67.692.351
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA VERITA' SUI CONTI DELL'ITALIA? ECCOLA: SOMIGLIANO A QUELLI DELLA GRECIA E RENZI FA IL LAVORO SPORCO DELLA TROIKA

lunedì 2 giugno 2014

La realtà, si sa, ha la brutta abitudine di fare quello che le pare, infischiandosene di previsioni, statistiche tendenziali e, soprattutto, dei proclami dei politici.

Il 2014 era stato promesso come l’anno della svolta dell’economia italiana (così come lo erano stati il 2013 e il 2012) con pil in crescita, riduzione dei disoccupati, calo del deficit e del debito pubblico. Insomma, la famosa luce in fondo al tunnel doveva essere proprio lì a portata di mano. Se di luce si può parlare, tuttavia, appare più simile a quella dei lumini presenti sulle tombe, che non al radioso sol dell’avvenire tanto caro alla sinistra italiana.

Difatti i dati diffusi recentemente dall’ISTAT sbugiardano  per l’ennesima volta i proclami trionfalistici del governo. Con un calo dei prezzi alla produzione dell’1,5% su base annua e dello 0,3% sul mese precedente, la deflazione che ha colpito il paese per causa delle folli politiche economiche attuate dagli ultimi tre governi, si conferma in forte accelerazione, alla pari del calo dei prezzi al consumo, che diminuiscono di un ulteriore 0,1% rispetto al mese scorso. Il significato di questi dati è che le aziende, nel disperato tentativo di aumentare le vendite, stanno contraendo sempre più i propri margini, con gravissimi impatti sull’occupazione e sugli investimenti futuri.

Non è un caso che il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco abbia lanciato un grido d’allarme sul crollo degli investimenti da parte delle aziende. D’altra parte per investire sono necessari due elementi fondamentali: la liquidità (che oggi viene divorata da uno stato parassita che tassa all’inverosimile) e la fiducia (che oggi manca totalmente, dato che non si riesce a vendere nemmeno abbassando i prezzi). E difatti l’occupazione è diminuita di un ulteriore 1% su base annua.

Con questi dati a dir poco disastrosi, appare di tutta evidenza come le varie proiezioni sul rapporto deficit/pil fatte nei mesi scorsi dal governo, non siano altro che carta straccia, buona al più per accendere il fuoco. Non ci credete? Bene, le stime fatte dal governo sul rapporto deficit/pil per l’anno corrente erano le seguenti:  A settembre 2012 si prevedeva un rapporto del  1,5%, a marzo del 2013 si ipotizzava un 1,7%, a dicembre dello scorso anno un 2,5%,mentre le ultime stime riferite dal Sole24Ore parlano apertamente di un rapporto al 3% se saremo fortunati.

Personalmente ho lavorato per alcune multinazionali e posso assicurare che ho visto un responsabile della pianificazione e controllo essere cacciato dalla sera alla mattina per aver compiuto stime errate con molta minore approssimazione di quanto fatto dai nostri governanti.

Non è concepibile che un governo debba rivedere per ben 4 volte nell’arco di pochi mesi le stime su un parametro cruciale come quello del rapporto deficit/pil, poiché da esso dipende anche l’andamento del ben più sensibile rapporto debito/pil. Questo ha un solo significato: chi ci governa non ha la più pallida idea di dove stia andando l’economia italiana e si limita a navigare a vista, sperando in un miracolo che non avverrà, perché la linea dettata da Merkel è ben chiara.

Un altro esempio? A fronte dei famosi e teorici 80 euro in più in busta paga, potremmo assistere, fonte ISTAT ad un aumento dell’imposta TASI fino al 60% per i proprietari delle prime case. Naturalmente, il sottosegretario Delrio si è affrettato a negare tutto ciò, peccato che finora l’unico ad aver sfornato dati attendibili sia proprio l’ISTAT e non certo un governo che appare sempre più un gruppetto di disperati imbonitori pronti a spararla sempre più grossa.

Gli 80 euro sono certo serviti all’ex sindaco di Firenze a garantirsi il successo elettorale (niente di nuovo sotto il sole in questo strano paese: Achille Lauro regalava la scarpa destra prima del voto e quella sinistra poi), ma quando la maggioranza di quelli che li hanno percepiti saranno costretti a restituirli con la dichiarazione dei redditi del prossimo anno (come già anticipato dall’agenzia delle entrate), cui andrà a sommarsi l’aumento della TASI ed il taglio delle detrazioni per famiglie a carico, oltre all’aumento drammatico di qualche altra decina di tasse, l’economia sarà andata ulteriormente a picco e di questo paese sarà rimasto poco più che un cumulo di macerie.

Ci piacerebbe sentire dalla viva voce del presidente del consiglio non eletto, se la sua poltrona vale davvero la distruzione di un’intera nazione. Ovviamente non riceveremo alcuna risposta: è troppo impegnato a contare denari che non ha, proprio come Hitler nel bunker di Berlino disponeva sulla cartina divisioni corazzate che esistevano solo nella sua mente.

PS. Una piccola postilla: il calo dei prezzi alla produzione, che si traduce nella deflazione, porta a quella famigerata "svalutazione interna", ovvero all’impoverimento di un’intera nazione, che certi paraeconomisti molto in voga preferiscono alla svalutazione competitiva verso l’esterno. Il motivo?

Semplice: attraverso la svalutazione interna non sono costretti ad ammettere di aver completamente sbagliato i loro modelli teorici riguardo la moneta unica. Complimenti per l’onesta intellettuale e la capacità di autocritica, che dovrebbero essere i due fari guida di un qualsiasi scienziato.

Luca Campolongo

consulenza@sosimprese.info

www.sosimprese.info


LA VERITA' SUI CONTI DELL'ITALIA? ECCOLA: SOMIGLIANO A QUELLI DELLA GRECIA E RENZI FA IL LAVORO SPORCO DELLA TROIKA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ISTAT RENDE NOTI DATI APOCALITTICI: LA DEFLAZIONE ACCELERA -1,8% TENDENZIALE, L'ITALIA E' IN AFFONDAMENTO RAPIDO.

L'ISTAT RENDE NOTI DATI APOCALITTICI: LA DEFLAZIONE ACCELERA -1,8% TENDENZIALE, L'ITALIA E' IN
Continua

 
LA UE E' UNA FABBRICA DI POVERTA': 123 MILIONI DI POVERI, DI CUI 800.000 BAMBINI. 26 MILIONI DI DISOCCUPATI. (BASTA UE!)

LA UE E' UNA FABBRICA DI POVERTA': 123 MILIONI DI POVERI, DI CUI 800.000 BAMBINI. 26 MILIONI DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »