69.206.970
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DESERTIFICAZIONE INDUSTRIALE ITALIANA: SIAMO SCESI ALL'8° POSTO SCAVALCATI PERFINO DA BRASILE E INDIA (ERAVAMO AL 5°)

mercoledì 4 giugno 2014

Il Brasile scavalca l'Italia nella graduatoria dei maggiori paesi produttori, elaborata dal Centro studi di Confindustria, e si piazza al settimo posto. L'Italia superata anche da India al sesto posto e Corea del Sud, al quinto posto. La Cina svetta nella classifica, seguita da Stati Uniti, Giappone e Germania. Dietro l'Italia, la Francia, al nono posto e la Russia, al decimo.

I Paesi emergenti, sottolineano gli economisti di Viale dell'Astronomia in Scenari industriali, "continuano a correre, mentre l'Italia arretra ancora". Passando "in sei anni dal quinto all'ottavo posto" della classifica. "In se rimane un ottimo piazzamento, se si considera il Paese e' 23° per forza geografica. Ma l'arretramento va al di la' della fisiologica avanzata degli emergenti, perche' e' stato accentuato da demeriti domestici: nel 2007-2013 la produzione e' scesa del 5% medio annuo, una contrazione che non ha riscontro negli altri piu' grandi paesi manifatturieri".

Calo della domanda interna, asfissia nel credito, aumento del costo del lavoro slegato dalla produtitivita', redditivita' "che ha toccato nuovi minimi" sono fra "le cause piu' prossime di questa dinamica". L'industria italiana registra una "massiccia erosione della base produttiva" e, comparando i dati dei censimenti del 2001 e 2011 emerge "un quadro impietoso, con una contrazione di oltre centomila unita' locali e quasi un milione di addetti. Che e' proseguita nel biennio successivo: altri 160mila occupati e 20mila imprese perduti".

La produzione industriale, cresciuta del 36,1% tra il 2000 e il 2013 a livello mondiale, in Italia "e' in netta controtendenza" con un calo del 25,5%". Il nostro Paese "fa peggio proprio laddove gli altri vanno meglio, con rare eccezioni. Il divario si era gia' aperto prima del 2007. Si e' allargato drammaticamente dopo".

Nei piu' grandi paesi avanzati "la politica industriale e' tornata a essere utilizzata come leva normale di governo dell'economia, con la stessa dignita' di quelle bilancio e monetaria. Anche in cio' il comportamento dell'Italia diverge.

Fra i settori con peggiori performance svetta quello di computer e macchine per ufficio, che in tredici anni ha perso il 99,3%, un comparto "sostanzialmente sparito - dice il direttore del Centro studi di Confindustria, Luca Paolazzi - mentre in altri Paesi e' andato bene" con una produzione cresciuta dell'81,7% nello stesso periodo.

Male anche i settori industria del tabacco (-68,1%), industria elettronica (-56,1% contro +122,7% nel mondo), autoveicoli (-52,2%), pelletteria (-48,6%) e tessile (-48,1%). Secondo il Centro studi Confindustria, la politica deve mettere al centro delle azioni il settore manifatturiero: "sono vitali - si sottolinea - interventi tempestivi, perche' partire in ritardo, in un mondo in cui questa logica e' diventata la regola, significa perdere terreno nei confronti dei Paesi concorrenti che gia' si sono avviati lungo questo percorso".


DESERTIFICAZIONE INDUSTRIALE ITALIANA: SIAMO SCESI ALL'8° POSTO SCAVALCATI PERFINO DA BRASILE E INDIA (ERAVAMO AL 5°)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ITALIA   CAFUTA   8° POSTO   DAL 5° POSTO   EURO   DISASTRO   UE   VIA DALLA UE   INDUSTRIE SCHIUSE   TASSE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua
INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO

INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO

lunedì 10 giugno 2019
Negli scorsi giorni, la Camera dei deputati all’unanimità ha approvato i cosiddetti minibot. Una volta tanto i sinistrati del piddì ne hanno fatto una giusta, salvo poi rendersi
Continua
 
FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE ''LIBERALIZZATO'' I SERVIZI

FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE

lunedì 10 giugno 2019
LONDRA - I burocrati della commissione europea che nessuno ha eletto amano spesso intraprendere azioni legali contro governi democraticamente eletti e questo spiega il crescente euroscetticismo da
Continua
SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI PER IL LAVORO

SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E

mercoledì 5 giugno 2019
"Noi siamo persone serie, l'Italia è un paese serio, che rispetta la parola data. Quindi andremo in Europa e ci metteremo seduti al tavolo con responsabilità, non per distruggere, ma
Continua
 
LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI SEGRETI POLITICI & GIUDICI

LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI

mercoledì 5 giugno 2019
Incontri "segreti" in hotel, durante le cene o a casa: 7 giorni, dal 9 al 16 maggio, di "trattative per le nomine degli uffici giudiziari", in particolare quelli di Roma, Perugia e Brescia. E' quello
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA UE E' UNA FABBRICA DI POVERTA': 123 MILIONI DI POVERI, DI CUI 800.000 BAMBINI. 26 MILIONI DI DISOCCUPATI. (BASTA UE!)

LA UE E' UNA FABBRICA DI POVERTA': 123 MILIONI DI POVERI, DI CUI 800.000 BAMBINI. 26 MILIONI DI
Continua

 
HOLLANDE: ''RISCHIO DESTABILIZZAZIONE DELLA ZONA EURO, SE BNP-PARIBAS MULTATA CON 10 MLD DI DOLLARI'' (NOTIZIA CENSURATA)

HOLLANDE: ''RISCHIO DESTABILIZZAZIONE DELLA ZONA EURO, SE BNP-PARIBAS MULTATA CON 10 MLD DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!