49.858.363
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FRANCIA / LA CORTE DEI CONTI DENUNCIA: IL GOVERNO (LEGGI: HOLLADE) HA TRUCCATO I CONTI! C'E' UN BUCO DI 14 MILIARDI''.

mercoledì 28 maggio 2014

PARIGI - Dopo la batosta elettorale il governo francese riceve un'altra tegola in testa, stavolta sul bilancio dopo che la Corte dei Conti ha puntato il dito su un buco da oltre 14 miliardi di euro sui conti del 2013. In un rapporto pubblicato oggi la magistratura contabile transalpina ha messo in rilievo la voragine che si è creata tra l'aumento di gettito fiscale previsto dall'esecutivo, pari a circa 30 miliardi di euro, e quello effettivamente incassato che è risultato pari a poco più della metà del previsto: solo 15,6 miliardi.

La Corte dei Conti quindi solleva dubbi sulla "sincerità" dei piani di bilancio, spiegando che questa marcata divergenza è imputabile sì a una crescita economica più debole del previsto ma anche a i metodi di calcolo scelti dal governo che fa capo al presidente Francois Hollande.

"Il minor gettito resta mal spiegato dall'amministrazione", accusano i giudici contabili transalpini. Sono state ottenute entrate inferiori al previsto dall'Iva e dalle imposte sui redditi di imprese e personali. E sul 2014 i metodi di calcolo delle attese di gettito del governo non hanno subito cambiamenti sostanziali. Parallelamente un organismo di vigilanza che ha sede presso la stessa magistratura contabile, le Haut Conseil des finances publiques, ha chiesto al governo di correggere gli sforamenti sul deficit strutturale. Nel 2013 il deficit effettivo della Francia ha toccato il 4,3 per cento del Pil, mentre il disavanzo strutturale si è attestato al 3,1 per cento, quasi il doppio dell'1,6 per cento su cui Parigi si era impegnata. Al momento il governo francese ha previsto su quest'anno economie supplementari da circa 4 miliardi di euro, affermando che basteranno a riportare il deficit al 3,8 per cento del Pil e poi al 3 per cento sul 2015. 

Non bastasse questa enorme tegola sulla testa di Hollande - che è pubblicamente accusato di avere truccato i conti della Francia - arriva un "siluro" anche da deputati del suo stesso partito. Tra i parlamentari del gruppo socialista all'Assemblea nazionale francese si diffonde la preoccupazione per l'inesorabile calo di popolarita' di Francois Hollande. Tanto che qualcuno, secondo quanto rivela il quotidiano Le Figaro, ha anche cominciato a sollevare pubblicamente, almeno nelle riunioni del gruppo parlamentare, la questione dell'immagine negativa del presidente e dei suoi effetti sui risultati del partito.

"Il rapporto di Francois Hollande con i francesi pone un vero problema. Dirglielo sarebbe fargli un favore", ha dichiarato ieri davanti ai colleghi il deputato del nord Guy Delcourt, suscitando grande stupore ma anche, sempre secondo la cronaca del Figaro, quotidiano di centrodestra, qualche mormorio di approvazione. Diversi altri deputati, nel corso della stessa riunione, avrebbero inoltre criticato, in modo piu' o meno aperto, l'intervento televisivo di Hollande di lunedi' sera, giudicato "inopportuno", "troppo tecnico" o addirittura "incomprensibile". Il Premier Manuel Valls ha pero' tentato di gettare acqua sul fuoco, spiegando ai deputati riuniti che "il risultato di domenica non e' una sorpresa", perche' "nessuno poteva credere che si potesse invertire la tendenza in sole otto settimane", dopo la sconfitta nelle municipali e il conseguente rimpasto di governo.

Resta che più di una voce riferisce come all'interno del Partito Socialista Francese circoli con insistenza l'ipotesi sia di elezioni politiche anticipate, sia (detto sottovoce) di dimissioni di Hollande. 

Redazione Milano.


FRANCIA / LA CORTE DEI CONTI DENUNCIA: IL GOVERNO (LEGGI: HOLLADE) HA TRUCCATO I CONTI! C'E' UN BUCO DI 14 MILIARDI''.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI

venerdì 19 maggio 2017
PARIGI - Contrariamente alla tradizione, il neo presidente Emmanuel Macron ed il suo primo ministro Edouard Philippe non godranno di un periodo di "luna di miele" presso l'opinione pubblica francese:
Continua
 
IL PIROETTONE DEL BISCHERO.

IL PIROETTONE DEL BISCHERO.

lunedì 8 maggio 2017
IL SALTO DELLA QUAGLIA. PRIMA:  "Un'ora e mezza di vertice all'Eliseo poi rientro a Roma in serata. Una cena "informale" con anche il primo ministro francese Manuel Valls. Quest'ultimo, al
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
SONDAGGIO DI LES ECHOS (IL SOLE 24 ORE D'OLTRALPE): ''IL POLITICO PIU' POPOLARE DI FRANCIA E' MARINE LE PEN''

SONDAGGIO DI LES ECHOS (IL SOLE 24 ORE D'OLTRALPE): ''IL POLITICO PIU' POPOLARE DI FRANCIA E'

lunedì 7 novembre 2016
LONDRA - Chi e' il politico piu' popolare in Francia? Un sondaggio fatto di recente da Elabe per conto del quotidiano finanziario Les Echos, che è l'equivalente in Francia dell'italiano Sole
Continua
FRANCIA INCHIODATA: CADE IL PIL NEL 2016 E 2017 ''NERO'' TRA EFFETTO BREXIT PRESIDENZIALI USA CRISI DELL'EURO E DELLA UE

FRANCIA INCHIODATA: CADE IL PIL NEL 2016 E 2017 ''NERO'' TRA EFFETTO BREXIT PRESIDENZIALI USA CRISI

venerdì 7 ottobre 2016
FRANCIA - Ancora una brutta notizia per il presidente francese Francois Hollande e per una sua eventuale e malaugurante candidatura alle elezioni presidenziali della  primavera 2017, scrive il
Continua
 
RIVOLTA A CALAIS, COMUNE CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS: NON VOGLIAMO UN ALTRO MURO, VOGLIAMO CHE CACCIATE I MIGRANTI!

RIVOLTA A CALAIS, COMUNE CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS: NON VOGLIAMO UN ALTRO MURO, VOGLIAMO CHE

martedì 4 ottobre 2016
CALAIS - FRANCIA - Braccio di ferro in Francia tra il Comune di Calais ed il governo Hollande-Valls, a botte di ordinanze e contro-ordinanze, intorno alla costruzione del "muro anti-intrusione"
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RISERVATO / ECCO L'ELENCO COMPLETO DEI PARTECIPANTI ALLA RIUNIONE DEL BILDERBERG GROUP (29 MAGGIO-1°GIUGNO COPENHAGEN)

RISERVATO / ECCO L'ELENCO COMPLETO DEI PARTECIPANTI ALLA RIUNIONE DEL BILDERBERG GROUP (29
Continua

 
LA DANIMARCA ALZA IL PONTE LEVATOIO: DOPO IL TRIONFO DEL DANISH PEOPLE PARTY FRONTIERE CHIUSE ALLA UE (NIENTE IMMIGRATI)

LA DANIMARCA ALZA IL PONTE LEVATOIO: DOPO IL TRIONFO DEL DANISH PEOPLE PARTY FRONTIERE CHIUSE ALLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!