50.772.350
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FMI E TROIKA EUROPEA SONO PASSATI DA CECITA' (POLITICHE ECONOMICHE ERRATE) A SCHIZOFRENIA (LO AMMETTONO MA INSISTONO)

martedì 27 maggio 2014

Dalla cecità…

Da oltre 30 anni, il Fondo monetario internazionale (FMI) impone politiche di aggiustamento strutturale (drastici tagli nelle spese sociali, privatizzazioni, flessibilità del mercato del lavoro, ecc.) alla maggior parte dei paesi in via di sviluppo. L’obbiettivo dichiarato è quello di risanare le finanze pubbliche per ripartire su “basi migliori”. I risultati sono stati drammatici. La povertà, l’esclusione sociale e le ineguaglianze sono esplose, mentre il problema del debito si è aggravato. Il debito dei paesi in via di sviluppo è stato moltiplicato per quattro fra il 1982 e il 2012; alla maggior parte di questi paesi il problema del debito ha impedito di realizzare investimenti socialmente utili e ecologicamente responsabili. Guardando al contenuto delle politiche di austerità applicate nella Zona euro dalla Commissione europea e dal FMI dal 2008, si vede come somigliano ai piani di aggiustamento strutturale che hanno devastato i paesi del sud del pianeta. I risultati sono identici : rallentamento economico, aumento della disoccupazione, esplosione delle ineguaglianze sociali e aggravamento dei deficit e del debito. Non esiste un solo esempio che mostri che questa politica porta risultati positivi. A questo stadio possiamo chiaramente parlare di cecità dell’élite politica.

…alla schizofrenia

Sembra che non sia solo la cecità ad affliggere i dirigenti politici europei. In effetti da oltre un anno si assiste alla moltiplicazione dei rapporti della Commissione europea e del FMI dove questi ammettono che le politiche promosse costituiscono un grave errore.

Gennaio 2013: Olivier Blanchard, economista capo del FMI, svela che il Fondo monetario ha largamente sottovalutato l’impatto negativo dell’austerità sulla crescita economica. L’errore nei calcoli si situa attorno al 300 %.

Marzo 2013: La Commissione europea pubblica un rapporto nel quale ammette che l’austerità non dà gli effetti sperati e aggrava la crisi sociale : “Gli effetti negativi delle restrizioni di bilancio sull’impiego e il livello sociale sono sempre più visibili in certi Stati della Zona euro.”

Aprile 2013: un gruppo di ricercatori dell’università americana del Massachusetts demolisce un modello economico usato dalla Commissione europea per incoraggiare gli Stati della Zona euro a rinforzare le misure di austerità. Il modello, realizzato da Carmen Reinhart e Kennet Rogoff, ex economista capo del FMI, afferma che un debito pubblico superiore al 90% del Pil causa automaticamente un rallentamento della crescita economica. I due economisti avevano dimenticato di includere nei loro calcoli alcuni dati essenziali e alcuni paesi. Alla fine, la loro affermazione si era rivelata completamente sbagliata. Reinhart e Rogoff avevano ammesso l’errore ma avevano insistito sulla validità del loro modello.

Maggio 2013: José Manuel Barroso, presidente della Commissione europea, dichiara che “pur ritenendo che questa politica di austerità sia fondamentalmente giusta, penso che abbia raggiunto i suoi limiti”.

Ottobre 2013: documenti interni mostrano che il FMI sapeva che la Grecia sarebbe collassata malgrado il piano di aiuti elaborato nel 2010. Il direttore esecutivo Paulo Nogueira Batista aveva dichiarato: “I rischi del programma di aiuti sono immensi. In altri termini, questo programma può essere considerato non come un’operazione di salvataggio della Grecia, che dovrà subire un aggiustamento devastante, ma come un piano di salvataggio dei creditori privati della Grecia, principalmente gli istituti finanziari europei.”

Malgrado tutte queste riflessioni e ammissioni, i dirigenti persistono nell’applicazione delle politiche di austerità.

TICINOLIVE.CH - che ringraziamo. 


FMI E TROIKA EUROPEA SONO PASSATI DA CECITA' (POLITICHE ECONOMICHE ERRATE) A SCHIZOFRENIA (LO AMMETTONO MA INSISTONO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FMI   BCE   UE   POLITICHE ECONOMICHE ERRATE   DATI FALSI   ANALISI SBAGLIATE   AMMISSIONI   TORTO   ERRORI ENORMI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA STAMPA TEDESCA DIVULGA NOTIZIE MOLTO ALLARMANTI SUL SISTEMA BANCARIO DELLA GERMANIA (GIGANTE COI PIEDI D'ARGILLA)

LA STAMPA TEDESCA DIVULGA NOTIZIE MOLTO ALLARMANTI SUL SISTEMA BANCARIO DELLA GERMANIA (GIGANTE COI
Continua

 
INCHIESTA FINANZIARIA / DEI 160 MILIARDI DI SOFFERENZE (AD APRILE) DELLE BANCHE ITALIANE RECUPERABILE SOLO 4% (DISASTRO)

INCHIESTA FINANZIARIA / DEI 160 MILIARDI DI SOFFERENZE (AD APRILE) DELLE BANCHE ITALIANE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!