50.028.795
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / STIPENDI PAZZESCHI A BANKITALIA (LEGGETE NOMI E CIFRE) PER UN TOTALE DI 747 MILIONI DI EURO L'ANNO!

martedì 10 giugno 2014

Se i governi vogliono davvero difendere la volontà popolare, devono rivedere i trattati europei che assegnano impropriamente a mostri giuridici come Bce e Mes, poteri che nelle democrazie appartengono a Stati e Governi sovrani eletti democraticamente, non certo a tecnocrati ed oligarchi, nominati per grazia ricevuta ad organismi autoreferenziali, come la Banca Centrale Europea.

Mentre i giovani disoccupati al 46% (61% al Sud) fanno la fame, senza speranza per il futuro costretti a vite precarie trimestrali a 600 euro al mese, il presidente della Bce Mario Draghi ha posto il veto sul decreto del Governo che tentava di abbassare i mega-stipendi dei mandarini di Palazzo Koch, con un "no" netto, al tentativo di ridurre i costosi oneri di funzionamento della Banca d’Italia, pachiderma inefficiente e costoso, che non suscita scandali e polemiche sulla stampa allineata.

Il Governatore di Bankitalia Ignazio Visco, che predica l’austerità e tagli a stipendi e pensioni miserabili, guadagna 41.333 euro al mese, 496.000 euro l’anno: ben 121.000 euro in più del presidente Bce Mario Draghi, che ne riceve 375.000 euro, 346.000 euro in più di Janet Yellen, la nuova presidente della Federal Reserve USA, che si ferma a 150 mila euro. 

Il direttore generale Salvatore Rossi, guadagna 37.500 euro al mese, 450.000 euro l’anno, i tre vicedirettori generali Fabio Panetta, Luigi Federico Signorini e Valeria Sannucci 26.250 euro/mese, 315.000 euro l’anno, mentre un funzionario generale si porta a casa 130.000 euro l’anno, 10.833 euro al mese, che equivale allo stipendio annuo di milioni di giovani precari, costretti a sputare sangue per vedersi rinnovare i contratti trimestrali. 

I dirigenti di Bankitalia, passata dalla funzione monetaria alla funzione bibliotecaria per propagandare (come si legge sul sito ufficiale) collezioni d’arte, mostre e claque organizzata per gli alti papaveri che vanno in visita per le 58 Filiali, sono 606, i funzionari 1.449, i coadiutori 1.317, gli altri dipendenti 3.697. Il monte stipendi, più oneri vari, per il personale in servizio è ammontato nel 2012 a 747 milioni di euro, mentre pensioni ed indennità di fine rapporto, nel 2012 sono costati 323 milioni di euro. In media ognuno dei 7.069 dipendenti di Palazzo Koch sito in Roma a via Nazionale 91 e delle 58 filiali sparse per l’Italia, è costato alla collettività 105.672 euro l’anno.

Adusbef auspica che il presidente del Consiglio Renzi, possa portare in occasione del semestre di presidenza italiano in Europa, un ordine del giorno per rivedere Trattati intollerabili per governi e popoli sovrani impoveriti dalla crisi sistemica per diretta responsabilità di banche e banchieri centrali che hanno intossicato di derivati le economie sane, estendendo le forbici della spending review anche ai ‘mandarini di Palazzo Koch’ e di una Banca d’Italia, che oltre ad aver perso la funzione monetaria in cambio della funzione bibliotecaria con stipendi 10 volte maggiori dei lavoratori delle biblioteche, funge da zerbino agli interessi delle banche e dei banchieri, senza mai prevenire i crack bancari, affrontando con urgenza sperperi e sprechi scandalosi ed intollerabili.


INCHIESTA / STIPENDI PAZZESCHI A BANKITALIA (LEGGETE NOMI E CIFRE) PER UN TOTALE DI 747 MILIONI DI EURO L'ANNO!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Adusbef   Banca d'Italia   casta   stipendi folli   sacrifici   mandarini   Renzi   licenziamenti    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO DOMINGO (ZERO TASSE!)

DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO

venerdì 28 luglio 2017
Mentre il ducaconte renziloni - al secolo Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio targato Pd dell'Italia  - prende scoppole a destra ed a manca, soprattutto dal neopresidente francese, a
Continua
 
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SQUINZI TUONA CONTRO GLI IMPRENDITORI ''CORRUTTORI'' VIA DA CONFINDUSTRIA! (ALLORA CACCI IL SUO VICE DIRETTORE GENERALE)

SQUINZI TUONA CONTRO GLI IMPRENDITORI ''CORRUTTORI'' VIA DA CONFINDUSTRIA! (ALLORA CACCI IL SUO
Continua

 
''L'ITALIA E' UN CONCENTRATO DI ERRORI DI POLITICA ECONOMICA UE. L'EUROPA IN 50 ANNI E' CRESCIUTA DEL 5%'' (PROF.ANDERSON)

''L'ITALIA E' UN CONCENTRATO DI ERRORI DI POLITICA ECONOMICA UE. L'EUROPA IN 50 ANNI E' CRESCIUTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!