74.230.359
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DALL'A ALLA ZETA, ANALISI DETTAGLIATA DELLE TASSE IMPOSTE DA RENZI (PIU' LA TRAPPOLA 80 EURO, ATTENTI A NON CASCARCI)

mercoledì 11 giugno 2014

L’arrivo degli 80 euro in busta paga è stato salutato come una svolta epocale per la politica italiana. Finalmente un governo che rende ai cittadini anziché rapinarli del frutto del loro lavoro. 

Se così fosse, il premier non eletto Renzi meriterebbe statue in ogni comune dell’italico stivale, foss’altro per essere stato protagonista di una storica inversione di tendenza.

Ma le cose stanno veramente così?

Prima di tutto spieghiamo come funziona il meccanismo degli 80 euro: essi non spettano a tutti i lavoratori dipendenti, ma a coloro che hanno un reddito lordo compreso tra 8.000 e 25.000 euro. Tuttavia, chi vedrà la voce in busta paga, non è detto che sia un effettivo beneficiario. Ci spieghiamo meglio: l’elenco delle persone cui dovrebbe spettare il bonus, è stato estrapolato sulla base dei redditi del 2011. Questo significa che, quando il signor Rossi andrà a fare la dichiarazione dei redditi il prossimo anno, potrebbe trovarsi la spiacevolissima sorpresa di doverli restituire allo stato: sarà sufficiente un piccolo aumento di stipendio avvenuto negli anni successivi, difatti, per farlo decadere dal beneficio. Appare quanto meno singolare che uno stato moderno non sia in grado di basarsi su dati più recenti, ma tant’è.

Diviene quindi evidente come il famigerato e fantomatico bonus di 80 euro sia più simile ad un biglietto del gratta e vinci che ad una cosa certa e sicura. “Di certo e sicuro nella vita ci sono solo due cose: la morte e le tasse” recitava una vecchia battuta ed il buon premier non eletto ha pensato bene di non smentirla.

Difatti, per finanziare gli 80 fantaeuro, ha subito introdotto una bella mazzata sui risparmi di tutti i cittadini, questa volta sicura, certa, effettiva. Il passaggio della tassazione dal 20 al 26% sugli strumenti finanziari va a colpire i piccoli e medi risparmiatori. Immaginatevi di essere il classico pensionato che dopo una vita di sacrifici ha investito una parte, se non tutta, dei propri risparmi in una bella obbligazione della banca che ha sotto casa, e vediamo quello che gli accade grazie alla nuova tassazione del signor Renzi.  

Ipotizziamo che la somma investita sia di 20 mila euro, in un’obbligazione che rende il 2% annuo. A fine anno si sarà riscossa una cedola annua lorda di 400 euro. Ma alla fine della fiera, tra imposta di bollo (0,2% su 20 mila = 40 euro) e ritenuta fiscale sugli interessi (26% su 400 euro= 104), rimangono appena 256 euro.

Quindi si subisce una tassazione del 36%. Tantissimo!

Viceversa, la stessa banca, che avrà investito un bel milioncino di euro in un BTP al 4%, si troverà con questo risultato: a fine anno la banca porta a casa 40.000 euro lordi. A questo importo va tolto lo 0,2% di imposta di bollo sul patrimonio (2000 euro) e la ritenuta fiscale del 12,5% sugli interessi (altri 5000 euro). Quindi rimangono in tasca 33000 euro netti. Per cui si subisce una tassazione di appena il 17,5%, contro il 36% del caso precedente. Cioè 20 punti meno.

Tenete presente che le banche italiane, oltre ad aver usato la liquidità ricevuta dalla BCE per acquistare titoli di stato, hanno anche emesso obbligazioni a tassi relativamente bassi per acquistarne altri, ed il giochetto gli frutta pure bene (emetto obbligazioni al 2-3% per acquistare titoli che rendono il 4-4,5%: solo di cosiddetto arbitraggio guadagnano 1-1,5 punti percentuali senza colpo ferire). 

Renzi, quindi, si dimostra il solito Robin Hood al contrario: massacra i piccoli per preservare i grandi interessi, soprattutto quelli delle banche.

Oltre a questa mazzata, il premier non eletto ha calato altri assi sul tavolo: è stata soppressa la rateizzazione in tre anni e senza interessi dell’imposta del 12 o 16% sulle rivalutazioni dei beni d’impresa, che dovrà ora essere versata in un’unica soluzione, per un importo di circa 600  milioni di euro. Una bella mazzata alle imprese già agonizzanti.

Se tutto questo ancora non vi basta, vi segnaliamo la revisione dell’IMU dei terreni agricoli per circa 350 milioni di euro.

Apriamo poi il capitolo della TASI, la tassa forse più odiata dai cittadini perché colpisce il bene più amato, ovvero la casa: secondo Bankitalia (non il mago Otelma, cui va comunque il nostro rispetto perché in certi casi appare più serio di molti nostri politici), l’importo da pagare quest’anno potrebbe lievitare fino al 60% rispetto allo scorso anno!

Questi sono i dati certi, poi ci sono quelli “variabili”, ovvero le cosiddette clausole di salvaguardia, inserite nelle finanziarie degli anni scorsi come vere e proprie mine antiuomo pronte ad esplodere.

Cosa sono le clausole di salvaguardia? Sono aumenti automatici di imposte, tasse ed accise qualora il gettito fiscale o il rapporto deficit/pil non dovesse raggiungere gli obiettivi previsti.

Con un’economia che sta andando costantemente a rotoli, è lecito prevedere che molte di queste “clausole demenziali” scatteranno.

Con buona pace degli 80 fantaeuro, già ampiamente mangiati da tutto quello che Renzi ha introdotto o aumentato a livello di tasse.

Questa è l’Italia del 2014, fatta di annunci (tanti)  e di fatti (pochi, e di quei pochi, molti dannosi).

Questo è il premier non eletto Matteo Renzi da Firenze.

Luca Campolongo

 

 


DALL'A ALLA ZETA, ANALISI DETTAGLIATA DELLE TASSE IMPOSTE DA RENZI (PIU' LA TRAPPOLA 80 EURO, ATTENTI A NON CASCARCI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TASSE   ANALISI DELLE TASSE   80 EURO   RISCHIO 80 EURO   RENZI   GOVERNO   PD  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA UCCIDENDO L'ECONOMIA

LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA

martedì 18 febbraio 2020
L'epidemia causata dal nuovo ceppo di coronavirus Covid-19, originata nella Cina centrale e poi diffusasi a livello internazionale, ha posto la diplomazia di Pechino in una situazione di stress senza
Continua
 
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
GIORGIA MELONI IN PARLAMENTO: ''PERCHE' DOBBIAMO USARE I SOLDI ITALIANI PER SALVARE LE BANCHE TEDESCHE? CONTE, RISPONDA!''

GIORGIA MELONI IN PARLAMENTO: ''PERCHE' DOBBIAMO USARE I SOLDI ITALIANI PER SALVARE LE BANCHE

mercoledì 11 dicembre 2019
"Si sta creando un cappio per indurre una crisi? Per l'incapacità dei nostri di difendere gli interessi nazionali". Lo chiede Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia intervenendo in Aula
Continua
 
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
 
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
COME IL GOVERNO RENZI DISTRUGGE LO STATO: DECINE DI MILIONI DI EURO A BANCHE CARAIBICHE NIENTE PER ALLUVIONI E TERREMOTI

COME IL GOVERNO RENZI DISTRUGGE LO STATO: DECINE DI MILIONI DI EURO A BANCHE CARAIBICHE NIENTE PER
Continua

 

REPORTAGE ALLUCINANTE DA PORTOPALO, IN SICILIA: PAESE OSTAGGIO DI BANDE DI EXTRACOMUNITARI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

PIRELLI: DUE DEI TRE STABILIMENTI IN CINA SONO CHIUSI, IL TERZO

19 febbraio - MILANO - L'impatto previsto del Coronavirus sui conti di Pirelli ''al
Continua

LA RUSSIA CHIUDE LE FRONTIERE AI CITTADINI CINESI, NON UNO ESCLUSO.

19 febbraio - PECHINO - ''Non e' un bando totale agli scambi tra persone dei due
Continua

BOLLETTINO DI GUERRA CORONAVIRUS: AD OGGI, 2004 MORTI E 74.000

19 febbraio - Sale a quota 2.004 il bilancio totale dei morti per malattia da nuovo
Continua

INCHIODATA DEL PIL DELLA CINA, FABBRICHE APERTE SONO SOLO IL

19 febbraio - La crescita del Pil in Cina potrebbe frenare a +3,5% nel primo
Continua

LA RUSSIA PREPARA UN PIANO PER RIDURRE DANNI DA BLOCCO FORNITURE

18 febbraio - MOSCA - La Russia sta preparando un piano d'azione per ridurre al minimo
Continua

ANCHE CHANEL CANCELLA LE SFILATE DEL PROSSIMO 21 MAGGIO A PECHINO

18 febbraio - Il CORONAVIRUS non risparmia l'industria della moda. Oltre a Prada, che
Continua

CORONAVIRUS: PRADA RINVIA A DATA DA DESTINARSI LE SFILATE IN

18 febbraio - Anche Prada, dopo la rinuncia di Chanel Metiers d'Art a sfilare a
Continua

GRANDI DIFFICOLTA' PER LE IMPRESE STRANIERE IN CINA: IMPIANTI FERMI

18 febbraio - PECHINO - Le imprese straniere stanno avendo grandi difficolta' nel far
Continua

STUDIO USA: 5.000.000 DI AZIENDE A RISCHIO NEL MONDO PER COLPA DEL

18 febbraio - Il coronavirus potrebbe avere un impatto sull'economia globale e
Continua

SALONE INTERNAZIONALE DELL'AUTO DI PECHINO RINVIATO A DATA DA

18 febbraio - PECHINO - Anche il Beijing auto show, il piu' grande evento dell'anno
Continua

INDICE ZEW PRECIPITA: LA GERMANIA VEDE NERISSIMO, CROLLO GLOBALE

18 febbraio - Brusco calo a febbraio dell'indice Zew, che è l'indice di fiducia delle
Continua

MEGA BOOM DELL'OCCUPAZIONE IN GRAN BRETAGNA GRAZIE ALLA BREXIT

18 febbraio - LONDRA - L'economia britannica ha creato posti di lavoro a un ritmo
Continua

542 MALATI DI CORONAVIRUS SULLA NAVE DA CROCIERA DIAMOND PRINCESS

18 febbraio - Altre 88 persone a bordo della nave da crociera Diamond Princess,
Continua

BENETTON PROVANO A VENDERE AUTOSTRADE PER L'ITALIA (CAUSE

17 febbraio - ''Fonti ben informate e vicine al dossier confermano che la famiglia
Continua

SECONDO IL PD, LA MAGGIORANZA VA ''STABILIZZATA'' ALLARGANDOLA

17 febbraio - ''Il ragionamento di Bettini, alias Zingaretti, secondo cui la
Continua

CINA: GOVERNO DECIDE CHE TUTTI I PEDAGGI NELL'INTERA RETE VIARIA

17 febbraio - PECHINO - Il governo cinese deve essersi reso conto che l'epidemia di
Continua

UN ITALIANO MALATO TRA I PASSEGGERI EVACUATI DALLA DIAMOND PRINCESS

17 febbraio - Un italiano che si trovava a bordo della Diamond Princess, la nave
Continua

EPIDEMIA CORONAVIRUS DILAGA SULLA NAVE DIAMOND PRINCESS: 454 MALATI

17 febbraio - TOKYO - I test hanno accertato altri 99 contagiati sulla nave da
Continua

SALVINI: VOGLIONO CANCELLARE I DECRETI SICUREZZA. PAZZESCO.

17 febbraio - ''Pazzesco. Con tutti i problemi che ci sono in Italia qual e' la loro
Continua

BMW CHIUDE TRE FABBRICHE IN CINA PER COLPA DEL CORONAVIRUS

30 gennaio - Bmw sta chiudendo tre delle sue fabbriche nella città cinese di
Continua
Precedenti »