43.232.459
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL CAPOLAVORO DI PUTIN: MENTRE LA UE E' DILANIATA NASCE ''L'UNIONE ECONOMICA EUROASIATICA'' (170 MILIONI DI PERSONE)

giovedì 29 maggio 2014

Mentre a Bruxelles la UE annaspa, dilanianta nelle faide tra oligarchi per spartirsi il bottino di soldi (rubati ai contribuenti europei) e potere (rubato alle democrazie degliStat che formano l'Europa), tutto è pronto ad Astana al Palazzo dell'Indipendenza per realizzare il sogno di Vladimir Putin, considerato in Russia il riconquistatore o zar illuminato: ecco che nasce l'Unione economica euroasiatica.

Per qualcuno - i detrattori - è come rimettere in piedi l'Unione Sovietica, in base a un piano che Vladimir Vladimirovich persegue ormai da quindici anni, ma per i vertici dell'ufficio stampa del Cremlino è semplicemente "un evento di importanza storica nello sviluppo di processi di integrazione nello spazio eurasiatico". E se l'Ucraina è nel mezzo di una guerra civile, dopo le proteste filoccidentali sulla Maidan e la destituzione del filorusso Viktor Yanukovich, in questo 29 maggio 2014 in Kazakistan si scrive un capitolo di segno opposto.

Il tutto mentre l'Unione europea - a cui questa nuova realtà da una parte si ispira, dall'altra si propone come controcanto - sta attraversando una crisi significativa e richiede un cambio di marcia, pena la dissoluzione entro pochi mesi.

Oltre al presidente russo, il collega bielorusso Aleksandr Lukashenko e ovviamente il padrone/leader di casa Nursultan Nazarbajev, "durante l'incontro, è prevista la firma del trattato per la creazione della Comunità Economica Eurasiatica (CEEA)" rende noto il Cremlino. Insomma il passo successivo alla Unione doganale che aveva già aperto la strada a una prima integrazione tra le tre ex repubbliche sorelle. La sigla è prevista intorno alle 10.20 di oggi ora italiana.

Il progetto apre a scenari monumentali, soprattutto per i dossier petroliferi e del gas, ma anche delle infrastrutture. "I paesi partecipanti seguiranno politiche coerenti nei settori chiave dell'economia, energia, industria, agricoltura, trasporti.

C'è un sostanziale aumento di opportunità di business per la realizzazione di investimenti congiunti e progetti di cooperazione e comunicazione", si apprende. Si terrà inoltre "una riunione regolare del Consiglio economico eurasiatico che è l'organismo principale di questa Unione sempre più stretta tra russia, Bielorussia e Kazakistan: "è il terzo vertice dei capi di stato quest'anno", si aggiunge da Mosca.

Ma i confini di questa Unione sembrano destinati ad allargarsi.

Si profila "l'adesione al trattato sull'Unione economica eurasiatica e la preparazione di una road map per l'adeguamento della legislazione del Kirghizistan". E anche l'Armenia sembra aver optato per l'Eurasia e non per l'Europa, e secondo fonti già domani si renderà ancora più palese questa scelta. Per ora, in base solo con i tre stati aderenti, si parla di "uno dei raggruppamenti di integrazione regionale più grande al mondo, con una popolazione di 170 milioni di persone. Con un Pil totale degli Stati aderenti che sfiora i 2.700 miliardi di dollari (l'85% del prodotto lordo della Comunità di Stati Indipendenti)".

Redazione Milano


IL CAPOLAVORO DI PUTIN: MENTRE LA UE E' DILANIATA NASCE ''L'UNIONE ECONOMICA EUROASIATICA'' (170 MILIONI DI PERSONE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Russia   Putin   Economica Euroasiatica   Mosca   Astana    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
 
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua
 
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e
Continua
WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street
Continua
 
DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA BIANCA (TENETEVI FORTE)

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA

lunedì 16 gennaio 2017
La Brexit "una gran cosa" e con la Gran Bretagna Donald Trump vuole firmare un accordo commerciale vantaggioso per entrambi i Paesi, mentre l'Ue perderà altri pezzi e questo principalmente a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA DANIMARCA ALZA IL PONTE LEVATOIO: DOPO IL TRIONFO DEL DANISH PEOPLE PARTY FRONTIERE CHIUSE ALLA UE (NIENTE IMMIGRATI)

LA DANIMARCA ALZA IL PONTE LEVATOIO: DOPO IL TRIONFO DEL DANISH PEOPLE PARTY FRONTIERE CHIUSE ALLA
Continua

 
LA UE ADESSO PRETENDE (DOPO IL VOTO) 4 MILIARDI E 600 MILIONI DI EURO DAGLI STATI EUROPEI (CAMERON HA GIA' DETTO NO)

LA UE ADESSO PRETENDE (DOPO IL VOTO) 4 MILIARDI E 600 MILIONI DI EURO DAGLI STATI EUROPEI (CAMERON
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!