 5%'' (PROF.ANDERSON)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
 
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua
REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL  ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E POLONIA HANNO DETTO NO)

REPUBBLICA CECA RIFIUTERA' IL ''PATTO SULL'IMMIGRAZIONE'' DELL'ONU (ANCHE USA AUSTRIA UNGHERIA E

lunedì 12 novembre 2018
Aumenta sempre di piu' il numero di coloro che si oppongono al patto ONU sull'immigrazione che verra' adottato dai Paesi partecipanti all conferenza intergovernativa che si terra' in Marocco il 10 e
Continua
 
CONFINDUSTRIA ATTACCA LE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: 4 MILIARDI DI EURO DI MANCATO EXPORT DANNI GRAVISSIMI ALLE PMI. BASTA!

CONFINDUSTRIA ATTACCA LE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: 4 MILIARDI DI EURO DI MANCATO EXPORT DANNI

martedì 6 novembre 2018
La Confindustria scende in campo contro le sanzioni alla Russia: penalizzano le imprese e l'export italiano. Eppure, nonostante le sanzioni il mercato russo "continua a essere strategico" per le
Continua
IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E FERMA L'IMMIGRAZIONE

IN DANIMARCA IL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (COME IL PD IN ITALIA) VOTA INSIEME AI NAZIONALISTI E

lunedì 5 novembre 2018
LONDRA - In Italia non passa giorno che i giornali di regime ripetano fino alla nausea che la popolazione invecchia e quindi c'e' bisogno di far arrivare piu' immigrati per coprire i posti lasciati
Continua
 
INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA 291% MEDIA EUROZONA 266%

INCHIESTA SU TUTTO IL DEBITO PUBBLICO (ESPLICITO + IMPLICITO): ITALIA 57% GERMANIA 149% FRANCIA

lunedì 5 novembre 2018
Ai lacchè nostrani degli oligarchi ue, il periodo dice decisamente male: lo spread rimane stabilmente entro limiti accettabili; la borsa cresce; le banche italiane superano brillantemente gli
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA / STIPENDI PAZZESCHI A BANKITALIA (LEGGETE NOMI E CIFRE) PER UN TOTALE DI 747 MILIONI DI EURO L'ANNO!

INCHIESTA / STIPENDI PAZZESCHI A BANKITALIA (LEGGETE NOMI E CIFRE) PER UN TOTALE DI 747 MILIONI DI
Continua

 
L'EUROPA MASSACRATA DALL'EURO IN UNA SOLA GRAFICA. QUELLA CHE VEDETE IN QUESTO ARTICOLO.

L'EUROPA MASSACRATA DALL'EURO IN UNA SOLA GRAFICA. QUELLA CHE VEDETE IN QUESTO ARTICOLO.


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!